Salute 26 Ottobre 2021 18:28

Inaugurata Breast Unit a Tor Vergata, Speranza: «Investire nella diagnosi e trattamento del tumore al seno»

Presente anche l’Assessore alla Sanità D’Amato: «Una donna su otto può avere questo problema. La prevenzione è fondamentale: necessario arrivare tempestivamente alla diagnosi e poi alla cura»

Un modello organizzativo innovativo che unisce didattica, ricerca e formazione interdisciplinare. Dalla prevenzione alla diagnosi, passando per la cura della paziente fino al follow up nella sua globalità, anche psicologica.

È questo l’obiettivo della nuova Breast Unit del Policlinico Tor Vergata di Roma, inaugurata questa mattina nell’anfiteatro dell’ospedale dal Ministro Speranza, l’Assessore alla Sanità D’Amato e il Direttore generale del Policlinico Giuseppe Quintavalle.

Speranza: «Sfida aperta, correre con la terza dose. Investire nella diagnosi e trattamento del tumore al seno»

Il Ministro della Salute ha esordito con la pandemia di Covid-19 definendola «una sfida ancora aperta. Un’insidia reale per cui serve mantenere alto il livello di attenzione» in considerazione dei numeri degli altri Paesi europei.

Le strade da seguire sono due: continuare con le misure precauzionali, a partire dalle mascherine nei luoghi chiusi, e incrementare le vaccinazioni. «In Italia i numeri sono incoraggianti – ha detto Speranza – siamo all’86% di prime dosi e all’82% di persone vaccinate con ciclo completo, un dato molto significativo. Dobbiamo correre sulla terza dose ai sanitari, nelle Rsa e agli over 60, in vista dei mesi invernali». Secondo il Ministro, è necessario «un salto culturale per investire con coraggio nel SSN come risorsa del nostro Paese, grazie al monito della pandemia». Dobbiamo investire – ha aggiunto – nella prevenzione e nella ricerca come priorità, nella diagnosi e nel trattamento dei tumori al seno e incrementare il personale sanitario».

D’Amato: «Se sono trascorsi 180 giorni, bisogna fare la dose di richiamo»

«Una donna su otto può avere questo problema – ha dichiarato l’Assessore D’Amato ai nostri microfoni – è necessario arrivare tempestivamente alle diagnosi e poi alla cura. Il centro di Tor Vergata – ha proseguito – dimostra che è il sistema che deve ruotare attorno alla donna e non l’inverso».

«Il Lazio è stata tra le prime regioni a recepire le Breast Unit – ha ricordato D’Amato -: nell’ultimo anno sono state invitate agli screening oltre 300mila donne con circa 100mila adesioni». L’obiettivo è aumentarle: «La prevenzione è fondamentale nella diagnosi precoce». Ha poi lanciato un appello: «Non posticipiamo la data dei richiami – ha sottolineato D’Amato -. Molti posticipano l’eventuale richiamo alla data di scadenza del Green pass. Ma se vogliamo vincere questa battaglia, il richiamo va fatto nel momento in cui siano trascorsi i 180 giorni». Va anche velocizzata la campagna di vaccinazione antinfluenzale: «Il vaccino è gratuito per la fascia dai 60 anni in su e tra i sei mesi e sei anni. Le complicazioni dell’influenza stagionale possono portare a criticità e il vaccino anti Covid non protegge dall’influenza stagionale, bisogna farle entrambe» ha specificato l’Assessore.

Buonomo (Responsabile Breast Unit): «Gestione completa della paziente in 12 ore»

«Al momento della diagnosi di tumore al seno alla paziente crolla tutto, come un terremoto – ha evidenziato Oreste Buonomo, chirurgo senologo, oncologo e Responsabile del centro multi-specialistico -. Noi vogliamo stare insieme alle donne, con cura, perché i pazienti oncologici sono fragili, pensano sempre al tumore e ai controlli da fare. Subiscono un trauma psicologico quando vedono le cicatrici dell’intervento chirurgico; far dimenticare il tumore è il nostro obiettivo». Questa nuova Breast Unit permette una gestione completa della paziente in 12 ore: «Verrà una volta ogni sei mesi, un anno e quel giorno farà tutto ciò che ha necessità di fare – ha precisato a Sanità Informazione -. Poi, non ci penserà più per altri sei mesi o un anno. Questo è il più grande sogno della mia vita professionale e sono certo di poterlo realizzare».

Quintavalle: «Breast Unit un luogo non sanitario, comodo e accogliente»

La Breast Unit è «un luogo non sanitario, nato dalle richieste di aiuto e dalle esigenze reali delle pazienti – ha spiegato Giuseppe Quintavalle, Direttore Generale Policlinico Tor Vergata. Un nuovo modello di presa in carico per offrire alle donne un percorso diagnostico terapeutico completo e correlato di tutte quelle necessità assistenziali che il caso specifico richiede. Abbiamo creato un ambiente comodo, accogliente – ha precisato al nostro giornale -, per favorire l’ingresso delle persone che possono venire senza impegnativa purché abbiano necessità di un controllo senologico. Questo modello per noi è vincente e stiamo lavorando per riprodurlo».

Petrella: «Un sogno che finalmente si realizza, un centro di altissimo livello»

E per il Professor Giuseppe Petrella, oncologo e già docente di Chirurgia all’Unversità di Tor Vergata, la Breast Unit è «un sogno che finalmente si realizza» ha ammesso a Sanità Informazione. Di altissimo livello, tecnologicamente avanzata, ci auguriamo che possa essere un modello da replicare. D’altra parte, in un territorio come questo, dove c’è un degrado sociale e tantissimi immigrati noi ci rivolgiamo alle donne. Vogliamo dare quello che in altre parti difficilmente avrebbero» ha concluso.

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Paziente esperto nei comitati etici, Van Doorne (AdPEE): «Ne sanno più dei medici stessi»
L’Accademia del Paziente Esperto Eupati chiede a Speranza l’inserimento dei rappresentanti dei pazienti all’interno dei comitati etici. «La sua visione è differente perché ha vissuto la malattia - spiega la presidente AdPEE a Sanità Informazione - e il suo parere è fondamentale»
Sanità del futuro, Speranza ai dg: «Management ruolo chiave, PNRR occasione per rafforzare SSN»
Direttori generali a confronto nel webinar a Roma per discutere la sanità di domani. Tanese (Asl Roma 1): «Il mondo della sanità ha bisogno di un management competente, responsabile e capace di gestire i cambiamenti». Frittelli (Federsanità): «Siamo alla vigilia di una grande rivoluzione del SSN»
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
Epatiti misteriose, il microbiologo: «Adenovirus resta indiziato numero 1, non si esclude correlazione con Sars-CoV-2»
Il responsabile di Microbiologia del Bambino Gesù sulle epatiti virali acute nei bambini: «Lockdown e mascherine potrebbero aver scatenato un debito immunitario». Quali sono i sintomi da tenere d'occhio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 maggio, sono 522.071.859 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.267.246 i decessi. Ad oggi, oltre 11,41 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Se la linea del tampone rapido appare sbiadita significa che la carica virale è più bassa?

Il tampone rapido, oltre a verificare l'eventuale positività, è anche in grado di definirla in termini quantitativi?
di Valentina Arcovio
Salute

Epatite acuta pediatrica misteriosa. Caso del bimbo di Prato, Basso (Bambino Gesù): «Migliora spontaneamente»

Si sta facendo strada l’ipotesi che possa trattarsi non dei classici virus che danno vita alle epatiti A, B e C, ma di un adenovirus, spesso causa solo di banali raffreddori, che nei bambini pu&...