Salute 16 Giugno 2022 15:14

Incendio Malagrotta, Guerriero (CNR): «Rischi per la salute, seguire le precauzioni»

Guerriero (Cnr): «Finestre chiuse, evitare attività all’aperto e massime precauzioni per le catene di approvvigionamento». Quali cibi potrebbero essere da evitare nei prossimi giorni?

Incendio Malagrotta, Guerriero (CNR): «Rischi per la salute, seguire le precauzioni»

L’incendio scoppiato presso un impianto della discarica di Malagrotta non è un incidente che va preso alla leggera. I rischi per la salute ci sono e non vanno sottovalutati. Per questo, in attesa che l’Agenzia regionale per la protezione ambientale (Arpa) del Lazio esegua le analisi del caso e comunichi indicazioni più precise, si raccomanda di tenere le finestre chiuse, evitare l’attività sportiva all’aperto, prestare estrema attenzione agli alimenti e indossare le mascherine FFP2. A spiegarci nel dettaglio quali siano i pericoli e le migliori precauzioni da osservare per ridurre il rischio di contaminazione è Ettore Guerriero, ricercatore presso l’Istituto sull’inquinamento atmosferico del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Iia)

Massime precauzioni per le catene di approvvigionamento alimentare

«La combustione di rifiuti in modo incontrollato – spiega Guerriero – produce diverse sostanze tossiche, che comprendono ad esempio particolato, ossidi di azoto, microinquinanti organici, idrocarburi, policiclici aromatici e diossine. A differenza degli impianti di incenerimento, dotati di sistemi di abbattimento e camini che contribuiscono al trasporto verso l’alto delle eventuali sostanze potenzialmente tossiche, gli incendi di questo tipo generano un pennacchio molto basso, che ricade al suolo. Per questo è importante prestare attenzione alle catene di approvvigionamento alimentare».

Dalle zucchine ai cocomeri, tra le precauzioni molti i prodotti da evitare

Secondo l’esperto, sarebbero da evitare le verdure a foglia larga, dove possono depositarsi le polveri pericolose. E, almeno finché non arriveranno le stime sul livello di contaminazione del suolo da parte dell’Arpa, tra le precazioni, andrebbero evitati i prodotti appartenenti anche la famiglia delle cucurbitacee, come zucchine, zucche, cetrioli, cocomeri e meloni, in quanto sono caratterizzate da radici permeabili che trasportano le sostanze dannose all’interno del frutto. «Le zone di ricaduta – continua Guerriero – dovranno essere interdette al pascolo per i prossimi giorni. Non conosciamo ancora l’estensione dell’area potenzialmente pericolosa, che dipende da diverse variabili, come i venti, il rimescolamento dell’aria e una serie di condizioni meteo. Per avere parametri e indicazioni precise, sarà necessario attendere le valutazioni dell’agenzia preposta (ARPA Lazio), che impiegheranno un paio di giorni».

Finestre chiuse e mascherina FFP2 per evitare le polveri tossiche

«Nel frattempo, però, non possiamo far aspettare la sicurezza della popolazione nelle circostanze», sottolinea Guerriero. «È pertanto consigliabile un livello di attenzione particolare: suggeriamo di indossare le mascherine FFP2 per evitare la respirazione di polveri e di evitare l’attività fisica all’aperto. Allo stesso tempo è importante tenere le finestre chiuse, anche se il particolato fine viene fermato relativamente poco dalle finestre, e scegliere con attenzione le verdure e i prodotti alimentari da acquistare e cucinare». Tutte precauzioni necessarie per preservare la propria salute dai potenziali effetti contaminanti di questo incendio.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid, Sebastiani (CNR): «Siamo in crescita accelerata, ricoveri in salita»
Secondo Giovanni Sebastiani, matematico presso l’Istituto per le applicazioni del calcolo Mauro Picone del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Iac) la diffusione dei contagi è in crescita accelerata. Salgono anche i ricoveri ordinari e in terapia intensiva. Impossibile prevedere il picco
Il vaccino può causare il Long Covid?
Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali
Long Covid, scoperti biomarcatori predittivi negli adolescenti
Uno studio del Cnr indica, nei giovani che si sono ammalati, nuovi e precoci biomarcatori, potenzialmente predittivi del Long Covid
Disuguaglianze sanitarie, fuga dei cervelli e numero chiuso: medici italiani chiedono su The Lancet più ricerca in SSN
I suggerimenti dei ricercatori al Governo italiano dalle pagine della prestigiosa rivista scientifica. Tra i promotori medici di ISBEM, SIMA, SISPED, CNR e diverse Università
Big Data in Health 2019, Antonio Scala (CNR): «I dati sullo stile di vita decisivi per la nostra salute»
«Per stare bene non si può prescindere dall’ambiente in cui si vive e dagli stili di vita che si adottano» così Antonio Scala, organizzatore della conferenza internazionale sulle opportunità aperte dai Big Data in ambito medico e sanitario che si sta svolgendo al Cnr di Roma. Sanità informazione media partner dell’evento con approfondimenti, interviste e contributi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...