Formazione 28 Luglio 2015 18:21

Film e-bola, Traorè: «L’innovazione di web e cinema per formare i nostri medici e quelli di tutto il mondo»

Le parole del consigliere dell’Ambasciata della Guinea in Italia, mentre in Africa la situazione torna a peggiorare: «Necessario coordinamento internazionale per la formazione del personale sanitario»

Film e-bola, Traorè: «L’innovazione di web e cinema per formare i nostri medici e quelli di tutto il mondo»

L’informazione è un punto cruciale nella lotta alle epidemie, senza la quale la gente comune non saprebbe cosa fare: la Tavola rotonda al Ministero sulla “lezione” di Ebola arriva al momento giusto. Il pericolo di abbassare la guardia è sempre presente».


Sono le parole di Abdoulaye Traorè, consigliere economico dell’ Ambasciata della Repubblica della Guinea in Italia, a margine dell’evento in cui è stato presentato – in anteprima mondiale – “e-bola”: il primo “Film Formazione” al mondo sull’epidemia che ha sconvolto l’Africa e il mondo intero. La testimonianza di Traorè porta il fardello di un popolo intero, quello guineano, che ancora non riesce a vedere, all’orizzonte, la fine dell’ultima, terribile epidemia di Ebola che dalle periferie della capitale Conackry si è estesa a macchia d’olio nel West Africa. Proprio negli ultimi giorni in Guinea la situazione è stata definita “tutt’altro che sotto controllo”, con una recrudescenza dell’epidemia dopo un periodo di relativa stabilizzazione.

«Questo fenomeno – ha rimarcato – ha toccato profondamente il mio Paese: la Guinea è stata sconvolta dall’epidemia di Ebola, e la campagna di sensibilizzazione attuata nei confronti della popolazione ha comunque aiutato ad arginarne l’espansione».

Se qualche risultato è stato ottenuto, insomma, lo si deve all’informazione e alla formazione del personale sanitario. Ma su questo punto c’è ancora tanto da imparare e, a tal proposito, Traorè ha toccato un concetto approfondito nel corso dei lavori al Ministero della Salute, ovvero l’importanza di un coordinamento internazionale per la formazione del personale sanitario: «Sono state già attuate e lanciate sinergie che hanno coinvolto medici, paramedici, le Ong, e le organizzazioni internazionali – assicura Traorè – che grazie a questa azione concertata hanno fatto sì che fosse possibile informare sia le popolazioni sia i Paesi sull’importanza di un coordinamento dell’informazione». Proprio in questo ambito, infatti, l’emergenza ha maggiormente rivelato le criticità e le falle del sistema internazionale. «Ma è giusto insistere sull’importanza di un coordinamento mondiale – conclude Traorè – per portare grazie al web e al cinema, come dimostra il film “e-bola”, la formazione su questi temi ad un livello di eccellenza e di omogeneità in tutto il pianeta».

Articoli correlati
Focolaio di Ebola in Congo. Oms preoccupata, subito al via nuova campagna di vaccinazione
«Il tempo non è dalla nostra parte», ha affermato Matshidiso Moeti, direttore regionale dell'Oms per l'Africa
di Stefano Piazza
Tutte le emergenze sanitarie affrontate nel 2020 (di cui non si sente parlare)
Non solo Covid: la seconda più grande epidemia di Ebola nella Repubblica democratica del Congo, febbre gialla in Togo e Gabon, morbillo in Messico, la battaglia contro le malattie tropicali e quella costante contro Hiv, malaria ed epatite. Tutte le emergenze sanitarie del 2020 combattute dall'Organizzazione mondiale della sanità
Coronavirus, Parrino (Emergency): «Sono le popolazioni che sconfiggono i virus»
Intervista al responsabile delle field operations della ONG che ha allestito l’ospedale da campo a Bergamo: «Non è molto diverso dai miei giorni in Sierra Leone»
di Tommaso Caldarelli
Ebola, autorizzato in Europa il primo vaccino contro il virus
Si chiama Ervebo ed è lo stesso vaccino utilizzato in Congo in via sperimentale
Ebola in Congo, oltre 1.900 morti: è la seconda epidemia più grande della storia
Il virus si diffonde con una media di 81 casi a settimana. I dati diffusi dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 28 giugno, sono 544.504.578 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.330.575 i decessi. Ad oggi, oltre 11,65 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali