Salute 6 Giugno 2022 18:41

La ricerca scientifica dopo il Covid, Rasi (Consulcesi): «Frammentazione è il male, ora puntare sui ricercatori»

Nell’incontro a Palazzo Zuccari “Chi ricerca Trova” anche l’intervento della ministra dell’Università Maria Cristina Messa: «Con il Covid abbiamo visto che il passaggio dalla ricerca all’applicazione su larga scala è possibile in tempi stretti». Per Parente (Com.. Sanità del Senato) «occorre un piano industriale e attivare una vera sinergia tra pubblico e privato»

di Francesco Torre

Mettere a frutto l’esperienza del Covid garantendo le giuste risorse per la ricerca scientifica, velocizzando il sistema ed evitando la frammentazione. È quanto emerso dall’incontro “Chi ricerca trova” che si è svolto presso la Sala Zuccari del Senato e che ha visto la partecipazione della ministra dell’Università Maria Cristina Messa, della presidente della Commissione Sanità di Palazzo Madama Annamaria Parente e di Guido Rasi, ex Direttore Esecutivo dell’EMA e Direttore Scientifico Consulcesi. A moderare la giornalista Flavia Giacobbe, Direttore delle riviste Healthcare Policy e Formiche.

Al centro dell’incontro lo stato della ricerca scientifica e medica in Italia che vede all’orizzonte l’arrivo dei nuovi bandi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. Prospettive incoraggianti, anche se ancora mancano politiche per la valorizzazione dei ricercatori.

Messa: «Più velocità nel passaggio all’applicazione»

Secondo la Ministra dell’Università e della Ricerca Maria Cristina Messa «dobbiamo mettere a frutto la lezione imparata nel corso dell’emergenza Covid quando abbiamo visto che il passaggio dalla ricerca all’applicazione su larga scala è possibile in tempi stretti».

Per Messa uno dei mali della ricerca italiana è anche la frammentazione e la creazione di tanti piccoli gruppi di ricerca anche in competizione tra loro. Per questo «è stato deciso di non creare nuove strutture ma una rete di ricerche coordinate da un centro che abbia funzione di coordinamento amministrativo».

Parente: «Serve piano industriale e piano per il personale»

«È fondamentale rafforzare la politica industriale del Paese, considerando il farmaceutico una leva della difesa – ha sottolineato la senatrice Parente -. Bisogna finanziare e sostenere l’intera filiera che parte dalla ricerca e arriva alla produzione, passando dal sostegno ai professionisti. Accanto al Piano industriale per il farmaceutico ci deve essere infatti anche un piano di risorse per il personale e la formazione. Non possiamo avere i laboratori di genetica senza personale. Bisogna affrontare il sostegno all’occupazione in questo settore attivando una vera sinergia tra pubblico e privato. Abbiamo molte eccellenze in Italia ma facciamo poche politiche di sistema. Dobbiamo invertire la rotta. E, in questo senso, un vero esempio di sistema e coordinamento tra pubblico e privato può essere il Biotecnopolo di Siena al quale l’ultima legge di Bilancio ha assegnato 9 milioni per il 2022 con il sostegno di tutte le forze politiche».

Rasi: «Frammentazione grande male della ricerca»

«L’azione del ministero della Ricerca e della ministra Messa va nella direzione giusta – spiega Guido Rasi – ma manca una forte spinta all’internazionalizzazione: ora mi sembra stiano arrivando correttivi sulla possibilità di carriera del ricercatore. Manca la massa critica e la frammentazione è il grande male della ricerca italiana».

Secondo Rasi, che è stato anche direttore dell’EMA, dall’Europa «possiamo imparare la centralità dell’autorità: guardiamo ad Ema che finalmente con una sola autorizzazione mette a disposizione contemporaneamente di tutti i cittadini un’innovazione. Si ottengono grosse efficienze, i famosi vantaggi del mercato unico e una serie di vantaggi competitivi verso i colossi con i quali diamo in competizione. Dall’Europa non dobbiamo imparare la burocrazia della quale siamo colpevoli noi singoli paesi che ci teniamo piccoli territori nella illusione di una indipendenza che in realtà diventa una debolezza».

Fondamentale per Rasi investire su professionalità e formazione: «Se vogliamo costruire una struttura ambiziosa dobbiamo riempirla e popolarla con professionalità ambiziose che hanno un costo e che competono a livello mondiale. O si prende atto che servono programmi a lungo termine che investano sul personale o le nostre nuove istituzioni saranno cattedrali nel deserto».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Sanità, Boldrini (Pd): «Prorogare e stabilizzare operatori sociosanitari nei penitenziari e nelle RSA»
La senatrice chiede ai ministri competenti «quali ragioni abbiano spinto a rinunciare a questa dotazione di personale in strutture che operano sempre sotto organico con conseguente burn out»
Lockdown controproducenti, in alcuni paesi hanno aumentato i contagi
Uno studio dell'Università della Finlandia orientale ha dimostrato che, in alcuni paesi, i lockdown sono stati inutili e controproducenti. In altre parole, i blocchi completi hanno aumentato la diffusione dei contagi
Gruppo INI candidato agli “Oscar” della Sanità privata europea
L’ambulatorio per il Long Covid attivato a febbraio 2021 a Città Bianca di Veroli (Frosinone) tra i progetti finalisti degli European Private Hospital Awards nella categoria “Best patient-focused initiative”
Rivoluzione digitale in Sanità, la Campania ai blocchi di partenza nonostante le difficoltà
«La pandemia ha scaldato i motori dell’innovazione, ora sotto con la sfida del PNRR»
Nuova tecnologia made in Italy distrugge Sars-CoV-2 e tutte le sue varianti
Elettronica Group insieme a Lendlease presentano E4Shield, una tecnologia «disruptive» sviluppata per inattivare il Covid-19 e le sue varianti e affrontare nuove potenziali ondate pandemiche. E4Shield è uno dei primi progetti di innovazione nato all’interno dell’ecosistema di MIND Milano Innovation District
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali