Politica 22 Aprile 2021 10:10

Dl Riaperture, cosa succede dal 26 aprile

Licenziato il Dl Riaperture: dal 26 aprile in zona gialla si torna tutti a scuola, riaprono i ristoranti all’aperto e si ricomincia gradualmente con gli eventi sportivi e culturali. Resta alle 22 il coprifuoco e Brusaferro spiega perché

Dl Riaperture, cosa succede dal 26 aprile

È ufficiale, il governo ha licenziato il Dl Riaperture valido dal prossimo 26 aprile 2021 e fino al 31 luglio, data che segna la fine dello stato di emergenza. Rispettate tutte le promesse mormorate negli ultimi giorni: un graduale ritorno alla normalità con attivazione a step. Resta tuttavia il coprifuoco alle 22, clausola su cui il presidente Mario Draghi non ha voluto concedere sconti.

Spostamenti tra Regioni e pass vaccinale

Dal 26 aprile sarà possibile spostarsi senza limiti tra Regioni e Province di colore giallo. Mentre verso o da zone rosse e arancioni sarà necessario il pass vaccinale. Quest’ultimo ottenibile con: certificazione di prima e seconda dose di vaccino effettuata, tampone rapido o molecolare nelle 48 ore precedenti, prova di essere guarito da Covid-19.

Nelle zone rosse e arancioni, inoltre, dal 1 maggio sarà possibile recarsi in visita da amici e parenti.

Scuole

Secondo il Dl Riaperture, in zona gialla si torna sui banchi di scuola in totale presenza, anche alle scuole superiori, dal 26 aprile e fino alla fine dell’anno scolastico. La presenza in zona rossa sarà garantita dal 50% al 75% e in zona arancione dal 70% al 100%. Anche nelle università si tornerà a privilegiare le attività in presenza nelle zone gialle e arancioni, mentre nelle rosse andranno favorite quelle degli studenti del primo anno.

Ristoranti e luoghi della cultura

Dal 26 aprile in zona gialla tornano aperti tutti i ristoranti sia a pranzo che a cena, purché offrano tavoli all’aperto. Dalla stessa data riaprono cinema, teatri, sale concerto e live club. I posti all’interno dovranno rispettare la distanza di un metro l’uno dall’altro e saranno preassegnati. Come capienza massima si osserva il 50% di quella massima e comunque non oltre le 500 persone al chiuso, 1000 all’aperto.

Sport e palestre

In zona gialla dal 26 aprile all’aperto sono consentite tutte le attività sportive, anche quelle di contatto. La data è il 15 maggio per le piscine all’aperto, mentre il 1 giugno per la riapertura delle palestre. Dal 1 giugno concesse manifestazioni ed eventi sportivi a livello agonistico aperti al pubblico. Capienza del 25% rispetto alla massima autorizzata, non oltre i 1000 spettatori all’aperto e i 500 al chiuso.

Dal 1 luglio in zona gialla riapriranno anche centri termali e parchi divertimenti.

Fiere e congressi

Dal 15 giugno in zona gialla via libera alle fiere, dal 1 luglio ok anche a congressi e convegni.

Coprifuoco

Resta alle 22 il coprifuoco, almeno fino al 1 giugno. Ad annunciarlo il portavoce del Comitato tecnico-scientifico Silvio Brusaferro: «In una strategia di mitigazione del rischio di ripresa della curva epidemica – ha detto – il Cts ritiene opportuno che venga privilegiata una gradualità e progressività di allentamento delle misure di contenimento, ivi compreso l’orario d’inizio delle restrizioni di movimento».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Eutanasia, Dl Riaperture e Sostegni bis, la settimana in Parlamento
Importanti audizioni in Commissione Affari Sociale sul disegno di legge sull’eutanasia: tra gli auditi il presidente del Comitato nazionale per la Bioetica Lorenzo D’Avack. Arriva in Aula alla Camera il Dl Riaperture
Dl Riaperture, Lorefice: «Emendamento M5S su uscite per ospiti Rsa, ora pensare anche a benessere relazionale»
«Con un emendamento a mia prima firma, si consentono le uscite temporanee degli ospiti non affetti da Covid, dalle strutture residenziali di ospitalità per le persone anziane o non autosufficienti» spiega la Presidente della Commissione Affari Sociali
Nuove riaperture, il sì del Cdm. Via il coprifuoco dal 21 giugno. Ecco cosa cambia
Una concessione a gradi e poi l'abolizione definitiva del coprifuoco per fine giugno, nuove regole per i colori delle regioni e riapertura graduale dei servizi ancora sospesi. Tornano gli eventi sportivi, quelli religiosi e riaprono palestre e piscine
Covid-19, Ricciardi: «Possiamo evitare lockdown ma non con coprifuoco. Politica in ritardo»
Il consulente del ministro Speranza: «Il coprifuoco non è stato efficace in Francia e in Spagna. Il Covid lo portano le masse di persone che si addensano nei locali o sui trasporti pubblici»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 novembre, sono 260.208.307 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.185.296 i decessi. Ad oggi, oltre 7,54 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus

La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informaz...
di Isabella Faggiano