Salute 26 Agosto 2020 04:32

Fare più di un’ora di siesta potrebbe essere pericoloso per la salute

Secondo uno studio presentato al Congresso ESC, riposini troppo lunghi aumentano del 30% il rischio di morte e del 35% il rischio cardiovascolare

Fare più di un’ora di siesta potrebbe essere pericoloso per la salute

Il riposino pomeridiano è uno dei vizi che molti si concedono durante le vacanze. Ritenuto da tanti un toccasana per la salute, la siesta dopo pranzo è sempre più un lusso per pochi, finite le ferie. Ma siamo sicuri che faccia veramente bene? Uno studio presentato al Congresso della Società europea di cardiologia solleva alcuni dubbi sui benefici di questa abitudine, che generalmente si ritiene legata al miglioramento delle performance e alla risposta alle conseguenze negative provocate dal dormire poco di notte.

A sostenere questa tesi l’autore dello studio, il dottor Zhe Pan della Guangzhou Medical University, Cina, che ha analizzato i risultati di oltre 20 ricerche sul legame tra riposino e rischio cardiovascolare e morte. Il risultato ottenuto da questo confronto è che, rispetto a chi non riposa, chi dedica più di un’ora al sonnellino pomeridiano correrebbe un rischio di morte maggiore del 30% e di sviluppare una malattia cardiovascolare del 34%.

Riposi lunghi meno di un’ora, invece, non risultano legati a maggiori rischi cardiovascolari. «Sonnellini brevi, lunghi meno di 30 o 45 minuti, potrebbero migliorare la salute cardiaca di coloro che di notte non dormono abbastanza», ha dichiarato il dottor Pan.

I motivi del legame tra il riposino e la salute non sono ancora chiari. Secondo il medico, potrebbero essere a legati a livelli più alti di infiammazione, rischiosi per il cuore e la longevità. Altre ricerche, invece, hanno correlato il riposino a pressione alta, diabete e uno stato di salute generale peggiore.

Articoli correlati
Dalla “sindrome dell’impostore” ai falsi miti sui danni da vaccino, ecco per cosa combatte (e combatterà) la Cardiologia italiana
Rischio di miocardite nei giovani a seguito del vaccino anti-Covid a mRNA messaggero? Indolfi (SIC): «I dati in nostro possesso sono più che rassicuranti»
Malattie cardiovascolari, Gensini: «Metà dei pazienti abbandona la terapia dopo sei mesi»
«La mancata aderenza alle terapie determina una scarsa protezione per i pazienti e un miliardo di euro di spreco per il SSN. Il progetto Value Based Healthcare Ecosystem nasce per supportare i pazienti cardiovascolari cronici»
Entro il 2050 il 75% della popolazione mondiale si trasferirà nei centri urbani. Ma in città ci si ammala di più
Lenzi (Health City Institute): «Riscrivere medicina, clinica e patologia mediche pensando alla città come luogo principale di residenza. Prevenzione cardiovascolare fondamentale per ridurre del 25% la mortalità prematura per malattie non trasmissibili, come raccomandato dall’Italian Urban Health Declaration ai Governi dei Paesi del G20»
di Isabella Faggiano
Giornata per la prevenzione cardiovascolare, malattie cardiache prima causa di morte e ospedalizzazione
La Società Italiana per la Prevenzione Cardiovascolare (SIPREC) lancia, per il 13 maggio 2021, un’iniziativa nazionale volta a diffondere la consapevolezza dell’importanza e dell’incidenza di queste patologie e, soprattutto, la possibilità di prevenirle
di Isabella Faggiano
Malattie cardiovascolari, Grosseto (cardiologo): «In Europa ogni anno si ammalano undici milioni di persone»
«In base alle categorie di rischio, bisogna tenere il colesterolo LDL sotto controllo, tra 100 e 50 o addirittura 40 mg/dl» puntualizza a Sanità Informazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 gennaio, sono 320.249.932 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.521.977 i decessi. Ad oggi, oltre 9,56 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre