Salute 23 Marzo 2022 13:52

Fedez e la confessione sui social, esibizionismo o semplice sfogo? L’analisi della psicoterapeuta Iacobelli

La psicoterapeuta Eleonora Iacobelli spiega quali potrebbero essere i motivi cha hanno spinto Fedez a confessare sui social di avere un problema di salute

Fedez e la confessione sui social, esibizionismo o semplice sfogo? L’analisi della psicoterapeuta Iacobelli

Qualche giorno fa, commosso, Fedez ha confessato in un video pubblicato su Instagram di avere un problema di salute. Ieri un nuovo post in cui annuncia che oggi sarebbe stata una «giornata importante». È di qualche ora invece l’indiscrezione secondo la quale il celebre rapper sarebbe stato operato al San Raffaele di Milano. La cronistoria, iniziata dallo stesso Fedez sui social, ha scatenato enorme interesse nell’opinione pubblica. Moltissimi i messaggi di sostegno al rapper, ma anche tante critiche. Per alcuni è stata l’ennesima prova di esibizionismo del «re dei social».

Ma per la psicoterapeuta Eleonora Iacobelli, presidente Eurodap (Associazione Europea per il Disturbo da Attacchi di Panico) e direttore scientifico di Bioequilibrium, lo sfogo pubblico di Fedez ha radici più profonde.

I social possono essere utili a esorcizzare la paura

«Quest’esigenza di condivisione può essere definita ‘blog-terapia‘», spiega la psicoterapeuta. «Nel mondo moderno, infatti, i social network hanno acquisito anche la funzione di ‘valvola di sfogo‘ e di luogo d’incontro utile a socializzare e scambiare informazioni con altri malati e con le loro famiglie. Mettersi a nudo – continua – e sentirsi liberi di parlare apertamente di ciò che si sta vivendo è un modo per esorcizzare la paura e trovare conforto e comprensione, ma è anche un modo utile a sfogarsi. I social possono essere utilizzati per raccontare ciò a cui si va incontro, la paura di non farcela e l’importanza di avere qualcuno accanto con cui condividere la propria battaglia».

La condivisione aiuta ad alleggerire l’angoscia

Il mezzo tramite cui si cerca conforto è certamente nuovo, i social. Ma il bisogno di raccontare è molto più vecchio. «Chi si ammala comincia a soffrire – spiega Iacobelli – e prendono il sopravvento la vergogna, sensazione di isolamento, la perdita della propria identità e del senso della vita. La condivisione in un gruppo attraverso i social fa in modo che la paura e l’angoscia si alleggeriscano». I social, in questo senso, possono rendere la sofferenza più sopportabile. «Ci si sente meno soli e si ritrova un senso attraverso l’esempio che si dà ad altre persone che sono nella stessa situazione di malattia», sottolinea Iacobelli.

I social soddisfano il bisogno di lasciare una traccia della propria esistenza

«Poi c’è anche il fattore di voler lasciare una traccia della propria esistenza legata al percorso della malattia che sarà ricordata da moltissime persone», aggiunge la psicoterapeuta. «In questo Fedez è davvero molto fortunato ad avere vicino una moglie che lo sostiene e lo supporta sempre così apertamente», sottolinea Iacobelli. «È fondamentale, infine, non sottovalutare mai l’aspetto psicologico, cosa molto importante per ‘i Ferragnez’ che non hanno mai nascosto la loro fiducia nella psicoterapia», conclude.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Cosa spinge un figlio ad uccidere il proprio padre?
Intervista alla psicologa e criminologa Cristina Brasi
di Stefano Piazza
La fuga dai social della gen Z
Pagliariccio (psicologo): «Tra le nuove generazioni c’è chi ritiene che l’utilizzo dei social sia faticoso, che generi un sovraccarico cognitivo, che non risponda ai propri bisogni personali. I giovani d’oggi abbandonano senza remore ciò che non li rende felici»
Fedez e gli audio delle sedute, per Iacobelli (psicoterapeuta) si svaluta il terapeuta
La psicoterapeuta Eleonora Iacobelli spiega le possibili implicazioni della scelta di Fedez di pubblicare sui social gli audio delle sedute con lo psicologo
La Strage di Buffalo e il narcisismo patologico
Cosa può spingere un ragazzo qualunque a compiere una strage come quella di qualche giorno fa? Uno studio delle possibili motivazioni
di Stefano Piazza
La ristorazione italiana tra stress e pandemia: il primo studio psicologico
Disponibile in e-book il primo studio italiano che indaga le cause dello stress nei settori della ristorazione. L’iniziativa, promossa dall’Associazione Italiana Ambasciatori del Gusto insieme all’Ordine degli Psicologi del Lazio, è stata premiata dal programma internazionale 50 Best For Recovery, nell’ambito di The World’s 50 Best Restaurants
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 luglio, sono 551.283.678 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.342.322 i decessi. Ad oggi, oltre 11,77 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...