Salute 2 Maggio 2022 10:42

Green Building. Il primo italiano nel board mondiale dell’IWBI di New York

Alessandro Miani, presidente SIMA, è membro del Governance Council, accanto ai maggiori esperti mondiali di salubrità degli edifici: «La progettazione di questi luoghi, l’attenzione ai metodi e materiali di costruzione, oltre alla qualità dell’aria indoor, rappresentano la sfida cruciale del presente e per il futuro»

Qualità dell’aria respirata e dell’acqua fornita per il consumo umano, alimentazione, fitness, confort termico, acustico e visivo, salubrità dei materiali da costruzione, benessere psicologico e senso di comunità. Sono questi i 10 pilastri del sistema di certificazioni del livello di salute e benessere delle persone all’interno degli edifici denominato “Well Building Standard TM”, ideato nel 2015 dall’International WELL Building Institute (IWBI).

Il primo italiano nel board

Ora, per la prima volta, entra un italiano nel board mondiale degli esperti dell’IWBI di New York: il professore Alessandro Miani, presidente della Società Italiana di Medicina Ambientale (SIMA) è il nuovo membro del Governance Council dell’Istituto, organo consultivo che collabora alla definizione, adozione e valutazione degli standard di certificazione WELL per la salubrità degli edifici.

Grandi città sempre più popolose

«Trascorriamo l’80 per cento del nostro tempo in ambienti confinati, percentuale che, di anno in anno, tenderà ulteriormente ad aumentare, così come sarà sempre più consolidata la tendenza della popolazione a spostarsi e vivere all’interno delle grandi città – dice Alessandro Miani -. Per questo rendere gli edifici salubri e sostenibili è uno dei principali obiettivi da perseguire sin da ora per proteggere sia il benessere degli esseri umani che l’equilibrio dell’ambiente».

Il primo vertice a Roma

Nei prossimi giorni il professor Miani incontrerà a Roma, per la prima volta dalla sua nomina, i vertici dell’IWBI di New York. Sono membri del Governance Council di IWBI alcune icone della salute pubblica statunitense, come Richard Carmona (17° “Surgeon General” degli Stati Uniti, ovvero il vertice della sanità pubblica USA), Nancy Roman (Presidente e CEO di Partnership for a Healthier America) e Mona Naqvi (Global Head della ESG Capital Markets Strategy presso S&P Global).

La mission di IWBI

«Il nostro Istituto – dice Rachel Hodgdon, presidente e CEO di IWBI – è onorato di potersi avvalere del contributo, della visione e dell’esperienza del professor Miani. La conoscenza e le competenze del presidente Sima delle interconnessioni tra le scienze dell’ambiente e le strategie di tutela della salute pubblica sono perfettamente in linea con la mission di IWBI, che consiste nel porre il benessere delle persone al primo posto».

La resilienza urbana

«Come Società Italiana di Medicina Ambientale riteniamo che i luoghi in cui viviamo e lavoriamo ogni giorno rappresentino uno dei principali determinanti della nostra salute e che nell’ambito dell’approccio One Health vada ricompresa la cosiddetta resilienza urbana. Come esseri umani esistiamo infatti solo nel quadro del nostro rapporto con l’ambiente circostante, sia naturale che artificiale, compresi gli spazi urbani e quelli indoor, dove trascorriamo la maggior parte del nostro tempo – spiega Miani -. La progettazione di questi luoghi, l’attenzione ai metodi e materiali di costruzione, oltre alla qualità dell’aria indoor, rappresentano una sfida cruciale alla luce del principio di precauzione che ispira l’azione del nostro impegno in tema di Medicina Ambientale. Non posso quindi che essere felice – conclude il presidente Sima – di adoperarmi con IWBI per migliorare la qualità degli ambienti urbani e indoor».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Inquinamento: l’Emilia Romagna investe 154 milioni nel prossimo Piano dell’Aria
Malgrado le osservazioni critiche dell'opposizione, disco verde della commissione Politiche per la Salute dell'Emilia-Romagna al prossimo Piano dell'Aria (Pair 2030) proposto dalla giunta regionale per ridurre gli effetti dell'inquinamento
di V.A.
Clima pazzo e inquinamento aumentano il rischio di maculopatie senili
La crisi climatica e l’inquinamento atmosferico ad essa legato rappresentano un’urgenza anche per la salute dei nostri occhi,  che va ben oltre quella finora considerata di congiuntiviti e occhio secco. Uno studio canadese, il più ampio mai realizzato, pubblicato il mese scorso su Ophthalmic Epidemiology e condotto su 1,7 milioni di americani over 65, ha evidenziato una correlazione significativa tra maggiore probabilità di gravi problemi alla vista e temperature più elevate
di V.A.
Il traffico aumenta la pressione sanguigna, un effetto che dura fino a 24 ore
Uno studio dell'Università di Washington, pubblicato sulla rivista Annals of Internal Medicine, ha rilevato che l'aria non filtrata proveniente dal traffico delle ore di punta aumenta significativamente la pressione sanguigna dei passeggeri, sia mentre si trovano in automobile che fino a ben 24 ore dopo
Inquinamento: la Corte Europea dei diritti dell’Uomo condanna l’Italia
Massimo Tortorella, presidente Consulcesi: “Sentenza storica: da Europa diritto a vivere in un ambiente salubre anche senza danno alla salute. Forti analogie con la nostra azione collettiva Aria Pulita, nn messaggio positivo anche per i 600 mila richiedenti"
Ue verso aria più pulita, parte carbon tax alle frontiere
Ridurre le emissioni inquinanti e, di conseguenze, ridurre il loro impatto sulla salute ambientale e dell'uomo. Queste sono solo alcuni degli ambiziosi obiettivi della Carbon Tax dell’Unione Europea alle frontiere, entrata in vigore da pochi giorni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Cirrosi epatica, i pazienti chiedono meno burocrazia e maggior accesso al teleconsulto

Nella nuova puntata di The Patient Voice, Ivan Gardini (EpaC Ets), Ilenia Malavasi (Affari Sociali) e Francesca Ponziani (Pol. Gemelli)
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...