Salute 23 Febbraio 2022 14:45

«Novavax, il vaccino dei No Vax? I fanatici non si convincono», l’analisi di Garattini

Silvio Garattini, presidente e fondatore dell’Istituto Mario Negri di Milano, non crede che il nuovo vaccino a base di proteine di Novavax riesca a convincere i No Vax più fanatici a vaccinarsi

«Novavax, il vaccino dei No Vax? I fanatici non si convincono», l’analisi di Garattini

«Temo che neanche il nuovo vaccino a base di proteine potrà convincere i più fanatici». È poco ottimista Silvio Garattini, presidente e fondatore dell’Istituto Mario Negri di Milano, sulla possibile adesione dei No Vax alla vaccinazione con Nuvaxovid, il quinto vaccino approvato in Italia contro Covid-19 e che presto verrà somministrato in tutta Italia. «Probabilmente potremo arrivare a vaccinare i dubbiosi, ma chi ha convinzioni radicate contro i vaccini tende a non essere sensibile ad ascoltare e credere a chi dice il contrario», aggiunge il farmacologo, che rincara la dose: «Molti No Vax sono come i terrapiattisti, refrattari a qualunque argomento o evidenza che contrasti con le loro convinzioni», dice.

Il vaccino di Novavax è a base di proteine

La scarsa fiducia dei No Vax verso la scienza e i suoi progressi non ha però nulla a che fare con la «bontà» vaccino. «Nuvaxovid è un buon vaccino, un’arma in più che può aiutarci a venire definitivamente fuori da questa pandemia», dice Garattini. Prodotto dalla società di biotecnologie americana Novavax, è un vaccino a base di proteine, ingegnerizzato dalla sequenza genetica del ceppo originale di SARS-CoV-2. In pratica, il vaccino contiene frammenti prodotti in laboratorio della proteina Spike, che si trova sulla superficie del virus Sars-CoV-2, e un adiuvante, la saponina. Come qualsiasi altro vaccino ha l’obiettivo di stimolare il sistema immunitario e fargli produrre una risposta contro l’aggressione di un agente esterno.

Novavax ha un’efficacia del 90% nel prevenire la malattia grave

Il protocollo del nuovo vaccino prevede la somministrazione di due dosi a distanza di 21 giorni. Quando viene inoculato, il sistema immunitario si attiva e legge le particelle proteiche come estranee: a questo punto comincia a produrre difese naturali attivando anticorpi e linfociti T e B. I dati disponibili, secondo quanto messo in evidenza dall’Aifa al momento del via libera, hanno mostrato un’efficacia di circa il 90% nel prevenire la malattia Covid-19 sintomatica anche nella popolazione di età superiore ai 64 anni. Il profilo di sicurezza si è dimostrato positivo, con reazioni avverse prevalentemente di tipo locale.

Il vaccino sfrutta una tecnologia tradizionale

Si è subito pensato che fosse un vaccino che può «piacere» ai No Vax, in quanto sfrutta la tecnica delle proteine ricombinanti, in uso da decenni nei vaccini contro malattie come pertosse, epatite, meningite, herpes zoster e altre infezioni di carattere virale. È quindi diverso dai vaccini a mRNA prodotti da Pfizer e Moderna, su cui circolano fake news ormai da diverso tempo sulla loro presunta pericolosità.  L’idea è che un vaccino creato con una tecnologia tradizionale possa convincere i più scettici.

Il vaccino di Novavax ha un metodo di conservazione più agevole

«Uno degli indiscussi vantaggi di questo vaccino è il metodo di conservazione delle fiale, che prevede semplicemente l’uso di frigoriferi», spiega Garattini. «Questo lo rende molto vantaggioso per la vaccinazione nei paesi più poveri, fondamentale se vogliamo che questa emergenza globale finisca una volta per tutte», aggiunge. Domani nel Lazio, che aveva già pronto un piano per la somministrazione del nuovo vaccino, si apriranno le prenotazioni. Il vaccino sarà messo a disposizione in 15 hub in tutta la Regione, sette dei quali solo nella Capitale. Il Piemonte ha aperto le prenotazioni oggi e già venerdì partiranno le prima somministrazioni.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
Usa, FDA raccomanda nuovi vaccini contro Omicron, si faranno a ottobre
Il Comitato consultivo sui vaccini e sui prodotti biologici correlati (VRBPAC), un gruppo di consulenti indipendenti della FDA, ha approvato i piani per il lancio di vaccini di nuova formulazione per questo autunno
Ricompare la poliomielite in Europa, in Gb massima allerta
Nel Regno Unito è stato segnalato un potenziale focolaio di poliomielite, in seguito al ritrovamento di tracce del virus nelle acque reflue. Secondo l'Oms, ci sono oltre 100 paesi che non raggiungono la copertura vaccinale raccomandata
Il vaccino può causare il Long Covid?
Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali
Omceo Pa: «Intimidazioni sui muri della sede. Raid nella notte dei no vax»
Il presidente Toti Amato: «Un attacco vile, già partite le denunce alle forze dell’ordine»
In autunno un test ci dirà se dobbiamo fare un nuovo vaccino anti-Covid?
Un nuovo test rapido del sangue è in grado di misurare l'immunità al virus Sars-CoV-2 e indicare, in questo modo, l'opportunità di fare una nuova dose di vaccino
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...