Salute 19 Gennaio 2021 12:00

Bonanni (Ona Aps): «Inserire gli esposti all’amianto nel piano vaccinale anti-Covid»

Il presidente dell’Osservatorio Nazionale Amianto: «Nella stragrande maggioranza dei casi, chi soffriva di mesotelioma o altre malattie neoplastiche e asbestosi ed ha contratto il Covid-19 è deceduto. Necessario prevedere un piano di diagnosi e trattamento specifico».

di Isabella Faggiano
Bonanni (Ona Aps): «Inserire gli esposti all’amianto nel piano vaccinale anti-Covid»

Prima operatori sanitari e sociosanitari, poi ospiti e personale delle Rsa, in seguito anziani e soggetti con più patologie. Sono queste le prime categorie ad essere state inserite nel calendario vaccinale anti-Covid in Italia,  definito dal piano strategico del ministero della Salute. «Nessuna priorità, però, è stata data agli esposti all’amianto – denuncia Ezio Bonanni, presidente dell’Osservatorio Nazionale Amianto (Ona Aps), fragilissimi da sia un punto di vista respiratorio che cardiovascolare. Per loro, questo vaccino rappresenta un vero e proprio salvavita. L’esposizione alle fibre di amianto crea uno stato infiammatorio, a prescindere dalla patologia correlata, che rende il soggetto generalmente più delicato e l’infezione da Covid-19 più aggressiva».

Una strage silenziosa all’ombra del coronavirus

Nel 2019 circa 6 mila persone hanno perso la vita a causa di malattie asbesto correlate. «Nel 2020 il numero di esposti all’amianto deceduti è ben superiore all’anno precedente – sottolinea Bonanni -. Incremento correlato, senza alcun dubbio,  alla circolazione del nuovo Coronavirus. Il Covid-19 – continua il presidente dell’Osservatorio Nazionale Amianto – incide sugli stessi organi bersaglio delle fibre di amianto, dall’apparato respiratorio a quello cardiovascolare. Coloro che avevano contratto mesotelioma o altre malattie neoplastiche e asbestosi, che sono stati colpiti dal Covid-19, sono deceduti nella stragrande maggioranza dei casi. Al contrario, l’incidenza dei decessi è stata meno elevata tra chi soffre di malattie asbesto correlate diverse dal mesotelioma».

Serve un protocollo Covid per esposti all’amianto

Per nessuno degli esposti all’amianto, a prescindere dalla loro condizione di salute, è stato predisposto un protocollo ad hoc. «Il nostro appello al ministro della Salute è stato reiterato – aggiunge Bonanni  -. Riteniamo che sia necessario prevedere un piano di diagnosi e trattamento specifico per gli esposti all’amianto che contraggono il Covid-19. Le regioni, come il Friuli Venezia-Giulia, oppure l’Inps/Inail, hanno gli elenchi di coloro che sono stati riconosciuti esposti ad amianto, tra cui quelli intensamente esposti. E anche di coloro che sono affetti da malattie asbesto correlate, compresi i mesoteliomi (COR regionali che rispondono al ReNaM che è inserito nell’Inail). Attingendo a questi elenchi si potrebbero facilmente individuare i soggetti da inserire in un eventuale protocollo Covid».

Centri di cura, pochi e a macchia di leopardo

Ad aggravare la situazione, l’insufficienza delle cure territoriali: «Sarebbe necessario istituire almeno un Centro regionale sanitario per amianto, per diagnosi e cura, in particolare mesotelioma, in ogni regione d’Italia. Lo scarso numero di strutture da un lato, e l’interruzione dell’erogazione di esami durante il periodo di lockdown, dall’altro, hanno ritardato molte diagnosi – dice il presidente dell’Osservatorio -. Anche le cure e gli interventi chirurgici necessari sono stati spesso rimandati, con un peggioramento delle condizioni di salute generale del soggetto».

L’amianto oggi

La messa al bando dell’amianto è stata sancita dalla Legge 257 del 1992, fino al D.Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 e s.m.i. che raccoglie in maniera organica tutta la normativa in materia. «Eppure, in Italia ci sono ancora un milione di siti e micro-siti con amianto ed una conseguente alta incidenza di malattie da asbesto, patologie in continuo aumento. Spesso – conclude Bonanni – diagnosticate troppo tardi a causa della loro asintomaticità e dei lunghi tempi di latenza».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 16 aprile, sono 139.109.041 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.986.608 i decessi. Ad oggi, oltre 840,94 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...