Salute 12 Dicembre 2018

Farmaci, Silvio Garattini: «Sono diventati dei beni di consumo, ritornino ad essere degli strumenti di salute»

Il fondatore del“Mario Negri” ha partecipato alla stesura delle linee guida per la nuova governance farmaceutica: «Qualità, efficacia, sicurezza e valore terapeutico aggiunto sono i criteri necessari per la valutazione dei nuovi farmaci»

di Isabella Faggiano
Farmaci, Silvio Garattini: «Sono diventati dei beni di consumo, ritornino ad essere degli strumenti di salute»

Ha spento 90 candeline a novembre, 57 anni fa ha fondato l’Istituto di ricerche farmacologiche “Mario Negri”. Silvio Garattini, durante la sua carriera di scienziato, ricercatore, medico e docente, ha ricevuto le massime onorificenze dalla comunità scientifica internazionale. Ora, il ministro della Salute, Giulia Grillo, gli ha conferito una medaglia per “il suo infaticabile lavoro al servizio della scienza e del Sistema Sanitario Nazionale”. Tra i suoi più recenti impegni la partecipazione al tavolo tecnico che ha dato vita alle linee guida per la nuova governance farmaceutica italiana.

Ai microfoni di Sanità Informazione il professore Garattini ha illustrato gli obiettivi di questo documento e i metodi più efficaci per l’aggiornamento del sistema che governa l’erogazione dei farmaci a carico del Sistema Sanitario Nazionale. «Oggi i farmaci – ha spiegato Silvio Garattini  – sono diventati dei beni di consumo ed  è necessario che ritornino ad essere degli strumenti di salute. Per farlo è necessario, innanzitutto, razionalizzare le prescrizioni».

LEGGI ANCHE: FARMACI E INNOVAZIONE, L’HEALTH TECH SPOSA IL PHARMA E MIGLIORA L’ADERENZA TERAPEUTICA DEI MALATI CRONICI

Completamente da rivedere anche il prontuario dei medicinali rimborsabili: «Il 70% dei farmaci attualmente erogati da SSN – ha spiegato il ricercatore – sono copie di altri medicinali o sono inutili».  Il fondatore del “Mario Negri” ha sottolineato che solo per la categoria “antidepressivi” ci sono ben 21 farmaci in elenco, un numero evidentemente elevato per il trattamento di un’unica patologia.

«Sono molte le  misure che potrebbero essere applicate per razionalizzare le prescrizioni – ha aggiunto Garattini – . Pensiamo ad esempio alle persone anziane che arrivano ad assumere in un solo giorno anche 15 diversi farmaci. Bisognerebbe dedicare più risorse alla ricerca per stabilire se questo è realmente utile al paziente o se invece, alla fine, diventerà dannoso a causa degli effetti collaterali conseguenti alla somministrazione».

Anche sui nuovi farmaci Silvio Garattini ha le idee molto chiare. «Esistono terapie oncologiche di ultima generazione in grado di ridurre il tumore, ma che non hanno ancora dato prova di aumentare l’aspettativa di vita. Altri nuovi farmaci, invece, come quelli per la cura dell’Epatite C – ha aggiunto –  hanno già mostrato sorprendenti risultati».

Ed allora come orientarsi tra le innovazioni?  «I farmaci – ha commentato lo scienziato – devono rispondere a quattro specifici criteri: qualità, efficacia, sicurezza e valore terapeutico aggiunto. I nuovi farmaci devono essere meglio di quelli che già ci sono. E se i nuovi sono migliori, allora bisognerà eliminare quelli più vecchi. Invece noi  – ha concluso Silvio Garattini – continuiamo a mantenere tutto, il vecchio e il nuovo».

Articoli correlati
Covid-19, l’uso dell’aspirina potrebbe essere associato a un minore rischio di ricovero in terapia intensiva e mortalità
I risultati di due analisi condotte a Yale e all'università del Maryland sembrano essere promettenti, ma devono essere confermati da studi randomizzati controllati
di Peter D'Angelo
Report Nomisma: con Covid quasi 800% in più per richiesta farmaci generici da terapia intensiva
Rivincita dei generici durante la crisi Covid. Nel rapporto Nomisma la richiesta delle aziende: difendere la biodiversità di produzione
Baricitinib, il farmaco contro l’artrite riduce del 70% i decessi degli anziani per Covid-19?
Per comprendere accuratamente cosa dica la pubblicazione, Sanità Informazione ha intervistato Roberto Gerli, Presidente della Società Italiana di Reumatologia
di Peter D'Angelo
C’è un legame tra dislessia e la mancanza di ritmo: musica e danza possono aiutare i ragazzi con DSA
Uno studio dell’Università Bicocca e dell’Istituto Besta apre nuove ipotesi sul disturbo dell’apprendimento più diffuso. I ricercatori: «Abbiamo rilevato che nei dislessici il tempo che intercorre tra sguardo e azione è di circa mezzo secondo. Ma per avere ritmo servono sincronizzazione e tempo di intervento»
di Federica Bosco
Colesterolo LDL, Ferri: «In centri specializzati più semplice raggiungere obiettivi terapeutici»
L’intervista al professor Claudio Ferri, Direttore del centro per l’ipertensione arteriosa e prevenzione cardiovascolare dell’Università de L'Aquila
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 novembre, sono 60.997.052 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.432.299 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 27 novembre...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli