Salute 23 Settembre 2019 17:33

Amianto, in Italia ancora 6mila morti l’anno. Miani (SIMA): «Occorre investire sulle bonifiche. 2400 scuole a rischio»

«Nel nostro Paese attendono di essere smaltite qualcosa come 37 milioni di tonnellate di amianto», spiega il presidente della Società Italiana di Medicina Ambientale, Alessandro Miani. La legge ne ha impedito la produzione, la diffusione, ma non la bonifica

Amianto, in Italia ancora 6mila morti l’anno. Miani (SIMA): «Occorre investire sulle bonifiche. 2400 scuole a rischio»

A ventisette anni dalla sua messa al bando, l’amianto continua a mietere vittime. In Italia 6mila decessi l’anno sono collegati all’inalazione o al contatto con questo materiale. Questi i dati alla base del Convegno Nazionale “Amianto: gestione del sistema e tutela della salute”, organizzato da Consiglio Nazionale dei Geologi e la Società Italiana di Medicina Ambientale (SIMA), presso il CNR di Roma.

«Il problema è che la legge ne ha impedito la produzione, la diffusione, ma non la bonifica, non l’ha resa obbligatoria – chiarisce ai microfoni di Sanità Informazione Alessandro Miani, Presidente SIMA -. La fibra di amianto perdura nell’ambiente molto a lungo e quindi ci sono ancora molte situazioni e molti siti, il Ministero dell’Ambiente ne ha censiti 96mila in Italia, in cui è ancora presente questa fibra killer. Dal momento dell’inalazione della fibra allo sviluppo della patologia possono passare molti anni. Nello specifico le patologie più importanti sono mesotelioma pleurico, quello laringeo e quello ovarico, che sono tumori che portano alla morte. I dati di 6mila decessi l’anno sono dell’Osservatorio nazionale amianto e quello che possiamo fare oggi è di sensibilizzare a tutti i livelli, da quello nazionale al livello locale, in modo che ci sia un’azione congiunta anche con il Ministero, per vedere di fare queste bonifiche, di farle in fretta, di farle bene e di spronare anche i privati a farle, perché spesso e volentieri ci sono situazioni in cui ci sono capannoni industriali o anche tettoie. Molto di questo amianto è Eternit, abbiamo in Italia 300mila chilometri di tubature che devono essere ancora bonificate».

Tra le strutture ancora non bonificate ci sono moltissime scuole. «È stato calcolato che in Italia ci sono 2.400 scuole che sono ancora a rischio amianto – continua Miani – o comunque limitrofe ad impianti ex industriali dove è presente l’amianto. Questo vuol dire che ci sono 50mila docenti a rischio e 350mila bambini. Ecco, su questi numeri è necessario, agire e agire in fretta. Il Ministero dell’Ambiente ha messo recentemente a disposizione 30milioni di euro per iniziare la bonifica delle scuole e degli asili. È stata fatta una proposta di legge che prevede uno sgravio fiscale del 50% per i privati che decidono di fare le bonifiche. Bisogna continuare su questa strada, perché in Italia attendono di essere smaltite qualcosa come 37 milioni di tonnellate di amianto».

LEGGI: IL 28 APRILE È LA GIORNATA MONDIALE VITTIME AMIANTO: PICCO DI CASI DI MESOTELIOMA TRA IL 2019 E IL 2020

All’amianto sono correlate diverse malattie: «La principale è il mesotelioma pleurico, – spiega Prisco Piscitelli, epidemiologo – forse l’unica patologia per cui esiste la prova provata dell’esposizione con un cancerogeno ambientale indiscutibile. Rappresenta il 92% delle patologie amianto-correlate. Poi ci sono altre situazioni legate all’interessamento del pericardio, quindi di altre tuniche del nostro organismo. Si tratta di 1900 persone all’anno che presentano un problema di mesotelioma pleurico: 1500 uomini e 400 donne. L’incidenza è maggiore al Nord che al Sud. Le esposizioni sono principalmente professionali, ma esistono anche esposizioni familiari. In particolare, donne che vengono a contatto con le fibre di amianto attraverso gli indumenti dei lavoratori, dei mariti o dei figli. Infine, ci sono delle esposizioni ambientali che non sono controllabili. C’è una pervasiva presenza ancora di amianto e di manufatti in amianto dappertutto nel nostro Paese. Negli uomini l’incidenza è ancora in aumento, con una media del 3,2% l’anno, quindi non si è ancora raggiunto il picco nonostante in Italia sia al bando diversi decenni. Per le donne invece c’è una buona notizia, si registra un -1,7% di media l’anno».

Articoli correlati
Ricciardi: «Riapertura scuole detonatore del contagio e forte rischio per la campagna vaccinale»
Il consigliere scientifico del ministro Speranza a Sanità Informazione: «Solo lockdown nazionale di un mese invertirebbe la curva epidemica». E sul Mes: «Sempre stato favorevole, l’ideale sarebbe stato attivarlo a giugno. Più soldi in sanità ci sono, meglio è»
Riapertura scuole superiori, Esposito (OMS): «Possibile con screening, vaccini e lockdown intermittenti»
Comitati di genitori, medici ed infettivologi contro la DAD. La proposta di Susanna Esposito, ordinaria di Pediatria all’università di Parma e consulente dell’Organizzazione mondiale della sanità
di Federica Bosco
Restrizioni anti-Covid, slitta all’11 la riapertura delle superiori. I colori dei prossimi giorni
Il Consiglio dei Ministri ha approvato un decreto-legge contenente ulteriori disposizioni per contenere e gestire l’emergenza da Covid-19: tutta l’Italia sarà zona arancione nel prossimo weekend
Covid-19 e scuola, l’ISS: «Non è fra i primi contesti di trasmissione»
Online il report dell'Istituto Superiore di Sanità 'Apertura delle scuole e andamento dei casi confermati di Sars-Cov-2: la situazione in Italia'
Scuole e Covid, le battaglie (e le soluzioni) dei pediatri per la ripresa della didattica in presenza
Sorvegliato speciale il Sud, più a rischio dispersione scolastica e disagio sociale. I pareri di SIP, FIMP e dell’intergruppo parlamentare “Infanzia oltre il Covid”
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 gennaio, sono 99.225.963 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.130.179 i decessi. Ad oggi, oltre 64,02 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Lavoro

Medici di famiglia vaccinatori, Scotti (Fimmg): «Impensabile coinvolgerci a queste condizioni»

Il Segretario Nazionale si scaglia contro la mancanza di programmazione: «Per noi nessun fondo in Finanziaria, ma non esiste vaccinazione di massa senza medicina del territorio»