Salute 28 luglio 2015

Film e-bola, Traorè: «L’innovazione di web e cinema per formare i nostri medici e quelli di tutto il mondo»

Le parole del consigliere dell’Ambasciata della Guinea in Italia, mentre in Africa la situazione torna a peggiorare: «Necessario coordinamento internazionale per la formazione del personale sanitario»

Immagine articolo

L’informazione è un punto cruciale nella lotta alle epidemie, senza la quale la gente comune non saprebbe cosa fare: la Tavola rotonda al Ministero sulla “lezione” di Ebola arriva al momento giusto. Il pericolo di abbassare la guardia è sempre presente».


Sono le parole di Abdoulaye Traorè, consigliere economico dell’ Ambasciata della Repubblica della Guinea in Italia, a margine dell’evento in cui è stato presentato – in anteprima mondiale – “e-bola”: il primo “Film Formazione” al mondo sull’epidemia che ha sconvolto l’Africa e il mondo intero. La testimonianza di Traorè porta il fardello di un popolo intero, quello guineano, che ancora non riesce a vedere, all’orizzonte, la fine dell’ultima, terribile epidemia di Ebola che dalle periferie della capitale Conackry si è estesa a macchia d’olio nel West Africa. Proprio negli ultimi giorni in Guinea la situazione è stata definita “tutt’altro che sotto controllo”, con una recrudescenza dell’epidemia dopo un periodo di relativa stabilizzazione.

«Questo fenomeno – ha rimarcato – ha toccato profondamente il mio Paese: la Guinea è stata sconvolta dall’epidemia di Ebola, e la campagna di sensibilizzazione attuata nei confronti della popolazione ha comunque aiutato ad arginarne l’espansione».

Se qualche risultato è stato ottenuto, insomma, lo si deve all’informazione e alla formazione del personale sanitario. Ma su questo punto c’è ancora tanto da imparare e, a tal proposito, Traorè ha toccato un concetto approfondito nel corso dei lavori al Ministero della Salute, ovvero l’importanza di un coordinamento internazionale per la formazione del personale sanitario: «Sono state già attuate e lanciate sinergie che hanno coinvolto medici, paramedici, le Ong, e le organizzazioni internazionali – assicura Traorè – che grazie a questa azione concertata hanno fatto sì che fosse possibile informare sia le popolazioni sia i Paesi sull’importanza di un coordinamento dell’informazione». Proprio in questo ambito, infatti, l’emergenza ha maggiormente rivelato le criticità e le falle del sistema internazionale. «Ma è giusto insistere sull’importanza di un coordinamento mondiale – conclude Traorè – per portare grazie al web e al cinema, come dimostra il film “e-bola”, la formazione su questi temi ad un livello di eccellenza e di omogeneità in tutto il pianeta».

Articoli correlati
Bollettino Ebola, in Congo già registrati 27 morti e 58 casi
Esattamente 20 giorni fa, il Ministro della Salute della Repubblica Democratica del Congo ha dichiarato il ritorno di ebola. Per la nona volta negli ultimi 40 anni, il Paese è costretto ad affrontare nuovamente un’emergenza che già conta decine di morti. L’ultimo bollettino dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, pubblicato lo scorso 23 maggio, riporta i numeri […]
Ebola è tornata. Roberto Cauda (Gemelli): «In realtà il virus non se n’è mai andato, c’è sempre stato»
«L'infezione rimane latente in alcuni animali definiti 'serbatoi' e quando l'uomo entra in contatto con qualche specie infetta ecco che torna il focolaio». L'intervista al Direttore dell'Area Malattie Infettive del Policlinico Gemelli di Roma
Ebola, arriva il vaccino per combattere l’epidemia in Congo
«La distribuzione del vaccino contro l’Ebola nella Repubblica Democratica del Congo (RDC) potrebbe dare un impulso vitale alla lotta contro la malattia» ha affermato il Dottor Seth Berkley, CEO di Gavi, The Vaccine Alliance, una partnership pubblico-privata dedicata a salvare le vite dei bambini e a proteggere la salute delle persone tramite l’incremento di un […]
OMS, al via l’Assemblea Mondiale. L’agenda del Direttore Tedros: più sanità per tre miliardi di persone
Pubblicato il World Health Statistics 2018. Ecco gli obiettivi dei prossimi cinque anni che i delegati dei 194 Paesi membri dell'Organizzazione Mondiale della Sanità stanno discutendo a Ginevra
Ebola in Congo, OMS: «Rischio da ‘alto’ a ‘molto alto’. 4mila dosi di vaccino pronte, ne servono più di 7mila»
Di nuovo l'incubo, dopo gli 11mila morti causati dall'epidemia del 2013-16, il virus torna e provoca 25 decessi in pochi giorni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...