Salute 16 Aprile 2021 17:10

Riaperture, la road map del Governo: dal 26 aprile tornano le zone gialle. Priorità a scuole e attività all’aperto

La conferenza stampa di Draghi e Speranza: «Ci assumiamo rischio ragionato. Se misure verranno rispettate possibilità di tornare indietro sarà bassissima»

È il 26 aprile la data che segna l’inizio della nuova fase annunciata ieri alla Camera dal ministro della Salute Roberto Speranza. Dal 26 aprile, infatti, verranno ripristinate le zone gialle e tutti gli studenti in zona gialla e arancione torneranno a scuola. Da lì, gradualmente, ricominceranno tutte le attività all’aperto, a partire dai ristoranti, che riapriranno (ma solo con tavoli all’esterno) sin dal 26 stesso, anche a cena. Quindi si valuterà, sulla base dell’andamento epidemiologico, la ripresa delle attività al chiuso.

È il ministro Speranza a ripercorrere, in conferenza stampa, alcuni passaggi della road map: dal 15 maggio potrebbero riaprire le piscine all’aperto, dal 1 giugno potrebbero ricominciare alcune attività connesse alle palestre, dal 1 luglio le fiere. Prevista quindi la possibilità di spostarsi tra Regioni in zona gialla e con un pass anche tra Regioni di colore diverso.

Il condizionale però è d’obbligo: la situazione epidemiologica verrà costantemente monitorata, e qualora dovesse peggiorare, sarà inevitabile un passo indietro. È gradualità la parola d’ordine.

Il Presidente del Consiglio Draghi non ha dubbi che la campagna vaccinale continuerà ad andare sempre meglio, quindi l’altra variabile da tenere sotto controllo sono i comportamenti che saranno adottati dai cittadini e dai gestori delle attività: «Se le mascherine verranno utilizzate e il distanziamento e tutte le regole verranno rispettate scupolosamente, la probabilità che si debba tornare indietro è molto bassa».

«Il Governo si assume questo rischio ragionato – ha detto Draghi in conferenza stampa – fondato sui dati che sono in miglioramento. Un rischio che incontra le aspettative dei cittadini e che si fonda su una premessa: i comportamenti nelle attività devono essere rispettati, per questo servirà un’opera di sensibilizzazione e l’impegno delle autorità nei controlli. Solo in questo modo il rischio ragionato si traduce in un’opportunità non solo per l’economia ma anche per la nostra vita sociale».

Due le ragioni che hanno spinto il governo ad adottare questa decisione e che sono state spiegate da Speranza: «Nelle ultime settimane abbiamo assistito ad una piegatura della curva epidemiologica, sintomo che le misure adottate hanno prodotto dei risultati. Inoltre, assisteremo ad un significativo aumento del numero di vaccini somministrati. Ecco perché – ha aggiunto Speranza – siamo nelle condizioni di disegnare con cautela un percorso di natura graduale che ci consenta di gestire una fase di transizione. Tuttavia – ha poi specificato – non sarebbe corretto indicare un giorno X in cui tutte le misure verranno ritirate».

«In questo modo lanciamo un messaggio di speranza agli italiani – ha detto Draghi -, rispondendo al disagio di molti di loro: posano le basi per il rilancio dell’economia e per una maggiore serenità nel Paese», ha concluso.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid-19 e rischi psicologici, l’uomo post-pandemia è più fobico e aggressivo
Lo psicoterapeuta Giorgio Nardone, formatore di Consulcesi, spiega in che modo la pandemia ci ha cambiato e quanti di questi "effetti collaterali" perdureranno nel tempo
Boom di prenotazioni online di prestazioni mediche. Bisegna (Eccellenza Medica): «Con pandemia picchi del 25%»
Il General Manager di Eccellenza Medica, portale attivo da oltre 15 anni, spiega i motivi e le prospettive dell’aumento delle prenotazioni effettuate via web
Covid-19, Figliuolo: «Siamo al plateau di Omicron». E sulle scuole: «A breve risposte alle famiglie»
Il commissario straordinario per l'emergenza Covid ha commentato l’andamento della pandemia dopo la sua visita al centro vaccinale del Portello di Milano: «Superato 87% di totalmente vaccinati»
Incidenza e occupazioni in terapia intensiva stabili, sette Regioni a rischio alto. I dati del nuovo Report Iss
Sale il tasso di occupazione delle aree mediche e aumenta il numero dei casi rilevati attraverso il tracciamento dei contatti. Rt in diminuzione ma ancora sopra la soglia epidemica
«Presidente Draghi, siamo “giovani” medici ospedalieri ma alle favole non crediamo più»
Lettera aperta di Anaao Giovani al Premier Mario Draghi
di Anaao Giovani
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 28 gennaio, sono 367.129.786 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.639.976 i decessi. Ad oggi, oltre 9,90 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre