Salute 21 Ottobre 2021 15:30

Vaccinazione eterologa Covid-19, Ema: «Risposta più forte con richiami e booster di vaccini diversi»

Cavaleri: «I dati confermano una reazione immunitaria più sostenuta con approccio ‘mix and match’»

Vaccinazione eterologa Covid-19, Ema: «Risposta più forte con richiami e booster di vaccini diversi»

La vaccinazione eterologa contro Covid-19 è efficace, ancora di più di quella omologa. Anche l’Agenzia europea del farmaco Ema, come l’americana Fda, si dice favorevole all’approccio ‘mix and match’ che prevede richiami di vaccini diversi dalla prima dose.

Vaccinazione eterologa, Ema: «Risposta più forte con eterologa anche in seconda o terza dose»

«Continuiamo a raccogliere e analizzare dati sulla vaccinazione eterologa – ha dichiarato Marco Cavaleri, responsabile Vaccini e Prodotti terapeutici per Covid-19 dell’Agenzia europea del farmaco – con risultati promettenti». Dagli studi, infatti, emerge «una risposta immunitaria più forte quando il vaccino contro il Covid-19 dato come seconda o terza dose è diverso dal vaccino ricevuto inizialmente».

Covid-19, Ema: «I guariti vaccinati più protetti da future infezioni»

Gli studi confermano anche che vaccinarsi contro il Covid-19 dopo aver superato l’infezione «ha aumentato la capacità delle persone guarite e successivamente immunizzate di combattere future infezioni – ha specificato Cavaleri – e le ha protette da qualsiasi nuova infezione da coronavirus».

Terapie Covid-19, Ema: «Prossima settimana al via revisione su molnupiravir della Merck»

La prossima settimana l’Agenzia Europea del farmaco inizierà la valutazione del farmaco antivirale orale molnupiravir sviluppato dall’americana Merck che ha suscitato grande attenzione in tutto il mondo. Dai primi risultati, il molnupiravir ha mostrato di ridurre di circa il 50% il rischio di ricovero e morte nei pazienti con Covid in forma lieve o moderata. «L’Ema – ha aggiunto Cavaleri – ha dialogato costantemente con lo sviluppatore del prodotto, descritto dagli esperti come la speranza di un primo trattamento domiciliare anti Sars-CoV-2».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Da EMA parere positivo a primo vaccino RSV per donne incinte e anziani
il Comitato per i medicinali per uso umano (CHMP) dell'Agenzia europea per i medicinali (EMA) ha dato parere positivo per l'approvazione del primo vaccino contro RSV per proteggere i bambini fino ai 6 mesi di vita e gli anziani over 60
Antibiotici, Pregliasco: “Uso inappropriato di fluorochinoloni rischioso per la salute”
In Italia si abusa di antibiotici fluorochinoloni. Fabrizio Ernesto Pregliasco, direttore sanitario dell’IRCCS Ospedale Galeazzi, Sant'Ambrogio, e professore all’Università degli Studi di Milano, spiega a Sanità Informazione i possibili pericoli
Covid, alcune persone potrebbero aver perso l’olfatto per sempre? L’ipotesi allarmante in uno studio
La perdita dell'olfatto a causa di Covid-19 potrebbe durare a lungo o addirittura per sempre. Uno studio rivela che una persona su 20 non l'ha recuperato dopo 18 mesi
Covid, si inverte la curva dei contagi: +11,3% di casi negli ultimi 7 giorni
Continua la discesa di ricoveri e decessi. Il nuovo monitoraggio GIMBE relativo alla settimana 14-20 settembre
In Italia via libera ai vaccini «aggiornati», che fine faranno i «vecchi»?
L'Aifa ha approvato i due vaccini aggiornati sulla variante Omicron 1. Ma l'Italia ha ancora oltre 2 milioni di dosi di vaccini «vecchi» da utilizzare
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...