Salute 29 agosto 2018

Infezioni ospedaliere, Andreoni (Tor Vergata): «Sono piaga, contribuisce uso smodato antibiotici. A pronunciarsi su terapie sia solo infettivologo»

«In Italia la prevalenza di ceppi batterici resistenti è tra le più alte d’Europa. Occorre controllo dei pazienti al momento dell’ospedalizzazione» così il direttore del Policlinico romano e membro del SIMIT 

Immagine articolo

«Le infezioni ospedaliere sono una vera e propria piaga del sistema sanitario». È netta la denuncia di Massimo Andreoni, Direttore di Malattie infettive dell’ospedale romano di Tor Vergata e Direttore Scientifico del SIMIT. «Proprio per fronteggiare questo fenomeno Tor Vergata ha attivato una serie di protocolli», aggiunge il medico che spiega a Sanità Informazione quanto in Italia, come indica anche l’Istituto Superiore di Sanità, la prevalenza di ceppi batterici resistenti è tra le più alte d’Europa.

Le infezioni ospedaliere costano 7mila morti l’anno in Italia e 37mila in Europa, una situazione preoccupante?

«Purtroppo sì, ma occorre anche dire che non esiste un sistema che garantisca l’eliminazione totale delle infezioni ospedaliere. Infatti anche negli ospedali più evoluti si riesce a ridurre di un terzo il fenomeno ma non a risolverlo del tutto, tuttavia è possibile correre ai ripari».

Quali sono le soluzioni da adottare?

«Innanzitutto quello che si può fare è un controllo ambientale negli ospedali per individuare i germi che circolano e cercare di eliminarli per impedire che si diffondano, per ottenere questo risultato bisogna usare gli antibiotici nel miglior modo possibile».

Le infezioni ospedaliere sono uno degli effetti dell’antibiotico-resistenza?

«Sì, l’implicazione è inevitabile. Chiaramente l’utilizzo smodato di antibiotici produce una resistenza a questi ultimi che aggrava la situazione delle infezioni che diventano sempre più difficili da trattare. Si dice che usiamo troppi antibiotici, sicuramente è vero ma non è tanto l’uso eccessivo quanto l’uso scorretto a dover preoccupare».

LEGGI ANCHE: INFEZIONI OSPEDALIERE, KLEBSIELLA KILLER ALLE CANARIE. ANDREONI (SIMIT): «A RISCHIO ANCHE CASE DI CURA. INFETTIVOLOGI POCO COINVOLTI»

Ci spieghi meglio cosa intende per ‘uso scorretto’.

«Dobbiamo imparare ad usare meglio gli antibiotici, la medicina negli ultimi decenni è diventata ancor più complicata di prima; abbiamo a che fare sempre più costantemente con pazienti difficili e fragili, per esempio i pazienti oncologici, i pazienti trapiantati di organi e tessuti, in molti casi questi soggetti raggiungono età sempre più elevate e diventa impegnativo trattarli. Questi pazienti andranno incontro a infezioni? Sicuramente sì, la fragilità porta a sviluppare infezioni. Come contrastare questo? Con gli antibiotici prescritti in modo corretto e cercando di evitare degli antibiotici troppo a largo spettro che distruggono la maggior parte dei microbi a prescindere da quelli che sono la causa dell’infezione. È importante che la terapia sia la più mirata possibile».

Per evitare il rischio di prescrizioni antibiotiche ‘non mirate’ qual è la soluzione?

«Io credo che sia necessario che la terapia antibiotica sia affidata agli specialisti che sappiano utilizzare nel miglior modo possibile gli antibiotici. Senza togliere niente agli altri medici, sono infettivologi ad essere più preparati in questo ambito, sarebbe dunque auspicabile che fossero sempre loro ad occuparsi delle terapie antibiotiche. Così facendo eviteremmo le infezioni da germi resistenti? No, ma probabilmente riusciremmo meglio a tenerle sotto controllo».

A tal proposito Tor Vergata ha attivato dei protocolli proprio per limitare il diffondersi di infezioni. Può parlarcene?

«Tor Vergata ha avviato una strategia di controllo globale delle infezioni, il protocollo prevede che i pazienti al momento dell’ingresso in ospedale (proprio perché spesso questi germi sono fuori dall’ospedale) facciano un esame per rilevare la presenza di infezioni. Nel caso risultino positivi alla presenza di germi, allora vengono sottoposti a una cura antibiotica ad hoc prima di entrare in contatto con altri pazienti ritenuti a rischio».

 

Articoli correlati
Antibiotici contro la tosse? Meglio di no. È più efficace il miele (anche per combattere l’antibiotico-resistenza)
Secondo le nuove linee guida inglesi sulla prescrizione di antibiotici, la maggior parte delle tossi è causata da virus contro i quali gli antibiotici non servono. Prima di andare dal medico di famiglia, è meglio provare i rimedi della nonna e farmaci da banco a base di pelargonium, guaifenesina o destrometorfano
Infezioni ospedaliere, Klebsiella killer alle Canarie. Andreoni (SIMIT): «A rischio anche case di cura. Infettivologi poco coinvolti»
Nel 2030 ci saranno 10 milioni di morti per infezioni ospedaliere resistenti agli antibiotici. «L’OMS ha fatto questa previsione da circa due anni, adesso serve strategia mondiale» così Massimo Andreoni, Direttore U.O.C. Malattie infettive a Tor Vergata e Direttore Scientifico della Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali
Senza nuovi antibiotici la tubercolosi tornerà. L’allarme dell’OMS
Nei prossimi anni la tubercolosi e altre infezioni comuni quali la polmonite o le infezioni del tratto urinario potrebbero tornare ad essere gravi minacce per la nostra vita. Colpa dell’antimicrobico-resistenza e dell’insufficiente sviluppo e produzione di nuovi antibiotici in grado di combattere classi di patogeni sempre più resistenti. «Questa è un’emergenza sanitaria globale che metterà […]
“Antibiotics: Handle With Care”: dal 14 al 20 novembre la settimana mondiale sull’antibioticoresistenza
Per il secondo anno di seguito, la giornata europea sugli antibiotici – organizzata dallo European Centre for Disease Prevention and Control (Ecdc) ogni 18 novembre, giunta alla IX edizione – si celebra nel corso della settimana mondiale sull’antibiotico resistenza, voluta dall’Oms, con la collaborazione di Fao e Oie, per sensibilizzare i governi, le istituzioni e […]
di S.I.Me.Ve.P
United States, found first bacterium immune to all antibiotics
The US health authorities are very concerned because their worst nightmare seems to be coming true. For the first time, a patient is infected with bacteria resistant to all antibiotics. The patient, a woman of 49 years coming from Pennsylvania, has fortunately recovered one of optimal health, but health authorities fear that if this resistance […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...