Salute 25 Maggio 2021 16:46

Huntington, Bentivoglio (Gemelli): «Presto terapie cambia vita, svolta vicina»

Da qualche anno la ricerca sulla malattia di Huntington promette un cambiamento epocale, con la terapia genica si potrebbe arrivare a risultati sorprendenti. Con Anna Rita Bentivoglio (neurologa Gemelli) analizziamo i risultati e le necessità dei pazienti in cura

Huntington, Bentivoglio (Gemelli): «Presto terapie cambia vita, svolta vicina»

È silenziosa e scioccante, langue per lungo tempo e poi colpisce quando la vita è ormai da tempo “normale”. La malattia di Huntington è una patologia che quella vita la cambia, non solo per chi si ammala ma anche per tutte le persone che ha intorno. La trasforma giorno per giorno con il degenerare del corpo e della mente. Da questo tunnel che a lungo è sembrato senza uscita tuttavia, ora arrivano notizie confortanti grazie alla ricerca.

Negli ultimi 10 anni sono stati fatti passi giganteschi e la strada si è aperta verso nuove terapie che potrebbero cambiare la storia di questa malattia. Sanità Informazione ha contattato la professoressa Anna Rita Bentivoglio, neurologa e responsabile dell’U.O.S Disturbi Movimento presso il Policlinico Gemelli di Roma, per fare un quadro di quello che ci attende.

Le nuove terapie

«Finora – spiega – abbiamo avuto molti strumenti per alleviare i sintomi, terapie sintomatiche che sono fondamentali perché hanno migliorato la qualità e allungato la vita, ma questa è un’altra storia. Noi stiamo parlando di sistemi per silenziare un gene che, quando è mutato in un certo modo, è dannoso per il sistema nervoso centrale e che quindi potenzialmente fermano il processo patogenetico prima che questo si manifesti».

Il percorso è aperto, anche se la pandemia ha dato una piccola battuta d’arresto a quello che si stava costruendo. «Ora siamo sulla strada – concorda Bentivoglio – di recente abbiamo avuto uno stop sconcertante per tutta la comunità Huntington, medici, scienziati e pazienti. Si tratta però solo di un sassolino sulla strada, che ormai è aperta e non potrà che portarci a una vittoria finale».

Il Libro bianco

Come per tutte le grandi attese non c’è un giorno prestabilito in cui accadrà, ma intanto si può mantenere alta l’attenzione come hanno fatto associazioni e specialisti con il Libro Bianco sulla malattia di Huntington, in collaborazione con l’Osservatorio Malattie Rare. Una testimonianza che aiuta a infoltire la rete intorno a malati e famiglie perché non siano mai soli.

«Sappiamo che l’interazione tra persone e ambiente – prosegue l’esperta – è in grado di accendere e spegnere dei geni. Quindi c’è un’interazione molto più complessa di quello che a volte si pensa tra il nostro patrimonio genetico e tutto ciò che ci circonda. In questo momento abbiamo la responsabilità di cercare di sostenere e supportare i nostri pazienti in modo che quando arriveranno i giorni in cui potranno essere proposte terapie significative, loro saranno nella migliore forma che noi possiamo immaginare».

La presa in carico multidisciplinare

Qual è la chiave perché questo accada? La risposta sta nella presa in carico multidisciplinare del malato. La dottoressa Bentivoglio, che da oltre 20 anni lavora sulla patologia di Huntington, racconta di aver visto finalmente una trasformazione nei centri dedicati. Ora i pazienti ricevono la stessa dedizione anche nella cura di altre patologie minori.

«Due o tre decenni fa – spiega – se un paziente accedeva al Pronto soccorso e riferiva di avere Huntington improvvisamente la presa in carico era solo del neurologo. Ora siamo andati oltre questo e sappiamo che una persona malata ha bisogno di una presa in carico multidisciplinare, esattamente come tutte le altre persone. Quindi nei centri dove questa malattia viene seguita, abbiamo messo insieme le forze e mettiamo a disposizione delle persone dei percorsi per affrontare i problemi che ci sono via via».

