Salute 3 Maggio 2022 15:40

La lotta al Covid comincia a tavola. I benefici della dieta chetogenica

Caprio (endocrinologo): «Da alcuni studi è emerso che tra i pazienti ricoverati in terapia intensiva sottoposti a dieta chetogenica il rischio di mortalità si è notevolmente ridotto. Questa dieta associata ad esercizio fisico può accelerare anche la ripresa dopo una forma severa di Covid»

La lotta al Covid passa anche dalle nostre tavole. «Chi è obeso rischia una prognosi più grave di Covid-19. Una nutrizione adeguata è una delle principali armi, sia in termini di prevenzione che di cura, per affrontare la pandemia. Riduce sia il rischio di infezione che di complicanze». Ne è convinto Massimiliano Caprio, responsabile dell’Unità Endocrinologia cardiovascolare dell’IRRCS San Raffaele di Roma, coautore di un articolo pubblicato dalla rivista Journal of Translational Medicine che mostra gli effetti benefici della dieta chetogenica sull’infezione da Sars-CoV-2.

Che cos’è la dieta chetogenica

«Questo tipo di regime alimentare – spiega il professore – si basa su una riduzione dei carboidrati, in favore di un aumento delle proteine. In questo modo si “costringe” l’organismo a utilizzare i grassi come fonte di energia. Le diete chetogeniche, infatti, permettono una rapida riduzione della massa grassa, preservando quella magra». Chi mangia carboidrati è da lì che prende l’energia. Se ne riduce l’assunzione tutto il corpo sarà costretto ad utilizzare i grassi, tranne le cellule nervose che non sono capaci di farlo. Per questo l’organismo avvia la chetosi, ovvero la produzione di corpi chetonici che, a differenza dei grassi, possono essere utilizzati dal cervello.

I benefici della dieta chetogenica

«La dieta chetogenica svolge un ruolo fondamentale anche nella modulazione dell’immunità, sia innata che adattativa. Apporta benefici in quei pazienti affetti da un’infiammazione cronica di basso grado. Tali effetti antinfiammatori e immunomodulanti dei corpi chetonici (prodotti dall’organismo di chi segue una dieta chetogenica) potrebbero fungere da scudo anche durante un’infezione da Sars-CoV-2», aggiunge Caprio.

Nutrizione e Covid-19

In questi due anni di pandemia, numerose ricerche scientifiche hanno evidenziato come la malnutrizione, sia in eccesso che in difetto, costituisca uno dei principali fattori di rischio per le complicanze da Covid-19. «Da alcuni studi è emerso che tra i pazienti ricoverati in terapia intensiva sottoposti a dieta chetogenica il rischio di mortalità si è notevolmente ridotto. Una ricerca, che ho personalmente condotto – aggiunge l’endocrinologo -, ha dimostrato, per la prima volta, come la dieta chetogenica associata ad esercizio fisico possa accelerare la ripresa dopo una forma severa di Covid. È fondamentale non trascurare l’attività motoria: gli effetti dell’infezione da Sars-CoV-2 non si esauriscono al momento della negativizzazione, ma possono protrarsi per periodi di tempo variabili. Lo dimostra la performance di numerosi calciatori decisamente peggiorata dopo aver contratto il Covid-19».

Il long Covid

Gli interrogativi sul long-Covid sono ancora tanti e molti troveranno una risposta solo nei mesi a seguire. «Finora – dice Caprio – sono stati osservati peggioramenti della situazione metabolica generale, con un grave incremento della patologia diabetica, comparsa di astenia, riduzione delle performance fisiche, lavorative e mentali. Esiti che ci hanno spinto ad estendere lo studio sull’associazione della dieta chetogenica all’esercizio fisico, che ha inizialmente coinvolto un’unica paziente, ad un numero maggiore di individui. I risultati – conclude l’endocrinologo – saranno disponibili a breve».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
In Italia l’obesità uccide 4 volte in più degli incidenti d’auto
Nel nostro paese l'obesità è in aumento esponenziale e sempre più "killer", con un numero di morti all'anno 4 volte superiore a quello degli incidenti d'auto, e una previsione, entro il 2035, di 1 adulto italiano su 3 obeso. E' l'allarme lanciato dalla Società italiana di nutrizione umana per sensibilizzare sull'importanza della sostenibilità alimentare e sull'adozione di scelte alimentari corrette, in grado di agire positivamente sia sull'uomo che sul pianeta
Covid: spray nasale con anticorpi protegge da infezione. Gli scienziati: “Approccio utile contro nuove varianti e in futuro anche contro altri virus”
I ricercatori del Karolinska Institutet, in Svezia, hanno dimostrato che lo spray nasale anti-Covid sviluppato, a base di anticorpi IgA, può offrire protezione dall'infezione. O almeno così è stato nei topi su cui è stato testato, come riportato da uno studio pubblicato su PNAS. I risultati aprono la strada a una nuova strategia per proteggere le persone ad alto rischio a causa delle diverse varianti del virus Sars-CoV-2 e possibilmente anche da altre infezioni
Fiaso: Covid ancora in calo, ma preoccupa l’influenza
Si conferma in calo l’indice dei ricoveri Covid. La rilevazione degli ospedali sentinella aderenti a Fiaso fa registrare un complessivo -16% nell’ultima settimana del 2023. Secondo l'ultima rilevazione Fiaso i virus influenzali stanno avendo un impatto in termini assoluti maggiore sugli ospedali
di V.A.
Covid: le varianti sono emerse in risposta al comportamento umano
Le varianti del virus Sars-CoV-2 potrebbero essere emerse a causa di comportamenti umani, come il lockdown o le misure di isolamento, le stesse previste per arginare la diffusione dei contagi. Queste sono le conclusioni di uno studio coordinato dall’Università di Nagoya e pubblicato sulla rivista Nature Communications. Utilizzando la tecnologia dell’intelligenza artificiale e la modellazione matematica […]
Covid: in commercio terapie di dubbia sicurezza ed efficacia
Ci sono la bellezza di 38 aziende che hanno messo in commercio presunti trattamenti a base di cellule staminali e di esosomi (vescicole extracellulari) per la prevenzione e il trattamento del Covid-19
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...