Salute 12 Dicembre 2018 18:39

Farmaci, Silvio Garattini: «Sono diventati dei beni di consumo, ritornino ad essere degli strumenti di salute»

Il fondatore del“Mario Negri” ha partecipato alla stesura delle linee guida per la nuova governance farmaceutica: «Qualità, efficacia, sicurezza e valore terapeutico aggiunto sono i criteri necessari per la valutazione dei nuovi farmaci»

di Isabella Faggiano
Farmaci, Silvio Garattini: «Sono diventati dei beni di consumo, ritornino ad essere degli strumenti di salute»

Ha spento 90 candeline a novembre, 57 anni fa ha fondato l’Istituto di ricerche farmacologiche “Mario Negri”. Silvio Garattini, durante la sua carriera di scienziato, ricercatore, medico e docente, ha ricevuto le massime onorificenze dalla comunità scientifica internazionale. Ora, il ministro della Salute, Giulia Grillo, gli ha conferito una medaglia per “il suo infaticabile lavoro al servizio della scienza e del Sistema Sanitario Nazionale”. Tra i suoi più recenti impegni la partecipazione al tavolo tecnico che ha dato vita alle linee guida per la nuova governance farmaceutica italiana.

Ai microfoni di Sanità Informazione il professore Garattini ha illustrato gli obiettivi di questo documento e i metodi più efficaci per l’aggiornamento del sistema che governa l’erogazione dei farmaci a carico del Sistema Sanitario Nazionale. «Oggi i farmaci – ha spiegato Silvio Garattini  – sono diventati dei beni di consumo ed  è necessario che ritornino ad essere degli strumenti di salute. Per farlo è necessario, innanzitutto, razionalizzare le prescrizioni».

LEGGI ANCHE: FARMACI E INNOVAZIONE, L’HEALTH TECH SPOSA IL PHARMA E MIGLIORA L’ADERENZA TERAPEUTICA DEI MALATI CRONICI

Completamente da rivedere anche il prontuario dei medicinali rimborsabili: «Il 70% dei farmaci attualmente erogati da SSN – ha spiegato il ricercatore – sono copie di altri medicinali o sono inutili».  Il fondatore del “Mario Negri” ha sottolineato che solo per la categoria “antidepressivi” ci sono ben 21 farmaci in elenco, un numero evidentemente elevato per il trattamento di un’unica patologia.

«Sono molte le  misure che potrebbero essere applicate per razionalizzare le prescrizioni – ha aggiunto Garattini – . Pensiamo ad esempio alle persone anziane che arrivano ad assumere in un solo giorno anche 15 diversi farmaci. Bisognerebbe dedicare più risorse alla ricerca per stabilire se questo è realmente utile al paziente o se invece, alla fine, diventerà dannoso a causa degli effetti collaterali conseguenti alla somministrazione».

Anche sui nuovi farmaci Silvio Garattini ha le idee molto chiare. «Esistono terapie oncologiche di ultima generazione in grado di ridurre il tumore, ma che non hanno ancora dato prova di aumentare l’aspettativa di vita. Altri nuovi farmaci, invece, come quelli per la cura dell’Epatite C – ha aggiunto –  hanno già mostrato sorprendenti risultati».

Ed allora come orientarsi tra le innovazioni?  «I farmaci – ha commentato lo scienziato – devono rispondere a quattro specifici criteri: qualità, efficacia, sicurezza e valore terapeutico aggiunto. I nuovi farmaci devono essere meglio di quelli che già ci sono. E se i nuovi sono migliori, allora bisognerà eliminare quelli più vecchi. Invece noi  – ha concluso Silvio Garattini – continuiamo a mantenere tutto, il vecchio e il nuovo».

Articoli correlati
Come Covid-19 ha cambiato la ricerca farmaceutica, lo spiega Massimo Scaccabarozzi (Farmindustria)
Parole d'ordine: digitale e decentralizzazione. Il virus ha portato la ricerca oltre i propri limiti e ha mostrato quanto veloce si può lavorare e in maniera produttiva
Premiare gli utenti più fedeli con una Privilege Card: il programma pensato da Farmacia Loreto
«Lo sviluppo del settore farmaceutico online – spiega la Farmacia online Loreto Gallo in una nota – ha subìto un rapido incremento nell’ultimo anno. Complice anche la pandemia che ha inciso notevolmente sulla vita delle persone cambiando le abitudini in modo radicale»
Antibiotico-resistenza: un’emergenza sanitaria mondiale e nazionale
Le dimensioni de problema impongono più cautela nella prescrizione anche per gli antibiotici per uso topico
Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus
La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informazione, Giuseppe Nocentini, immunofarmacologo della Società Italiana di farmacologia (SiF)
di Isabella Faggiano
Farmacie, approvata remunerazione aggiuntiva per i farmaci erogati in Ssn. Cosa prevede il Decreto
Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto dal Ministro della Salute di concerto con il Ministro dell’Economia e delle Finanze
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 3 dicembre, sono 264.261.428 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.235.680 i decessi. Ad oggi, oltre 8,08 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

«A Natale 25-30mila casi al giorno e 1000 decessi settimanali. Tutto dipenderà dal Governo». L’analisi del fisico Sestili

L’intervista al divulgatore scientifico Giorgio Sestili: «La curva continuerà a crescere di un 25-30% settimanale. Lo scenario drammatico in Austria e Germania si può ripropo...