Salute 29 Agosto 2018

Infezioni ospedaliere, Andreoni (Tor Vergata): «Sono piaga, contribuisce uso smodato antibiotici. A pronunciarsi su terapie sia solo infettivologo»

«In Italia la prevalenza di ceppi batterici resistenti è tra le più alte d’Europa. Occorre controllo dei pazienti al momento dell’ospedalizzazione» così il direttore del Policlinico romano e membro del SIMIT 

Immagine articolo

«Le infezioni ospedaliere sono una vera e propria piaga del sistema sanitario». È netta la denuncia di Massimo Andreoni, Direttore di Malattie infettive dell’ospedale romano di Tor Vergata e Direttore Scientifico del SIMIT. «Proprio per fronteggiare questo fenomeno Tor Vergata ha attivato una serie di protocolli», aggiunge il medico che spiega a Sanità Informazione quanto in Italia, come indica anche l’Istituto Superiore di Sanità, la prevalenza di ceppi batterici resistenti è tra le più alte d’Europa.

Le infezioni ospedaliere costano 7mila morti l’anno in Italia e 37mila in Europa, una situazione preoccupante?

«Purtroppo sì, ma occorre anche dire che non esiste un sistema che garantisca l’eliminazione totale delle infezioni ospedaliere. Infatti anche negli ospedali più evoluti si riesce a ridurre di un terzo il fenomeno ma non a risolverlo del tutto, tuttavia è possibile correre ai ripari».

Quali sono le soluzioni da adottare?

«Innanzitutto quello che si può fare è un controllo ambientale negli ospedali per individuare i germi che circolano e cercare di eliminarli per impedire che si diffondano, per ottenere questo risultato bisogna usare gli antibiotici nel miglior modo possibile».

Le infezioni ospedaliere sono uno degli effetti dell’antibiotico-resistenza?

«Sì, l’implicazione è inevitabile. Chiaramente l’utilizzo smodato di antibiotici produce una resistenza a questi ultimi che aggrava la situazione delle infezioni che diventano sempre più difficili da trattare. Si dice che usiamo troppi antibiotici, sicuramente è vero ma non è tanto l’uso eccessivo quanto l’uso scorretto a dover preoccupare».

LEGGI ANCHE: INFEZIONI OSPEDALIERE, KLEBSIELLA KILLER ALLE CANARIE. ANDREONI (SIMIT): «A RISCHIO ANCHE CASE DI CURA. INFETTIVOLOGI POCO COINVOLTI»

Ci spieghi meglio cosa intende per ‘uso scorretto’.

«Dobbiamo imparare ad usare meglio gli antibiotici, la medicina negli ultimi decenni è diventata ancor più complicata di prima; abbiamo a che fare sempre più costantemente con pazienti difficili e fragili, per esempio i pazienti oncologici, i pazienti trapiantati di organi e tessuti, in molti casi questi soggetti raggiungono età sempre più elevate e diventa impegnativo trattarli. Questi pazienti andranno incontro a infezioni? Sicuramente sì, la fragilità porta a sviluppare infezioni. Come contrastare questo? Con gli antibiotici prescritti in modo corretto e cercando di evitare degli antibiotici troppo a largo spettro che distruggono la maggior parte dei microbi a prescindere da quelli che sono la causa dell’infezione. È importante che la terapia sia la più mirata possibile».

Per evitare il rischio di prescrizioni antibiotiche ‘non mirate’ qual è la soluzione?

«Io credo che sia necessario che la terapia antibiotica sia affidata agli specialisti che sappiano utilizzare nel miglior modo possibile gli antibiotici. Senza togliere niente agli altri medici, sono infettivologi ad essere più preparati in questo ambito, sarebbe dunque auspicabile che fossero sempre loro ad occuparsi delle terapie antibiotiche. Così facendo eviteremmo le infezioni da germi resistenti? No, ma probabilmente riusciremmo meglio a tenerle sotto controllo».

A tal proposito Tor Vergata ha attivato dei protocolli proprio per limitare il diffondersi di infezioni. Può parlarcene?

«Tor Vergata ha avviato una strategia di controllo globale delle infezioni, il protocollo prevede che i pazienti al momento dell’ingresso in ospedale (proprio perché spesso questi germi sono fuori dall’ospedale) facciano un esame per rilevare la presenza di infezioni. Nel caso risultino positivi alla presenza di germi, allora vengono sottoposti a una cura antibiotica ad hoc prima di entrare in contatto con altri pazienti ritenuti a rischio».

 

Articoli correlati
Pierpaolo Sileri (M5S): «Allarme infezioni ospedaliere, ecco le proposte per prevenirle e combatterle»
«L’utilizzo adeguato degli antibiotici è il primo passo, la corretta informazione su come e quando assumerli il secondo, il terzo è investire sempre di più nella gestione degli ospedali». La strategia del presidente della Commissione Igiene e Sanità del Senato per contrastare una grave minaccia per la salute globale
di Viviana Franzellitti e Giovanni Cedrone
Infezioni ospedaliere, Bartoletti (Fimmg): «Riorganizzare e potenziare assistenza sanitaria sul territorio»
Il vicesegretario nazionale della Fimmg denuncia le condizioni strutturali degli ospedali italiani e auspica nuovi modelli organizzativi dell’assistenza per prevenire le infezioni: «Se nei Pronto soccorso ci sono anziani che rimangono lì per giorni, la contaminazione batterica diventa certezza»
Infezioni ospedaliere, Italia fanalino di coda in Europa. Ma con le ‘buone pratiche’ è possibile ridurle del 30%
Al Senato convegno con focus sul problema, gravissimo, dei decessi per ICA: secondo i dati dell’ECDC nel nostro paese sono stati 7800 nel 2018. Cassini (OMS): «Si prescrivono troppi antibiotici a largo spettro». Il caso virtuoso dell’Emilia Romagna
Infezioni ospedaliere, oltre i 49mila decessi in Italia. Ricciardi: «C’è una strage in corso»
L'Italia conta il 30% di tutte le morti per sepsi nei 28 Paesi Ue. Il dato emerge dal Rapporto Osservasalute 2018 presentato oggi a Roma
Antibiotico-resistenza, una corretta igiene delle mani può ridurre del 30% le infezioni ospedaliere
L’igiene delle mani rappresenta la più semplice ed efficace procedura per la prevenzione delle infezioni correlate all’assistenza (ICA) e per il controllo dell’antibiotico-resistenza (AMR). Lo ricorda il Ministero della Salute che ha recentemente organizzato il convegno «L’igiene delle mani: strumento per la prevenzione delle infezioni correlate all’assistenza e dell’antimicrobico-resistenza», in collaborazione con l’Istituto Superiore di […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...