Salute 16 Aprile 2021 17:10

Riaperture, la road map del Governo: dal 26 aprile tornano le zone gialle. Priorità a scuole e attività all’aperto

La conferenza stampa di Draghi e Speranza: «Ci assumiamo rischio ragionato. Se misure verranno rispettate possibilità di tornare indietro sarà bassissima»

È il 26 aprile la data che segna l’inizio della nuova fase annunciata ieri alla Camera dal ministro della Salute Roberto Speranza. Dal 26 aprile, infatti, verranno ripristinate le zone gialle e tutti gli studenti in zona gialla e arancione torneranno a scuola. Da lì, gradualmente, ricominceranno tutte le attività all’aperto, a partire dai ristoranti, che riapriranno (ma solo con tavoli all’esterno) sin dal 26 stesso, anche a cena. Quindi si valuterà, sulla base dell’andamento epidemiologico, la ripresa delle attività al chiuso.

È il ministro Speranza a ripercorrere, in conferenza stampa, alcuni passaggi della road map: dal 15 maggio potrebbero riaprire le piscine all’aperto, dal 1 giugno potrebbero ricominciare alcune attività connesse alle palestre, dal 1 luglio le fiere. Prevista quindi la possibilità di spostarsi tra Regioni in zona gialla e con un pass anche tra Regioni di colore diverso.

Il condizionale però è d’obbligo: la situazione epidemiologica verrà costantemente monitorata, e qualora dovesse peggiorare, sarà inevitabile un passo indietro. È gradualità la parola d’ordine.

Il Presidente del Consiglio Draghi non ha dubbi che la campagna vaccinale continuerà ad andare sempre meglio, quindi l’altra variabile da tenere sotto controllo sono i comportamenti che saranno adottati dai cittadini e dai gestori delle attività: «Se le mascherine verranno utilizzate e il distanziamento e tutte le regole verranno rispettate scupolosamente, la probabilità che si debba tornare indietro è molto bassa».

«Il Governo si assume questo rischio ragionato – ha detto Draghi in conferenza stampa – fondato sui dati che sono in miglioramento. Un rischio che incontra le aspettative dei cittadini e che si fonda su una premessa: i comportamenti nelle attività devono essere rispettati, per questo servirà un’opera di sensibilizzazione e l’impegno delle autorità nei controlli. Solo in questo modo il rischio ragionato si traduce in un’opportunità non solo per l’economia ma anche per la nostra vita sociale».

Due le ragioni che hanno spinto il governo ad adottare questa decisione e che sono state spiegate da Speranza: «Nelle ultime settimane abbiamo assistito ad una piegatura della curva epidemiologica, sintomo che le misure adottate hanno prodotto dei risultati. Inoltre, assisteremo ad un significativo aumento del numero di vaccini somministrati. Ecco perché – ha aggiunto Speranza – siamo nelle condizioni di disegnare con cautela un percorso di natura graduale che ci consenta di gestire una fase di transizione. Tuttavia – ha poi specificato – non sarebbe corretto indicare un giorno X in cui tutte le misure verranno ritirate».

«In questo modo lanciamo un messaggio di speranza agli italiani – ha detto Draghi -, rispondendo al disagio di molti di loro: posano le basi per il rilancio dell’economia e per una maggiore serenità nel Paese», ha concluso.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Nuovo report Cabina di regia: «Indice Rt a 0,89, in leggera risalita ma cala incidenza»
Brusaferro: «Lieve aumento Rt messo in conto con aperture». Rezza: «Per raggiungere immunità di gregge dovremmo vaccinare il 60-70% della popolazione. Ma alcuni fattori possono far alzare soglia». Sicilia, Sardegna e Valle d'Aosta in arancione
Villa Marelli a Milano, modello di integrazione tra medicina ospedaliera e del territorio
Ribera (direttore Servizi territoriali ASST Niguarda): «Entro 72 ore siamo in grado fare la diagnosi e definire la cura del paziente Covid grazie alla collaborazione tra professionisti ospedalieri, medici di medicina generale e infermieri di comunità»
di Federica Bosco
«Le cure domiciliari sono un’illusione». L’opinione controcorrente di Diego Pavesio (Patto per la Scienza) che difende la “vigile attesa”
Il medico piemontese ha pubblicato un post su Facebook in cui parlava di “terapia domiciliare come specchietto per le allodole”: «La gente, comprensibilmente stanca ed esasperata, è in cerca di soluzioni facili per problemi complessi. In realtà si fa finta di non capire che non c’è ancora una cura per questa malattia»
Terapia domiciliare Covid, i medici del Comitato scendono in piazza e insistono: «Tachipirina e vigile attesa è un errore»
«Il nostro obiettivo è bloccare la patologia ai suoi esordi», spiega Nino Pignataro, uno dei medici che hanno aderito al Comitato Cura Domiciliare Covid-19 presieduto dall’avvocato Erich Grimaldi. Sabato 8 maggio manifestazione a piazza del Popolo
Covid e gravidanza: l’infezione è più pericolosa nei nove mesi
I ginecologi Siru chiedono la vaccinazione per le future mamme
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 maggio, sono 156.080.676 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.256.425 i decessi. Ad oggi, oltre 1,22 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Salute

Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»

Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco