Salute 7 Luglio 2022 16:13

Contagi Covid 100 volte più alti, picco previsto fra 7-21 giorni

I contagi aumentano vertiginosamente. Rispetto a luglio di un anno fa abbiamo 100 volte in più di casi e ricoveri 5 volte superiori. Per Sebastiani (Cnr) picco fra 7-21 giorni

Contagi Covid 100 volte più alti, picco previsto fra 7-21 giorni

«In tutta Italia abbiamo i pronto soccorso che esplodono a causa del Covid. Rispetto alla stessa settimana di luglio dello scorso anno abbiamo 100 volte in più di contagi e ricoveri 4 volte superiori». Le parole di Enrico Coscioni, presidente Agenas, ben dettagliano l’attuale situazione pandemica in Italia. Inoltre, dalle stime, sembra ci stiamo avvicinando al picco. «Da un mese la percentuale di casi positivi ai test molecolari è in crescita – spiega Giovanni Sebastiani, matematico presso l’Istituto per le applicazioni del calcolo Mauro Picone del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Iac) – ma, dopo aver raggiunto il massimo della velocità di crescita una decina di giorni fa, stiamo assistendo a una frenata nell’aumento di contagi. Secondo i dati disponibili, quindi, il picco in Italia è previsto tra 7 e 21 giorni. All’inizio della prossima settimana sarà possibile effettuare stime più precise».

Sebastiani (Cnr): «Sul fronte delle ospedalizzazioni per Covid siamo in crescita accelerata»

«Questo andamento è sicuramente dovuto alla diffusione della variante Omicron 5 – spiega Sebastiani – che si è dimostrata più contagiosa e maggiormente trasmissibile rispetto ai ceppi precedenti». Il ricercatore osserva poi che anche i valori relativi all’impatto sulle strutture ospedaliere nelle ultime settimane mostrano un significativo aumento. «Rispetto a tre settimane e mezzo fa, l’occupazione media dei reparti ordinari è raddoppiata, raggiungendo il 13 per cento», dice. «Siamo attualmente in fase di crescita accelerata, per cui per questo parametro non possiamo ancora prevedere ora quando si verificherà il picco», aggiunge Sebastiani.

In terapia intensiva occupazione triplicata rispetto a un mese fa

«Per quanto riguarda gli ingressi giornalieri nelle terapie intensive – aggiunge Sebastiani – il valore è triplicato rispetto a un mese fa, il che rappresenta sicuramente motivo di preoccupazione. Nonostante le cifre dell’occupazione dei reparti siano ancora piuttosto basse, intorno al 4 per cento, questo andamento è sicuramente il riflesso di una situazione poco promettente, tanto più che anche i decessi sono in aumento». L’esperto precisa poi che si verificano significative variazioni regionali per i parametri legati alle ospedalizzazioni. «L’Umbria detiene il primato in negativo – conclude Sebastiani – con oltre il 30% di occupazione dei posti letto ordinari per Covid-19. Valle d’Aosta, Calabria e Sicilia superano il 20 per cento, mentre per Campania, Liguria e Basilicata i valori sono di poco superiori al 15 per cento. Di positivo c’è il fatto che ora, per 100 ricoveri ordinari, ne abbiamo circa 2.7 in terapia intensiva contro i 7.5 di dicembre 2021, quando dilagava Omicron. Possiamo infine dedurre che l’andamento dei prossimi giorni dipenderà in gran parte anche dalle attenzioni e dal comportamento individuale della popolazione”.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Studio rivela il sintomo Covid che colpisce i vaccinati
I dati raccolti dall'App ZOE Health Study indicano stato un aumento delle segnalazioni di diarrea nel gennaio 2022 tra i vaccinati. Il sintomo dura in media 2-3 giorni
Covid, Fiaso: «Giù del 20% i ricoveri nell’ultima settimana, -22% nelle terapie intensive»
Le terapie intensive segnano un -22% rispetto alla settimana precedente e un indice di occupazione del 4,4%. In calo del 27% i ricoveri Covid pediatrici negli ospedali aderenti al network sentinella di Fiaso
Vaccini adattati alle varianti per l’autunno-inverno: accordo tra Ue e Moderna
Moderna sposta dall'estate in corso al prossimo inverno i calendari di consegna dei vaccini agli Stati membri, quando ce ne sarà più bisogno. La commissaria Ue alla Salute Kyriakides: «In autunno ci saranno vaccini adattati alle varianti Covid»
Covid-19, test salivare 2 in 1: in due ore individua il virus e conta gli anticorpi
I suoi ideatori lo hanno definito «economico, accurato, preciso e ultra sensibile». Il prototipo potrebbe migliorare notevolmente la risposta globale alle future pandemie e fornire indicazioni sul tipo di trattamento che il paziente dovrebbe ricevere
Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?
Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi è che la durata dell'infettività è più breve rispetto a quella dei sintomi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale