Salute 11 Giugno 2020 16:20

Covid-19, con albumina bassa maggior rischio di trombosi. Violi (Umberto I): «Controllare spesso i valori, soprattutto negli anziani»

Lo studio Sapienza-Policlinico Umberto I fornisce un’interpretazione del rischio trombotico nei pazienti Covid-19 e apre la strada «all’individuazione precoce delle persone ad alto rischio con screening mirati e a nuove prospettive terapeutiche per ridurre gli eventi vascolari» spiega il coordinatore Francesco Violi

Covid-19, con albumina bassa maggior rischio di trombosi. Violi (Umberto I): «Controllare spesso i valori, soprattutto negli anziani»

Una delle più gravi complicanze del Covid 19 è la trombosi polmonare. Un gruppo di ricercatori della Sapienza e del Policlinico Umberto I, guidati dal dottor Francesco Violi (Dipartimento di Medicina interna e specialità mediche) ha studiato i meccanismi alla base di questa correlazione scoprendo un nesso tra valori molto bassi di albumina e complicanze trombotiche.

«L’albumina è la più importante proteina che circola nel sangue – spiega il dottor Violi a Sanità Informazione – ha un grosso potere antinfiammatorio e antiossidante». L’importanza di queste funzioni è confermata dal fatto che quando vi è una riduzione dei livelli di albumina plasmatica, le cellule producono elevate quantità di radicali di ossigeno, provocando un’attivazione incontrollata delle cellule fino alla loro morte.

LEGGI ANCHE: COVID-19, LO PNEUMOLOGO: «ALCUNI PAZIENTI NON GUARISCONO DEL TUTTO»

In generale, quando l’albumina nel sangue è inferiore a un certo livello – <35g/L – il rischio di trombosi arteriosa e venosa aumenta per tutti. I ricercatori hanno verificato questi dati nei pazienti Covid-19. «Nella grande maggioranza dei 73 pazienti ricoverati presso i reparti di Malattie infettive e di Terapia intensiva del Policlinico Umberto I – specifica il dottor Violi – abbiamo osservato una maggiore incidenza di eventi vascolari e trombosi venose con livelli di albumina bassi, cioè sotto ai 35g/L».

«Il nostro lavoro – sottolinea il medico – dimostra che quando i pazienti affetti da covid-19 hanno l’albumina bassa vanno incontro a trombosi, una delle principali cause di mortalità. Questo parametro “alterato” li predispone al rischio».

LEGGI ANCHE: COVID-19, IL PRIMARIO DI CARDIOLOGIA DEL SACCO: «NON SI MUORE DI POLMONITE, MA DI TROMBOSI»

Lo studio, quindi, oltre a dare una interpretazione del rischio trombotico nei pazienti Covid-19, apre la strada «all’individuazione precoce delle persone ad alto rischio con screening mirati e a nuove prospettive terapeutiche per ridurre gli eventi vascolari» evidenzia Violi.

«L’infiammazione stessa prodotta dal virus riduce l’albumina – aggiunge Violi – io non so questi soggetti che concentrazione avessero nel sangue prima di ammalarsi, però è importante verificare l’albumina periodicamente nelle persone anziane, perché potrebbe essere rilevante nella gestione di questa e altre patologie».

Per mantenere un buon livello di albumina nel sangue, «è importante seguire un’alimentazione corretta – conclude il dottor Violi -. Controllare l’albumina costa poco, è un marker molto semplice da misurare ed è una delle cose che andrebbe fatta subito».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Terza dose da oggi in Italia, ma gli esperti sono divisi: «Dati ancora non chiari»
Per ora la platea interessata è formata da circa 3 milioni di immunocompromessi ma si discute sulla possibilità di estenderla a tutta la popolazione
Covid-19, Von der Leyen: «Ue leader mondiale sui vaccini. Ora evitare pandemia dei non vaccinati»
La Presidente della Commissione Europea Ursula Von der Leyen, nel corso del discorso sullo Stato dell'Unione, ha rivendicato con orgoglio il lavoro fatto da tutti gli Stati membri nel corso della pandemia
Ho contratto il Covid-19 dopo la prima dose di vaccino, cosa devo fare?
Cosa fare se una persona contrae il Covid-19 successivamente alla somministrazione della prima dose di vaccino? Il Ministero della Salute ha fornito i chiarimenti necessari tramite una circolare firmata dal Direttore della Prevenzione, Gianni Rezza
Nuovo Sistema Garanzia LEA, Aceti (Salutequità): «Nel 2019 sei Regioni inadempienti e troppe disuguaglianze»
L’analisi di Salutequità sui risultati del Nuovo Sistema di Garanzia dei LEA (NSG) del Ministero della Salute. «Pubblicare subito i dati 2020 e fare scelte giuste con prossima Legge di Bilancio»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 20 settembre, sono 228.557.439 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.692.079 i decessi. Ad oggi, oltre 5,9 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco