Lavoro 22 Gennaio 2021 10:41

Il vaccino anti-Covid può essere obbligatorio? E chi rifiuta la somministrazione può perdere il lavoro? Le risposte degli esperti

Il punto su normativa e rischi nel webinar Anaao Assomed. Il giuslavorista: «Chiusura del rapporto è l’ultima possibilità»

di Tommaso Caldarelli
Il vaccino anti-Covid può essere obbligatorio? E chi rifiuta la somministrazione può perdere il lavoro? Le risposte degli esperti

Può essere obbligatorio il vaccino contro il Covid-19? Sì. A rispondere in questo modo è stata la dottoressa Vitalba Azzollini durante il webinar “Vaccino anti-Covid 19, obbligo e lavoro” promosso da Anaao Assomed. Fra i partecipanti anche Gabriele Gallone, medico del lavoro e parte del direttivo del sindacato, che ha illustrato i vaccini sotto il loro profilo medico; il professor Oronzo Mazzotta dell’Università di Pisa, il professor Maurizio Mori, docente di Bioetica all’Università di Torino, la dottoressa Maria Carla Sbolci, psicoterapeuta cognitivo-comportamentale, e Carlo Palermo, Segretario nazionale di Anaao.

Il vaccino si può imporre? Sì

L’intervento è stato moderato da Pierino di Silverio, responsabile giovani per Anaao Assomed. «Partiamo con un dato certo: l’obbligo vaccinale non è incompatibile con la nostra Costituzione. La Costituzione tutela la salute certamente come diritto dell’individuo, ma anche come interesse della collettività, dunque ha una doppia veste», ha continuato la dottoressa Azzollini.

«La libertà di ognuno di non curarsi deve cedere il passo alla necessità di cura e alla necessità di non ledere la salute altrui. La Costituzione però ovviamente prevede che l’obbligo vaccinale possa essere imposto solo per legge, e deve essere una legge dello Stato: non va bene né una legge regionale né un DPCM, nonostante abbiamo imparato quanto questo tipo di normativa sia in grado di limitare i nostri diritti».

Ha continuato l’esperta: «Dalla campagna vaccinale non deve derivare un danno alla persona, esclusi i normali effetti collaterali, e deve essere previsto un equo indennizzo in caso vengano a verificarsi effetti più gravi che come in ogni farmaco possono verificarsi».

Si può licenziare un dipendente non vaccinato?

Importante anche un altro profilo, però: «Prima di imporre un obbligo vaccinale, quest’obbligo deve essere esigibile», con ciò intendendo che ci devono essere dosi per tutti, deve essere stata approntata la rete logistica, devono essere stati messi in campo gli adeguati mezzi e le risorse.

Importante anche sottolineare i profili relativi alla licenziabilità del dipendente che rifiuta di vaccinarsi. Di questo ha parlato Oronzo Mazzotta, giuslavorista dell’ateneo pisano: «Anche su questo piano sarebbe importante che ci fosse una legge, che il legislatore e dunque la politica parlasse, che prendesse una posizione. Abbiamo il diritto come cittadini che ci venga data un’indicazione chiara».

«Quanto alle norme attualmente vigenti – ha continuato il professor Mazzotta – il Piano strategico per le vaccinazioni anti Sars-Cov-2 esclude l’obbligatorietà sia in generale che per specifiche categorie. Ne è prova che gli attuali vaccinati devono sottoscrivere un ampio consenso informato. Da un lato la normativa impone al lavoratore di essere il primo responsabile della propria sicurezza, e questo è sufficiente a considerare come richiedibili tutte le attuali norme di sicurezza come mascherine, temperatura, distanziamento sociale. D’altra parte al datore di lavoro è imposto l’obbligo di sicurezza: l’art. 2087 del Codice Civile impegna il datore di lavoro a fare non solo il possibile ma anche più del possibile per proteggere chi frequenta il luogo di lavoro. Facciamo gli esempi dell’amianto o di altri casi molto noti. Ancora una volta questo articolo non può essere sufficiente a imporre l’obbligo vaccinale».

E quanto al dipendente che rifiuta di vaccinarsi? Secondo l’esperto, questo potrebbe certamente porlo in una situazione di «inidoneità» allo svolgimento della pratica lavorativa, ma da qui a parlare di licenziamento per giusta causa ci sarebbe molto spazio: «Una prima misura potrebbe essere piuttosto quella della sospensione del rapporto di lavoro – ha continuato il docente – a seconda delle normative da Contratto Collettivo, o l’applicazione di misure alternative come la separazione dagli altri lavoratori. Il licenziamento può intervenire piuttosto quando intervenissero le misure sufficienti a integrare il cosiddetto giustificato motivo oggettivo, ovvero quei casi in cui vengono meno le ragioni del datore di lavoro per la prosecuzione del datore di lavoro».

Etica e deontologia

Non manca però la necessità di approfondire il piano dell’etica, andando anche oltre i temi strettamente giuridici, o quantomeno di impostare la questione sul piano deontologico che il professor Mori ha definito «a metà strada fra l’etica e il diritto». Se è vero che i vaccini per le malattie tradizionali, radicati e sperimentati, sono obbligatori sia giuridicamente che deontologicamente, quanto ai nuovi vaccini Covid «credo che oggi ci sia certamente un obbligo morale, che non credo giusto trasformare in obbligo coercibile. Bisognerebbe vedere quale sia il livello di accettazione nell’ambito dell’ambiente medico. Mi interrogherei piuttosto, sul piano etico, su se e come questi vaccini possano essere mantenuti nella linea produttiva di aziende private e se questo non vada a scontrarsi con la necessità di vaccinare tutti».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid-19 in Europa: meno posti letto, più decessi. L’indagine Anaao Assomed
Dallo studio è emerso che ad ogni posto letto in meno per mille abitanti è associato un +2% di aumento della mortalità generale
Covid, l’allarme di Oxfam e Emergency: «Con i monopoli di Big Pharma impossibile un vaccino per tutti»
Nel 2021, i tre più grandi colossi farmaceutici del mondo produrranno dosi solo per l’1,5% della popolazione mondiale, mentre molti produttori sono tagliati fuori. Le ONG lanciano un appello urgente a Ue, USA e UK per un’immediata inversione di rotta
Vaccinazione anti-Covid, Lenzi: «Per convincere gli scettici bisogna formare i medici»
La "vaccine hesitancy" raggiunge percentuali sempre più alte in tutto il mondo. Il medico e bioeticista: «Anche fra i medici le opinioni sono divergenti»
di Tommaso Caldarelli
L’appello a Speranza: «Vaccinare un familiare di ogni ospite in RSA per combattere la solitudine degli anziani»
Massi (Presidente UNEBA): «Vaccinato il 50% di pazienti e operatori. Colloqui con infettivologo e medico competente per convincere chi non vuole vaccinarsi»
di Federica Bosco
Recovery Plan, la sfida della Campania: «È la nostra occasione per riorganizzare la sanità del territorio»
Cappiello (Anaao): «Abbattere liste d’attesa e istituire i Pronto Soccorso nelle AOU tra le priorità»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 1 marzo, sono 114.078.673 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.531.004 i decessi. Ad oggi, oltre 239,60 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolta con un d...
Diritto

Se l’operatore sanitario non è vaccinato può essere licenziato? E in caso di contagio sul lavoro, l’INAIL paga? Le risposte dell’esperto

La campagna vaccinale contro il Covid-19 continua tra mille difficoltà. Cosa succede al lavoratore che rifiuta di vaccinarsi? L’azienda può prendere provvedimenti? Parla l’avvocato Andrea Marzia...