Ambiente 12 Maggio 2022 18:23

Inquinamento: l’UE boccia l’Italia e la Corte la condanna

Miani (SIMA): «La prima causa d’inquinamento atmosferico in Italia è la combustione per il riscaldamento degli edifici, al secondo posto ci sono gli allevamenti intensivi, al terzo il traffico veicolare. Necessario un cambio di rotta immediato: se dovessimo incentivare da domani l’acquisto di auto elettriche ci vorranno almeno 10 anni prima che ogni italiano ne abbia una»

Inquinamento: l’UE boccia l’Italia e la Corte la condanna

L’Italia non si prende cura della qualità dell’aria che respiriamo. Eppure avrebbe dovuto farlo. A sancirlo è la Corte di Giustizia dell’Unione Europea che ha accolto il ricorso della Commissione Europea. L’esecutivo dell’UE aveva precedentemente rilevato l’infrazione del Belpaese, stabilendo che l’Italia è venuto meno agli obblighi previsti dalla direttiva Unione Europea sulla qualità dell’aria. Una decisione che non sorprende gli esperti del settore. «C’era da aspettarselo – commenta Alessandro Mianipresidente della Società Italiana di Medicina Ambientale (SIMA) -. È noto che l’Italia sia tra i Paesi d’Europa più inquinati e la Pianura Padana la zona con il tasso di inquinamento più elevato in assoluto».

Limiti superati ovunque

Il tribunale del Lussemburgo ha passato al setaccio i valori relativi all’inquinamento dell’aria a Torino, Milano, Bergamo, Brescia, Firenze, Roma, Genova e Catania, a partire dal 2010. L’esito non lascia dubbi: la Corte ha accertato che il valore limite del biossido d’azoto è stato sistematicamente superato in tutte le zone prese in esame ed ha ritenuto che «l’oggettivo superamento del valore limite annuale fissato per il biossido d’azoto è di per sé sufficiente per ritenere l’Italia inadempiente all’obbligo previsto dalla direttiva».

Le cause dell’inquinamento in Italia

Ma perché l’aria del nostro Paese è così inquinata? «La prima causa dell’inquinamento atmosferico in Italia è la combustione per il riscaldamento degli edifici – spiega Miani -. Al secondo posto ci sono gli allevamenti intensivi. Al terzo, il traffico veicolare che, in media, incide per il 23% del totale, con punte del 39% in zone particolarmente inquinate come Milano». Se l’inquinamento si concentra soprattutto nelle regioni del nord è anche per una questione oro-geografica: «Soprattutto d’inverno – aggiunge il presidente SIMA – la conformazione del territorio contribuisce al ristagno degli inquinanti».

Il tribunale non ammette giustificazioni

La Corte di Giustizia, come si legge nella motivazione, ritiene che l’Italia «non ha previsto, nei piani relativi alla qualità dell’aria, misure atte a limitare al periodo più breve possibile il superamento della soglia limite». Inoltre il tribunale ha ritenuto non valide le giustificazioni avanzate dall’Italia che avrebbe fatto appello alle «difficoltà strutturali legate ai fattori socio-economici, gli investimenti di grande portata da mettere in opera, la tendenza al ribasso dei valori di diossido di azoto, i tempi di attuazione necessariamente lunghi dei piani adottati, le tradizioni locali, la presenza di cofattori causali esterni quali la configurazione orografica di certe zone e la circolazione dei veicoli diesel».

Necessaria un’azione politica mirata

Il presidente Miani non nega che un po’ di strada sia stata fatta, ma assicura che il percorso è ancora lungo: «Sicuramente negli ultimi anni c’è stata una riduzione della concentrazione degli ossidi di azoto, che sono il tracciante del traffico veicolare. I livelli sono calati di molto soprattutto in pandemia e, in particolare, nei periodi di lockdown in cui il traffico veicolare è stato decisamente poco intenso», dice il presidente SIMA. Ma questi miglioramenti sono solo una goccia nel mare: «È necessaria un’azione politica mirata e strutturata che non si limiti a finanziare biciclette e monopattini elettrici, ma che incentivi soprattutto all’acquisto di auto elettriche», aggiunge l’esperto. Soprattutto, non c’è tempo da perdere: «Se dovessimo cambiare domani il nostro parco auto, ammesso di avere le risorse per farlo, considerando i lunghi tempi di produzione, prima che ogni italiano possa avere almeno un’auto elettrica – conclude Miani – ci vorranno almeno 10 anni».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Per 3 adolescenti su 4 la fertilità è una grande sconosciuta, via a Progetto Scuola della SIRU
In occasione del quinto congresso nazionale della Società Italiana della Riproduzione Umana (SIRU), che si apre oggi a Rimini fino al 28 maggio, gli studenti delle scuole sono stati invitati a prendere parte all'evento per imparare e sciogliere ogni dubbio sulla fertilità
Donne e Tiroide: novità terapeutiche con il myo-inositolo
Intervista del prof. Maurizio Nordio in vista del Congresso congiunto della Società italiana di Fitoterapia e integratori Ostetricia e ginecologia (SIFIOG) e International Society of Dietary Supplements and Phitotherapy (ISDP) che si terrà a Roma il prossimo 10 e 11 giugno presso lo spazio Frentani
Se il paziente ha dei dubbi, Eric risponde
Costamagna (chirurgo endoscopico digestivo): «Eric è uno strumento di Intelligenza Artificiale conversazionale. Siamo il primo ospedale in Italia ad aver introdotto questa tipologia di tecnologia in ambito endoscopico». Entro il 2025 il mercato globale degli assistenti virtuali potrebbe superare i 3 miliardi di dollari
L’allarme dello scienziato: il cambiamento climatico fa ammalare i bambini
Lo scienziato svedese Tobias Alfvén ha parlato chiaro al Festival della Scienza Medicina 2022: le conseguenze dei cambiamenti climatici impatteranno sulle future generazioni rendendole più vulnerabili alle malattie, e lo stanno già facendo
«Troppi pochi dietisti nel Ssn, ma con la giusta alimentazione migliori esiti e meno spesa sanitaria». Parla Marco Tonelli, presidente Cda Dietisti
In tutto seimila i dietisti in Italia, solo un terzo nel servizio pubblico. Il presidente della Cda nazionale lancia la proposta del dietista di comunità che lavora in équipe con MMG, PLS e gli altri professionisti sanitari. Spiega Tonelli: «Oggi l’assistenza nutrizionale, settore fondamentale per la salute dei cittadini, non è riconducibile a prestazioni assistenziali chiaramente definite»
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 maggio, sono 527.393.956 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.283.228 i decessi. Ad oggi, oltre 11,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Salute

Vaiolo delle scimmie, la “profezia” di Bill Gates e il bioterrorismo

Bill Gates aveva parlato pubblicamente del rischio di future pandemia e di bioterrorismo, facendo riferimento a possibili attacchi con il vaiolo. Spazio per nuove teorie del complotto
Cause

Medici specializzandi, apertura della Cassazione su prescrizione, rivalutazione interessi e borse di studio

Due ordinanze della Cassazione riaprono la vertenza, con udienza pubblica. L’avvocato Tortorella: «La giurisprudenza può rivedere le sue posizioni in senso più favorevole ai ...