Salute 23 Febbraio 2022 14:45

«Novavax, il vaccino dei No Vax? I fanatici non si convincono», l’analisi di Garattini

Silvio Garattini, presidente e fondatore dell’Istituto Mario Negri di Milano, non crede che il nuovo vaccino a base di proteine di Novavax riesca a convincere i No Vax più fanatici a vaccinarsi

«Novavax, il vaccino dei No Vax? I fanatici non si convincono», l’analisi di Garattini

«Temo che neanche il nuovo vaccino a base di proteine potrà convincere i più fanatici». È poco ottimista Silvio Garattini, presidente e fondatore dell’Istituto Mario Negri di Milano, sulla possibile adesione dei No Vax alla vaccinazione con Nuvaxovid, il quinto vaccino approvato in Italia contro Covid-19 e che presto verrà somministrato in tutta Italia. «Probabilmente potremo arrivare a vaccinare i dubbiosi, ma chi ha convinzioni radicate contro i vaccini tende a non essere sensibile ad ascoltare e credere a chi dice il contrario», aggiunge il farmacologo, che rincara la dose: «Molti No Vax sono come i terrapiattisti, refrattari a qualunque argomento o evidenza che contrasti con le loro convinzioni», dice.

Il vaccino di Novavax è a base di proteine

La scarsa fiducia dei No Vax verso la scienza e i suoi progressi non ha però nulla a che fare con la «bontà» vaccino. «Nuvaxovid è un buon vaccino, un’arma in più che può aiutarci a venire definitivamente fuori da questa pandemia», dice Garattini. Prodotto dalla società di biotecnologie americana Novavax, è un vaccino a base di proteine, ingegnerizzato dalla sequenza genetica del ceppo originale di SARS-CoV-2. In pratica, il vaccino contiene frammenti prodotti in laboratorio della proteina Spike, che si trova sulla superficie del virus Sars-CoV-2, e un adiuvante, la saponina. Come qualsiasi altro vaccino ha l’obiettivo di stimolare il sistema immunitario e fargli produrre una risposta contro l’aggressione di un agente esterno.

Novavax ha un’efficacia del 90% nel prevenire la malattia grave

Il protocollo del nuovo vaccino prevede la somministrazione di due dosi a distanza di 21 giorni. Quando viene inoculato, il sistema immunitario si attiva e legge le particelle proteiche come estranee: a questo punto comincia a produrre difese naturali attivando anticorpi e linfociti T e B. I dati disponibili, secondo quanto messo in evidenza dall’Aifa al momento del via libera, hanno mostrato un’efficacia di circa il 90% nel prevenire la malattia Covid-19 sintomatica anche nella popolazione di età superiore ai 64 anni. Il profilo di sicurezza si è dimostrato positivo, con reazioni avverse prevalentemente di tipo locale.

Il vaccino sfrutta una tecnologia tradizionale

Si è subito pensato che fosse un vaccino che può «piacere» ai No Vax, in quanto sfrutta la tecnica delle proteine ricombinanti, in uso da decenni nei vaccini contro malattie come pertosse, epatite, meningite, herpes zoster e altre infezioni di carattere virale. È quindi diverso dai vaccini a mRNA prodotti da Pfizer e Moderna, su cui circolano fake news ormai da diverso tempo sulla loro presunta pericolosità.  L’idea è che un vaccino creato con una tecnologia tradizionale possa convincere i più scettici.

Il vaccino di Novavax ha un metodo di conservazione più agevole

«Uno degli indiscussi vantaggi di questo vaccino è il metodo di conservazione delle fiale, che prevede semplicemente l’uso di frigoriferi», spiega Garattini. «Questo lo rende molto vantaggioso per la vaccinazione nei paesi più poveri, fondamentale se vogliamo che questa emergenza globale finisca una volta per tutte», aggiunge. Domani nel Lazio, che aveva già pronto un piano per la somministrazione del nuovo vaccino, si apriranno le prenotazioni. Il vaccino sarà messo a disposizione in 15 hub in tutta la Regione, sette dei quali solo nella Capitale. Il Piemonte ha aperto le prenotazioni oggi e già venerdì partiranno le prima somministrazioni.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
Covid: 3 o più dosi di vaccino in gravidanza aumentano la protezione dei neonati
Le donne in gravidanza che ricevono tre o più dosi di vaccino anti-Covid durante la gestazione presentano un livello di anticorpi specifici contro l’infezione nel cordone ombelicale di circa dieci volte più alto rispetto a quanto riscontrato nelle madri che hanno effettuato meno richiami. E questo offre una maggiore protezione ai nascituri. A dimostrarlo è uno studio condotto dagli scienziati dell’Università di Washington a Seattle
Covid: spray nasale con anticorpi protegge da infezione. Gli scienziati: “Approccio utile contro nuove varianti e in futuro anche contro altri virus”
I ricercatori del Karolinska Institutet, in Svezia, hanno dimostrato che lo spray nasale anti-Covid sviluppato, a base di anticorpi IgA, può offrire protezione dall'infezione. O almeno così è stato nei topi su cui è stato testato, come riportato da uno studio pubblicato su PNAS. I risultati aprono la strada a una nuova strategia per proteggere le persone ad alto rischio a causa delle diverse varianti del virus Sars-CoV-2 e possibilmente anche da altre infezioni
Morbillo: mappato il percorso del virus nel cervello
Per la prima volta è stata realizzata una sorta di mappa della diffusione del virus del morbillo nel cervello sulla base dei dati di un paziente colpito da una rara e letale malattia cerebrale, chiaara panencefalite sclerosante subacuta (SSPE). A realizzare l'impresa sono stati i ricercatori della Mayo Clinic in uno studio pubblicato su PLOS Pathogens
Herpes zoster: l’efficacia del vaccino diminuisce nel tempo
Uno studio pubblicato sul British Medical Journal ha valutato l'efficacia del vaccino vivo contro l'herpes zoster, che è risultata massima per i primi 12 mesi dalla vaccinazione ed è diminuita in modo sostanziale nel tempo
Covid: efficacia del vaccino sottovalutata, studio rivela «falla» in trial clinici
L'efficacia del vaccino anti-Covid potrebbe esser stata sottovalutata. A fare luce su una nuova «falla» è stato uno studio condotto da un team di scienziati del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr) e dell’Università di Salerno
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...
Salute

Tumore del polmone: per osimertinib e durvalumab ottimi risultati negli studi LAURA e ADRIATIC al Congresso ASCO

Nello studio LAURA osimertinib ha ridotto il rischio di progressione di malattia o di morte dell’84% nel tumore del polmone non a piccole cellule di Stadio III. Nello studio ADRIATIC, invece, du...