Salute 26 Gennaio 2021 16:14

L’appello a Speranza: «Vaccinare un familiare di ogni ospite in RSA per combattere la solitudine degli anziani»

Massi (Presidente UNEBA): «Vaccinato il 50% di pazienti e operatori. Colloqui con infettivologo e medico competente per convincere chi non vuole vaccinarsi»

di Federica Bosco
L’appello a Speranza: «Vaccinare un familiare di ogni ospite in RSA per combattere la solitudine degli anziani»

Rallenta il piano vaccinale nelle residenze sanitarie assistenziali e per disabili a causa del numero insufficiente di dosi consegnate. Un ritardo che coinvolgerà 13 milioni e 400 mila italiani tra i 60 e i 79 anni, di cui 7 milioni con almeno una comorbidità, oltre a forze dell’ordine, insegnanti e detenuti. Un rinvio di Pfizer e AstraZeneca che farà slittare di almeno quattro settimane la vaccinazione in molte strutture per anziani e disabili. Le associazioni di categoria accusano il colpo, ma rilanciano. UNEBA, AGESPI, ANFFAS, ANASTE E ARIS scrivono al ministro Speranza e chiedono di vaccinare, oltre al personale sanitario e agli ospiti, anche un familiare per combattere la solitudine dei pazienti.

Franco Massi, presidente nazionale di UNEBA, organizzazione di categoria sociosanitaria, assistenziale ed educativa che conta oltre 900 enti associati in tutta Italia, ci spiega, senza nascondere una certa preoccupazione: «Speriamo recuperino in fretta. Ad oggi, circa il 50% del personale sanitario e degli ospiti delle RSA e RSD è stato vaccinato, ma noi abbiamo l’esigenza di completare quanto prima la somministrazione della prima dose ed avviare la fornitura della seconda nei 21 giorni prestabiliti. Solo così possiamo mettere in sicurezza i nostri anziani e disabili e sperare di uscire da questo tunnel».

Non si ferma il presidente UNEBA e per rompere l’immobilismo del momento ha avviato una serie di strategie, a cominciare proprio dall’estensione del vaccino ad un familiare dei pazienti ricoverati in RSA e RSD.

Vaccino ad un parente contro la solitudine

«Con le associazioni dei gestori delle strutture abbiamo scritto al Ministero della Salute per poter introdurre tra le categorie prioritarie anche un familiare per ogni ospite di RSA e RSD vaccinato – racconta -. Ora il piano prevede di vaccinare gli ospiti e gli operatori, ma c’è sempre il problema di poter garantire la presenza non solo via web dei parenti, perché sappiamo che gli ospiti delle strutture non si ammalano solo di Covid e di altre malattie, ma anche di solitudine. E siccome la gran parte di questi anziani ha problemi cognitivi, di Alzheimer o di demenza senile, è difficile spiegare loro il piano vaccinale, il Covid, l’impossibilità di abbracciare un famigliare per mesi».

Un intervento che secondo Massi dovrebbe prevedere un incremento di vaccini nell’ordine delle 310 mila unità. «Tenendo conto che molti dei parenti degli ospiti fanno già parte delle categorie over 70 e dunque già rientrano nel piano vaccinale, non si parla di numeri impossibili».

Centri d’ascolto per meno del 10% di personale che non vuole vaccinarsi

Le sfide di UNEBA per rendere sicure le strutture per anziani e disabili non si fermano al vaccino per i familiari al fine di combattere la solitudine degli ospiti, ma riguardano un secondo problema che sta emergendo in molte strutture. La “disobbedienza” degli operatori sanitari che non vogliono fare il vaccino. «Sono meno del 10% del personale. Numeri bassi, ma non trascurabili – evidenzia lo stesso presidente di UNEBA -. Oggi non esiste un obbligo vaccinale, ma è evidente che per operare a stretto contatto con persone fragili è necessario sottoporsi al vaccino. Per questo abbiamo deciso di organizzare dei colloqui con personale specializzato, infettivologi e medici competenti in grado di dialogare e convincere i dubbiosi. Devo dire che per il momento i risultati sono buoni, molti dopo aver ascoltato un medico hanno cambiato idea».

Cassa integrazione o sospensione per i disobbedienti

In ogni caso per coloro che continueranno a mantenere una posizione di diniego potrebbero esserci delle ripercussioni. Su questo punto Messi non ammette deroghe: «Dove è contemplata la cassa integrazione, verrà applicata a coloro che scelgono di non farsi vaccinare per tutelare al massimo i nostri ospiti. Non possiamo permetterci, di fronte ad una situazione di tale rischio, di non garantire tutte le protezioni possibili compresa la vaccinazione di chi fa servizio nelle strutture. Là dove non è contemplata, invece, potrebbe scattare l’aspettativa non retribuita».

«C’è una responsabilità sanitaria e sociale da non sottovalutare – aggiunge -. Chi lavora nelle RSA è al servizio delle persone anziane e non possiamo dimenticare che nella prima fase della pandemia i focolai sono stati portati soprattutto dagli operatori perché i parenti non potevano entrare, quindi noi dobbiamo garantire i livelli di massima sicurezza e, per fare questo, gli operatori devono vaccinarsi. È un’attività di prevenzione. Se non facessimo rispettare questo diktat andremmo a vanificare tutti gli sforzi fatti dagli stessi operatori. I protocolli di sicurezza per il personale e per il medico competente prevedono determinati requisiti tra cui dovrà essere inserito anche questo».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Carenza infermieri RSA, UNEBA pensa a professionisti stranieri, sistema robotizzato e specializzazione per OSS
Le proposte dell'associazione per far fronte alla mancanza di personale infermieristico nelle residenze per anziani e disabili
di Federica Bosco
Vaccino anti-Covid, il 90% dei medici europei favorevole all’obbligo per la popolazione
I risultati del sondaggio sull’obbligo vaccinale realizzato dai paesi aderenti alla Federazione Europea dei Medici Salariati
Il 10 ottobre scatta l’obbligo vaccinale nelle RSA ma manca il decreto per stabilire chi controlla
Degani (Uneba Lombardia) «L’obbligo vaccinale scatta il 10 ottobre e l’accertamento del rispetto dell’obbligo viene affidato ai responsabili delle strutture e ai datori di lavoro. Il testo però rimanda per le modalità di verifica dell’adempimento ad un successivo decreto di cui non c’è notizia»
di Federica Bosco
Effetto vaccini, crolla mortalità per Covid-19 nelle Rsa. Il report ISS
Onder (ISS): «I dati mostrano un lieve nuovo aumento dei focolai nei mesi estivi, in linea con quanto è avvenuto anche nella popolazione generale. Questo dato sottolinea la necessità di rinforzare l’immunità dei residenti tramite una dose booster o addizionale»
Covid-19 e salute mentale, a un anno dal lockdown disturbi psichici per un lavoratore delle RSA su tre
1 lavoratore su 4 ha mostrato sintomi severi di natura post-traumatica, il 16 per cento presenta sintomi depressivi e l’11 per cento sintomi ansiosi di grado moderato-severo secondo l’indagine di Fondazione Onda, Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 9 dicembre, sono 267.880.128 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.280.456 i decessi. Ad oggi, oltre 8,28 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Perché nonostante i vaccini i casi di Covid-19 aumentano?

di Guido Rasi, ex Direttore Esecutivo dell'EMA e Direttore Scientifico Consulcesi
di Guido Rasi, ex Direttore Esecutivo dell'EMA e Direttore Scientifico Consulcesi