Il supporto psicologico e l’importanza della rete

Nell’equipe non manca mai un supporto psicologico, spesso anche psichiatrico: sia per impostare una diagnosi corretta che per una terapia farmacologica. La persona ammalata può essere depressa, avere ansia, insonnia. «In questo scenario il pivot resta il neurologo, ma avere una relazione costante con altri specialisti che a mano a mano diventano familiari con la malattia e capiscono bene i problemi del malato, significa offrire un’assistenza di livello diverso e si vede come la ricaduta psicologica sia veramente ottima».

Anche i caregiver, di fronte a una simile presa in carico, vivono la malattia del proprio caro in maniera più speranzosa. «È importante – aggiunge Bentivoglio – che noi usciamo dal concetto della malattia incurabile e che ricordiamo che in medicina molto poco è guaribile. La stessa ottica va applicata anche a chi ha delle malattie neurodegenerative croniche, quindi io posso avere un obbiettivo a lungo termine che speriamo sarà soddisfatto dalle terapie che modificano la malattia, ma posso avere degli obbiettivi a medio e breve termine che sono orientati su miglioramenti possibili».

I centri aiutano inoltre ad alimentare la comunicazione tra famiglie che si confrontano con lo stesso problema. «Anche gli spazi delle associazioni in questo senso sono vitali – conclude l’esperta – dove i familiari si ritrovano con persone che condividono i loro stessi problemi. La cosa che fa sentire più soli al mondo è avere l’impressione che nel luogo dove vivo l’unica famiglia che ha questo problema è la mia. È importante condividere, ci si sente normali».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Onconnext, Boldrini: «Dieci punti fil rouge di una presa in carico multidisciplinare sul territorio»
“Onconnext” è il documento condiviso dalle principali associazioni dei pazienti con tumore al seno presentato alla Camera dei Deputati. Contiene dieci proposte concrete per rinnovare i percorsi di diagnosi e cura rafforzando l’integrazione tra ospedale e territorio
AME Diabetes Update, Settembrini: «Pandemia in crescita. Spazio a farmaci moderni e innovativi»
«Una terapia mirata e precoce con farmaci innovativi permette di ridurre i costi dei ricoveri, bloccare l'evoluzione, le complicanze e la mortalità». Focus sul diabete mellito, la tre giorni in programma a Napoli dal 17 al 19 marzo sarà ricca di spunti, approfondimenti e discussioni
Emicrania: come vincerla? Nel Manifesto pubblicato da Fondazione Onda le novità e le linee guida
È la terza patologia più diffusa al mondo, colpisce in prevalenza le donne (in Italia sono 11 milioni), con un costo annuo per paziente pari a 4352 euro. Il manifesto “Uniti contro l’emicrania” vuole informare i pazienti sulle novità farmacologiche e sostiene la formazione dei medici di medicina generale per cercare di ridurre i tempi di attesa per la diagnosi, che oggi arrivano anche a 20 anni
Sindrome del vomito ciclico, la storia di Gaia: «Non riuscivo più a mangiare, né a bere. Vomitavo senza sosta»
Romano (gastroenterologo): «Si tratta di una condizione clinica caratterizzata da crisi di vomito incoercibile, spesso associate ad altri sintomi, sia gastrointestinali che neurologici, come cefalea, emicrania, nausea, fotofobia»
Giornata contro AIDS. Andreoni (Simit): «Il 95% dei pazienti oggi ha una vita normale, negli anni ‘80 moriva»
Il direttore scientifico della Simit: «La maggior parte dei soggetti con HIV in cura è over 60: l’età che avanza è la dimostrazione che le terapie funzionano. Necessario incrementare gli screening: con test eseguiti solo alla comparsa dei sintomi le diagnosi sono tardive»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 7 dicembre 2022, sono 646.415.951 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.644.903 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa