Salute 26 Agosto 2020

Fare più di un’ora di siesta potrebbe essere pericoloso per la salute

Secondo uno studio presentato al Congresso ESC, riposini troppo lunghi aumentano del 30% il rischio di morte e del 35% il rischio cardiovascolare

Immagine articolo

Il riposino pomeridiano è uno dei vizi che molti si concedono durante le vacanze. Ritenuto da tanti un toccasana per la salute, la siesta dopo pranzo è sempre più un lusso per pochi, finite le ferie. Ma siamo sicuri che faccia veramente bene? Uno studio presentato al Congresso della Società europea di cardiologia solleva alcuni dubbi sui benefici di questa abitudine, che generalmente si ritiene legata al miglioramento delle performance e alla risposta alle conseguenze negative provocate dal dormire poco di notte.

A sostenere questa tesi l’autore dello studio, il dottor Zhe Pan della Guangzhou Medical University, Cina, che ha analizzato i risultati di oltre 20 ricerche sul legame tra riposino e rischio cardiovascolare e morte. Il risultato ottenuto da questo confronto è che, rispetto a chi non riposa, chi dedica più di un’ora al sonnellino pomeridiano correrebbe un rischio di morte maggiore del 30% e di sviluppare una malattia cardiovascolare del 34%.

Riposi lunghi meno di un’ora, invece, non risultano legati a maggiori rischi cardiovascolari. «Sonnellini brevi, lunghi meno di 30 o 45 minuti, potrebbero migliorare la salute cardiaca di coloro che di notte non dormono abbastanza», ha dichiarato il dottor Pan.

I motivi del legame tra il riposino e la salute non sono ancora chiari. Secondo il medico, potrebbero essere a legati a livelli più alti di infiammazione, rischiosi per il cuore e la longevità. Altre ricerche, invece, hanno correlato il riposino a pressione alta, diabete e uno stato di salute generale peggiore.

Articoli correlati
Malattie cardiovascolari prima fonte di spesa sanitaria. Perrone Filardi (SIC): «Nel 2017 in Europa spesi 196 miliardi»
In occasione della Giornata mondiale del cuore, l'intervista al professor Perrone Filardi, presidente della Società Italiana di Cardiologia: «I numeri sono destinati a crescere»
Malattia delle valvole cardiache, una patologia grave ma curabile di cui gli italiani sanno poco
Solo il 7,6% degli over 60 sono consapevoli della forma più comune di malattia delle valvole cardiache, la stenosi aortica grave
Confermata sicurezza di edoxaban. De Caterina: «Ben tollerato anche da pazienti con insufficienza renale»
Spesso nei pazienti con fibrillazione atriale non vengono prescritti gli anticoagulanti per il rischio sanguinamento, ma ora si aprono nuovi scenari. È in corso lo studio registro internazionale ETNA AF che valuta l’impiego di edoxaban nella pratica clinica in più di 26mila pazienti affetti da fibrillazione atriale. De Caterina (Università di Pisa): «Non è stato osservato un aumento degli eventi emorragici intracranici in funzione dell’età»
Congresso ESC, presentati dati su efficacia acido bempedoico. Un alleato delle statine: ecco perché
Il professor Perrone Filardi (Università di Napoli Federico II): «C’è assolutamente spazio e necessità per un altro farmaco da somministrare per via orale in aggiunta o in sostituzione alle statine per i pazienti intolleranti o che non riescono a raggiungere i target raccomandati»
Fibrillazione atriale, bassa incidenza di sanguinamenti nei pazienti anziani e ad alto rischio trattati con edoxaban
I dati del registro ETNA-AF-Europe sono stati pubblicati su European Heart Journal e indicano che l’incidenza di ictus, embolia sistemica e sanguinamento maggiore è bassa nei pazienti con fibrillazione atriale trattati con edoxaban nella pratica clinica quotidiana
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 1 ottobre, sono 33.976.447 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.014.266 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 30 settembre: Ad oggi in ...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...