Salute 5 Maggio 2021 13:24

Le linee guida per tornare a visitare i parenti nelle Rsa, Federanziani: «Attenzione anche all’aspetto psicologico»

Green Pass e misure di sicurezza per riaprire le Rsa: «Per gli anziani il lockdown non è mai finito»

Le linee guida per tornare a visitare i parenti nelle Rsa, Federanziani: «Attenzione anche all’aspetto psicologico»

In Conferenza delle Regioni sono state approvate le nuove linee guida per visitare parenti e amici in Rsa, inviate al Governo per essere implementate in un emendamento al Dl Riaperture. Un ritorno alla normalità per chi, dentro le strutture, vive in isolamento da molto tempo anche dopo il vaccino. Protetti dal virus ma esclusi dalle interazioni, con un rischio di grave degrado per la loro salute mentale.

Green Pass, nelle linee guida il lasciapassare per le Rsa

Protagonista di questa nuova “riapertura” sarà ancora una volta il Green Pass – italiano prima che europeo – che permetterà ai familiari di accedere nelle strutture. «In alternativa – si legge – può essere validamente utilizzata l’attestazione di una delle condizioni necessarie per il rilascio delle stesse purché non scadute», dunque aver fatto il vaccino, un tampone nelle ultime 48 ore con risultato negativo o essere guarito da Covid.

Alla struttura il compito di gestire «una programmazione degli accessi dei familiari lungo l’arco della giornata con modalità e forme atte a evitare assembramenti, per cui di norma gli accessi devono riguardare non più di due visitatori per ospite per visita e per una durata definita». Ogni concessione sarà influenzata dalle generali condizioni del paziente, dalle possibilità logistiche e dalla situazione epidemiologica. «Rimane necessario massimo rigore nell’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale, nel garantire il distanziamento sociale ed evitare qualsiasi forma di assembramento all’interno delle strutture», prosegue la guida.

Sconsigliato l’accesso ai minori

Durante la visita la distanza prevista deve essere quella di un metro o due se la situazione lo richiede. Sconsigliato per questo l’accesso ai minori per i quali non sia possibile garantire questo genere di misure. Per eventuali uscite degli ospiti dalla struttura sarà necessaria «una specifica autorizzazione da parte delle Direzioni sanitarie-Responsabili medici-Referente Covid-19». Clima permettendo vanno «privilegiati gli incontri all’aperto. In quelli chiusi «devono avvenire preferenzialmente in spazi dedicati esclusivamente alla finalità della visita stessa ed è opportuno che la struttura identifichi spazi idonei, ampi ed arieggiati».

Federanziani: «Lockdown mai finito per anziani»

Eleonora Selvi, la portavoce di Federanziani, ha parlato a Sanità Informazione di grande sollievo alla notizia delle linee guida, di cui si attendono i dettagli completi. «Bisogna ricordare – spiega –  che per gli anziani in Rsa il lockdown non è mai finito. Siamo certi che l’accesso avverrà in sicurezza, quindi è corretto chiedere Green Pass per chi deve entrare. Le persone all’interno sono infatti sempre fragili».

L’invito però resta quello di non usare questa concessione per dimenticare le procedure di sicurezza: «Restino i percorsi separati e l’attenzione delle strutture che non avvengano contaminazioni», chiede Selvi. «È importante – prosegue – che si riparta anche con le attività di socializzazione interne che hanno subito delle limitazioni nelle Rsa, non solo non hanno visto i parenti ma spesso hanno perso anche quegli stimoli sociali con altre persone che sono così benefici nelle strutture». E non tutte hanno cercato nuovi modi per favorirle, le stanze degli abbracci sono state un unicum e non tutti le hanno implementate.

«Si faccia tesoro – conclude Selvi – dei gravi errori fatti nelle Rsa, di quell’abbandono a loro stesse che le ha rese poi focolai. Errore è stato lasciare isolati gli anziani così tanto. Ora rimettere al centro i bisogni degli ospiti, non solo i bisogni fisici ma psicologici e sociali».

Uneba: «Premiamo uniformità delle linee guida per Rsa»

Anche Uneba, l’Unione Nazionale Istituzioni e Iniziative di Assistenza Sociale, esprime il proprio favore verso le linee guida. Nello specifico per l’uniformità e universalità delle stesse, condivise con ogni Regione e struttura. «Far vivere alle anziane e agli anziani relazioni di valore, pur con tutte le difficoltà delle  fragilità, è infatti l’obbiettivo quotidiano degli enti e delle migliaia di lavoratrici e lavoratori degli enti Uneba: prima, durante e dopo la pandemia», spiegano.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Tumore al seno metastatico, approvate nuove linee guida internazionali
La prima firma è dell’oncologa italiana Alessandra Gennari. Il documento pubblicato su Annals of Oncology è stato pensato per integrare anche i dati più recenti e potenzialmente in grado di cambiare la pratica
Linee guida SIRU su PMA, la soddisfazione delle associazioni dei pazienti e di Cittadinanzattiva
Compiaciuti il presidente dell’Associazione Hera, Gerardo D’Amico, e il Segretario Generale di Cittadinanzattiva, Anna Lisa Mandorino: «I cittadini coinvolti a pieno titolo nell’elaborazione del documento»
Il 10 ottobre scatta l’obbligo vaccinale nelle RSA ma manca il decreto per stabilire chi controlla
Degani (Uneba Lombardia) «L’obbligo vaccinale scatta il 10 ottobre e l’accertamento del rispetto dell’obbligo viene affidato ai responsabili delle strutture e ai datori di lavoro. Il testo però rimanda per le modalità di verifica dell’adempimento ad un successivo decreto di cui non c’è notizia»
di Federica Bosco
Effetto vaccini, crolla mortalità per Covid-19 nelle Rsa. Il report ISS
Onder (ISS): «I dati mostrano un lieve nuovo aumento dei focolai nei mesi estivi, in linea con quanto è avvenuto anche nella popolazione generale. Questo dato sottolinea la necessità di rinforzare l’immunità dei residenti tramite una dose booster o addizionale»
Covid-19 e salute mentale, a un anno dal lockdown disturbi psichici per un lavoratore delle RSA su tre
1 lavoratore su 4 ha mostrato sintomi severi di natura post-traumatica, il 16 per cento presenta sintomi depressivi e l’11 per cento sintomi ansiosi di grado moderato-severo secondo l’indagine di Fondazione Onda, Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 ottobre, sono 241.152.349 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.906.104 i decessi. Ad oggi, oltre 6,65 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?