Salute 18 Marzo 2022 18:10

“Immunità di gregge”, il libro-fumetto pro vaccini per chi è ancora scettico

L’intervista all’autore Marco Bonafede, medico psichiatra. «Spero che il libro-fumetto arrivi ad avere una diffusione più ampia, anche nelle scuole. L’obiettivo è discutere di vaccini in modo sereno, corretto e meno estremo»

In questi giorni si sta discutendo sulla possibilità di estendere la quarta dose di vaccino anti Covid a tutti. Questa possibilità, per ora, «non è giustificata da un’evidenza scientifica e in nessun Paese al mondo si sta facendo la quarta dose a tutti» ha spiegato il ministro Speranza. L’unica certezza, per ora, è che la quarta dose è prevista per le persone fragili e con problemi al sistema immunitario. «In Italia siamo partiti con gli immunocompromessi – ha aggiunto il ministro – verificheremo se estenderla alla popolazione più anziana. L’evidenza scientifica – ha sottolineato – ora non ci dice quarta dose per tutti, ma che bisogna approfondire e valutare se serve protezione a fasce anagrafiche più alte».

L’aumento dei casi di queste settimane, che non ha determinato per fortuna un aumento parallelo di ricoveri e decessi, è da attribuire ad Omicron 2 e forse ad un abbassamento generale della guardia complici la guerra e le varianti meno aggressive ma più contagiose. Eppure, il monitoraggio settimane della Fondazione Gimbe registra un ulteriore calo dei nuovi vaccinati. Tra gli over 50 il numero di nuovi vaccinati scende ancora e 6,98 milioni di persone non hanno ricevuto nemmeno una dose di vaccino.

In questi ultimi due anni, i vaccini hanno dimostrato di essere lo strumento più potente ed efficace nei confronti di malattie gravi. Cosa c’è allora, ancora, alla base dello scetticismo nei confronti del vaccino anti Covid-19? Se lo è domandato Marco Bonafede, nel suo libro-fumetto “Immunità di gregge”. Da poco in pensione, ha lavorato 30 anni al Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura (SPDC) dell’ospedale di Cefalù. Durante la pandemia, il dottor Bonafede ha scelto di trattare il tema dei vaccini in modo semplice, divertente ma razionale e per questo convincente. Con un chiaro intento informativo e divulgativo, anche per i bambini. E una forte critica ai social, dove spesso si nascondono fake news e posizioni antiscientifiche.

Dottor Bonafede, come nasce l’idea del suo libro a fumetti “Immunità di gregge” e perché?

«Nasce perché mi sono accorto che c’è stata una grandissima resistenza a vaccinarsi. Inspiegabile, secondo me, se non in termini non oggettivi, nel senso che si è creata una vera e propria psicosi sugli effetti collaterali dei vaccini anti Covid. I medici, ad un certo punto, sono passati da eroi a oppressori e sono nate polemiche che poco hanno a che fare con la scienza. Su questo, si giocano partite poco inerenti alla sanità e legate, invece, ad equilibri di potere. Questo ha confuso le persone».

Cosa c’è alla base dello scetticismo nei confronti del vaccino anti-Covid-19 e come nasce la sfiducia nei confronti della scienza? Secondo lei quanto il web è responsabile di bufale e fake news?

«Nasce anche a causa della mancata conoscenza e da alcune convinzioni errate sui farmaci. Sapere che ci possono essere rischi, anche se rari, non per tutti equivale a decidere di assumerseli. Ognuno vuole scegliere per sé e per il proprio corpo, non si può pensare di convincere le persone con le statistiche. C’è stata una psicosi di massa, la gente aveva paura e alcuni hanno approfittato per erigersi a “capo popolo” e protestare contro i vaccini senza alcun tipo di competenza. A me è capitato di rischiare di morire per un antibiotico: tutti i farmaci presentano rischi di effetti collaterali ma bisogna ragionare sui benefici. I vaccini sono molto più sicuri di tutte le compresse che le persone prendono senza pensarci troppo e con la massima leggerezza. E invece noi ci troviamo nella condizione per cui chi ha conoscenze mediche non viene tanto considerato. Se vado su internet trovo ciò che voglio, ogni mia opinione sarà confermata, non la cambierò. Devo essere in grado di filtrare le informazioni».

Perché è importante vaccinarsi? Un fumetto, scritto e disegnato da un medico, può essere utile a convincere i più scettici?

«Il vaccino è un dovere civico che ci consente di proteggerci, assumendoci un rischio minimo, lo stesso di un’allergia alimentare di cui non siamo a conoscenza. Nel mio fumetto io non mi sono occupato del virus e di epidemiologia. Io penso che le persone incerte, se non hanno gli strumenti per scegliere al meglio, molto spesso possono sbagliare. Questo libro è stato scritto con la speranza di riuscire ad incidere. Le buone recensioni mi fanno piacere ma io spero che arrivi ad avere una diffusione più ampia. L’obiettivo è discutere di vaccini in modo sereno, corretto e meno estremo. Io attraverso il fumetto prendo in giro i No-vax, è vero, ma mai con cattiveria. Lo faccio in maniera bonaria per aiutarli a superare le loro paure e i loro pregiudizi. E la cosa migliore è farlo con leggerezza».

 

Gratis l’ebook a fumetti “Immunità di gregge” da martedì 19 a venerdì 22 aprile 2022

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Omicron 4 e 5, impennata contagi. Ricciardi: «Contagiosissime, un rischio aver tolto obbligo mascherina al chiuso»
I dati del monitoraggio Gimbe: +58,9% in una settimana. Aumentano ricoveri ordinari (+14,4%) e terapie intensive (+12,6%). Ricciardi: «Bisogna stare all’erta, con un virus così contagioso negli ambienti chiusi ci si contagia. Tanti i fragili a rischio»
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
Covid, quale futuro? Centemeri (farmacologo): «Ecco i tre scenari possibili, dal migliore al peggiore»
Il professore invita a prestare massima attenzione alle sottovarianti di Omicron e annuncia: «Abbiamo costituito gruppi di esperti e tavoli virtuali mirati a dare risposte concrete e piani di azione per i possibili scenari futuri. Tutto sarà a disposizione del Governo e del ministro per il miglior uso possibile. Ottobre arriva e dobbiamo essere preparati»
Quarta dose al palo, Anelli (Fnomceo): «Medico torni a essere punto di riferimento»
La quarta dose stenta a decollare. Per il presidente della Fnomceo, Filippo Anelli, solo restituendo al medico le sue competenze è possibile rilanciare il secondo richiamo
di Valentina Arcovio
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 luglio, sono 550.055.526 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.340.167 i decessi. Ad oggi, oltre 11,76 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...