Ambiente 17 Maggio 2022 14:40

Lo smog provoca danni non solo ai polmoni e al cuore, anche al cervello

Lo studio DeprAir coordinato da Michele Carugno ha evidenziato come la qualità dell’aria possa influenzare negativamente la salute mentale fino a comportare cambiamenti biologici nell’organismo tale da aumentare la vulnerabilità e sviluppare sintomi depressivi

Depressione, infarto e ictus, oltre ai già ben noti danni polmonari, sono queste le principali conseguenze a cui si rischia di andare incontro se l’asticella dell’inquinamento che ci è costata anche una multa dalla Corte Europea continuerà a restare alta. A confermarlo sono diversi studi come spiega Michele Carugno professore associato presso il dipartimento di scienze cliniche dell’Università degli studi di Milano.

«Ci sono alcuni effetti sulla salute a breve e lungo termine – analizza Carugno –, in particolare sono ormai consolidati gli studi sugli effetti cardiovascolari, sia per quanto riguarda l’ictus che per l’infarto del miocardio, così come per le patologie respiratorie, sia acute che croniche: polmoniti, ma anche broncopneumopatie croniche ostruttive e cancro del polmone. Infatti, l’agenzia internazionale per la ricerca sul cancro ha classificato ormai da qualche anno il particolato e gli scarichi dei motori diesel cancerogeni per l’uomo».

Sette milioni di decessi, rischi già in gravidanza

Nell’ultimo decennio il livello di inquinamento ambientale è diminuito, ma non basta. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha stimato ancora 7 milioni di decessi l’anno, per patologie respiratorie e cardiovascolari riconducibili all’inquinamento atmosferico, mentre secondo un report dell’Agenzia Europea dell’ambiente 300 mila decessi in Europa si verificano prematuramente per il particolato fine (PM2,5) e 40 mila per il biossido di azoto. In Italia ad avere maggiori problemi è il nord, perché l’arco alpino impedisce alle perturbazioni atlantiche di raggiungere la Pianura Padana e pulire l’aria con conseguenze che iniziano a manifestarsi già durante la gravidanza. «Ci sono evidenze in fase di consolidamento che riguardano effetti avversi per esposizione durante la vita intrauterina – sottolinea – per cui alcuni studi suggeriscono associazioni con basso peso alla nascita, parto pretermine e alterazioni su sviluppo neuro cognitivo nei bambini».

Effetti sulla psiche e malattie metaboliche

Anche in età adulta i danni sono evidenti e si manifestano con malattie metaboliche, in particolare diabete mellito di tipo 2, mentre il nuovo studio DeprAir, di cui il professor Carugno è responsabile scientifico, pone l’accento sulle conseguenze dell’inquinamento atmosferico nella psiche «Ci sono evidenze crescenti in letteratura e noi stiamo cercando di dare il nostro contributo per dimostrare il legame tra inquinamento atmosferico e depressione. In Lombardia, e in particolare a Milano, stiamo reclutando un numero di soggetti affetti da disturbi depressivi che afferiscono all’unità operativa di psichiatria del Policlinico. Attraverso le analisi abbiamo visto che esiste una connessione tra diversi inquinanti atmosferici, sia particolati che gassosi, e l’aumentata frequenza del disturbo depressivo. Fino ad oggi abbiamo reclutato circa 300 soggetti e stiamo producendo dei risultati che sembrano suggerire che in particolare gli inquinanti gassosi, come il biossido di azoto è in grado di peggiorare la sintomatologia depressiva e di condizionarne la gravità in soggetti già affetti».

Aree urbane green e mobilità sostenibile per ridurre gli effetti dell’inquinamento sulla salute

Per arginare gli effetti dell’inquinamento ambientale sulla salute dell’uomo il referente scientifico dello studio DeprAir ritiene si debba agire su più fronti:  «Con progetti congiunti – spiega Carugno – come già accade con “Lifeprepair” un lavoro che vede coinvolte sei regioni del nord Italia, che in qualche modo intercettano la Pianura Padana, e diverse agenzie italiane per la protezione ambientale per mettere a punto corsi di formazione ed interventi ad hoc mirati ad una mobilità sostenibile per migliorare la qualità dell’aria.  Poi occorre investire e progettare aree urbane più green con edifici a basso impatto energetico, nell’ottica di arrivare al 2030 con una riduzione importante del livello di inquinamento delle città».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Smog: esposizione in gravidanza compromette neurosviluppo del bambino
Uno studio condotto a Taiwan ha dimostrato che l'esposizione allo smog in gravidanza può causare ritardi nello sviluppo motorio e psicosociale del bambino durante la sua crescita
Halloween: la paura ci piace e alle giuste dosi fa bene alla salute
Gli scienziati hanno spiegato quando e perché la paura può essere piacevole, svelando almeno in parte il segreto del successo della festa di Halloween
Gravidanze indesiderate, è record in Campania. Il progetto per promuovere empowerment femminile e contraccezione
L’iniziativa, promossa dalla Fondazione Scuola di Alta Formazione Donne di Governo insieme a Organon, ha come obiettivo la formazione e l’informazione di ragazzi, famiglie, e operatori in materia di sessualità consapevole
Sintomi di gravidanza, come riconoscerli sin dalle primissime settimane
Bifulco (Federico II): «Lo status emotivo della donna influenza il livello delle sensazioni. Non accorgersi di essere incinte? Da un certo punto in poi è impossibile»
L’inquinamento atmosferico è responsabile dell’aumento delle demenze
Per la prima volta il governo del Regno Unito ha riconosciuto ufficialmente che l'inquinamento atmosferico sta alimentando un aumento dei casi di demenza. Il collegamento è stato messo nero su bianco in un report della Committee on the Medical Effects of Air Pollutants
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 27 gennaio 2023, sono 669.913.624 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.821.347 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Salute

Kraken, la nuova variante di Omicron dietro il boom di contagi negli Usa

Secondo il Cdc, Kraken ha più che raddoppiato il numero di contagi ogni settimana, passando dal 4% al 41% delle nuove infezioni