Salute 11 Giugno 2020 16:00

Il meccanismo che genera la gestosi nelle donne in gravidanza ritrovato anche nelle trombosi vascolari dei pazienti Covid

La scoperta dei ricercatori di Milano Bicocca guidati dal professor Gambacorti Passerini: «Lo studio del marcatore SFlt1 prodotto dalle cellule endoteliali spiega come il virus può infettare la superficie interna dei vasi». Giardina: «Le conoscenze sulla cura della gestosi utili per affrontare il Covid»

di Federica Bosco

Gestosi e Covid. La formazione dei trombi sembrerebbe avere la stessa origine, da un marcatore chiamato sFit1, prodotto dalle cellule endoteliali, che tappezzano la superficie interna dei vasi. Ad arrivare a questa conclusione è uno studio tutto italiano dei ricercatori dell’Università di Milano Bicocca guidati dal professor Carlo Gambacorti Passerini, direttore della Clinica Ematologica dell’Università che ha sede nell’Ospedale San Gerardo di Monza.

«Questa malattia nuova e poco conosciuta nel 50% dei pazienti dà effetto ad eventi trombotici sotto forma di coaguli all’interno di vene e arterie che possono essere causa di morte del paziente – spiega il professore -. La scoperta coinvolge lo strato più interno della parete delle arterie e delle vene che si chiama endotelio. Il nostro studio ha messo in luce come una molecola, che è prodotta in maniera quasi esclusiva da queste cellule, aumenti in modo significativo nei pazienti affetti dalla malattia e soprattutto in una fase precoce dell’infezione, al momento o subito dopo il ricovero in ospedale.  Di conseguenza il nostro studio mira ad anticipare il trattamento con farmaci anticoagulanti come l’eparina in una fase precoce della malattia e utilizzare, in futuro, farmaci noti per bloccare la produzione di queste molecole da parte delle cellule dell’endotelio, come aspirina e sartanici. Questo è un trattamento che non interferisce sul trattamento virale, ma su una complicanza della malattia; non blocca quindi la replicazione del virus, ma una complicanza grave, soprattutto in giovane età, come un’embolia polmonare massiva che è stata la principale causa di morte».

LEGGI ANCHE: COVID-19, CON ALBUMINA BASSA MAGGIOR RISCHIO DI TROMBOSI. VIOLI (UMBERTO I): «CONTROLLARE SPESSO I VALORI, SOPRATTUTTO NEGLI ANZIANI»

Partito grazie ad una intuizione di Valentina Giardini, ginecologa e dirigente medico della Fondazione Mamma e Bambino, lo studio potrebbe permettere di arrivare ad una cura per le complicanze del Covid partendo dall’esperienza della gestosi, una complicanza della gravidanza. «Vi è un’alterazione comune nelle due patologie, in particolare nel sistema renina-angiotensina-aldosterone – spiega la dottoressa che ha avuto il merito di osservare la stessa alterazione nelle due patologie -. Tutto questo è mediato da un altro ormone che si chiama angiotensina due, che crea un danno endoteliale in gravidanza e parte dalla placenta. Un’insufficienza placentale scatena un danno del tessuto che riveste i vasi e poi, a seguire, si manifesta in più organi. Si tratta di una malattia ad elevata mortalità materna e perinatale. Nei pazienti affetti da Covid tutto parte dal polmone, ma c’è poi un coinvolgimento di altri organi che può dare un danno sistemico dei vasi. Quindi c’è molta variabilità di manifestazione».

Ma allora la cura che si attua per la gestosi può essere utile anche per il Covid? «La preeclampsia, meglio conosciuta come gestosi – risponde la dottoressa Giardini -, sarebbe il modello noto della malattia in ambito medico. Questo studio, e anche i futuri, si focalizzeranno quindi su questa molecola. Si tratta di un marcatore in ambito ostetrico, per fare diagnosi di gestosi e per stratificare la gravità della patologia e del danno placentare, che può migliorare le nostre conoscenze sul fronte della patologia dell’infezione da Covid per utilizzarlo a fini terapeutici e prognostici. Un rapporto tra i due marcatori dell’endotelio che producono uno squilibrio tra i fattori angiogenici e anti-angiogenici a vantaggio di quelli più dannosi che quindi causano trombosi, a livello di placenta in caso di preeclampsia e nei polmoni nel caso del Covid. Questo sarà il punto da approfondire».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Terapia del plasma, Perotti (San Matteo di Pavia) «Oggi sospesa per mancanza di pazienti, ma tesoretto di 200 sacche pronte all’uso»
Il direttore del servizio di immunoematologia dell’IRCCS pavese ricorda il collega De Donno: «Era una brava persona, molto volenterosa, di quelli che gettano il cuore oltre l’ostacolo, ma non strumentalizziamo la sua morte. Il plasma non c’entra»
di Federica Bosco
Covid-19, svelato il motivo per cui i bambini si ammalano molto meno
Una molecola “chiave” che apre le porte al virus è meno attiva. Lo hanno scoperto i ricercatori del CEINGE-Biotecnologie Avanzate di Napoli, studiando i meccanismi di attacco del virus all’interno delle prime vie respiratorie in soggetti di età inferiore o superiore ai 20 anni
Report ISS, Rt a 1,57 e 20 regioni a rischio moderato. Salgono i ricoveri
Tasso di occupazione in terapia intensiva fermo al 2%, ma quello in area medica sale al 3%. Scende anche la percentuale di contagi tracciati, al 28% rispetto al 30 della settimana precedente
Ricerca, il tumore al seno oggi si combatte con nanosfere d’oro intelligenti
Un team di scienziate dell’Università di Pavia, guidato dalla professoressa Livia Visai, ha messo a punto una piattaforma di nanosfere d’oro in grado di colpire solo le cellule tumorali e ridurre in questo modo gli effetti collaterali delle cure chemioterapiche
di Federica Bosco
Vaccino Pfizer, lo studio: «Efficacia cala nell’arco di 6 mesi»
Su questo trend poggiano le ulteriori valutazioni avviate dall'azienda, che ha aperto il dibattito sull'opportunità della terza dose di vaccino
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 30 luglio, sono 196.654.595 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.199.164 i decessi. Ad oggi, oltre 4 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
Salute

Guida al Green pass, può essere revocato? Serve anche ai ragazzi? Le risposte di Cittadinanzattiva

Chi ne è esentato? E cosa deve fare chi è guarito? Intervista a Isabella Mori, Responsabile del servizio tutela di Cittadinanzattiva