Salute 5 Dicembre 2019

Endowiki e Ambulatorio Virtuale: le soluzioni digitali di Ame. Agrimi: «Qualità e innovazione per medici e pazienti»

I due progetti innovativi in ambito assistenziale di Ame offrono vantaggi a professionisti e utenti: «I pazienti beneficiano di un ambiente qualificato in cui lo scambio di dati sensibili e personali avviene in tutta sicurezza; i medici possono garantire la continuità della cura al di fuori dell’ambulatorio fisico» ha spiegato la Responsabile Sanità Digitale di Ame Daniela Agrimi a Sanità Informazione

L’impatto della telemedicina sulla società e sul Sistema Sanitario Nazionale è sempre più marcato e la tecnologia si affianca sempre di più alla preparazione e competenza del professionista sanitario. Servizi socio-sanitari e consulenze mediche a distanza, consentono oggi di migliorare la qualità dell’assistenza sanitaria e consentire la maggiore fruibilità delle cure.

LEGGI ANCHE: BURNOUT IN SANITÀ, I PIÙ COLPITI? GIOVANI, DONNE E OSPEDALIERI. I RISULTATI DELLA SURVEY AME

L’Associazione Medici Endocrinologici (Ame) si occupa da sempre di promuovere lo sviluppo di nuovi modelli di comunicazione. Per questo, sono nati Endowiki e l’Ambulatorio Virtuale. L’obiettivo è facilitare la diffusione e la conoscenza dell’endocrinologia a medici e pazienti.

LEGGI ANCHE: ENDOCRINOLOGIA: IN AUMENTO L’USO DELLA TELEMEDICINA. LE PAROLE PIÙ CERCATE SONO “MENOPAUSA” E “TIROIDE”

I due progetti di innovazione digitale promossi da AME sono stati presentati di recente al Congresso AME di Roma. L’Ambulatorio Virtuale è una piattaforma web di telemedicina che abilita i pazienti alla fruizione, e i professionisti all’erogazione di una serie di servizi di telemedicina, a partire dalla televisita. Endowiki  è un’enciclopedia online sulle malattie endocrine dedicata a medici e pazienti. Abbiamo approfondito i due progetti con la dottoressa Daniela Agrimi, che si occupa di Telemedicina e Digitalizzazione per l’Ame.

Dottoressa parliamo di innovazione e tecnologia in sanità, in particolare in endocrinologia. Che cosa sono Endowiki e l’Ambulatorio virtuale e come funzionano?

«Endowiki è la risposta concreta alla necessità dei professionisti di avere un contenitore culturale costantemente aggiornato. L’Ambulatorio virtuale è una collaborazione molto positiva con welcome medicine, il nostro partner tecnologico proprietario di una piattaforma digitale per i servizi di telemedicina. Consente consulti tra medici e pazienti, video visite ma anche attività di consultazione tra professionisti. La piattaforma ha una serie di certificazioni e strumenti tecnologici  per visualizzare in sicurezza le immagini e far transitare dati nella forma più sicura e crittografata possibile. Queste due esperienze da un anno circa si “parlano” dal punto di vista pratico in un dialogo costante regolato da algoritmi di intelligenza artificiale tra i due sistemi. Pertanto, l‘utente che accede alla piattaforma welcome medicine riceve, nel confronto con il suo professionista di riferimento, le informazioni che vengono ricavate dalla sezione pazienti di Endowiki, il capitale culturale di AME. Queste informazioni sono certificate, qualificate, non si tratta di fake news e il paziente ne riceve il valore aggiunto durante la sua attività di comunicazione in piattaforma. Il professionista altrettanto, nella digitalizzazione e in rapporto alle parole chiave che sta digitando, pescherà i contenuti clinici e scientifici più aggiornati e presenti in Endowiki».

Quali sono, quindi, le potenzialità e i vantaggi per il professionista sanitario e per il paziente?

«Per il paziente, avere un ambiente qualificato in cui lo scambio di dati sensibili e personali avviene in tutta sicurezza. Per il professionista, poter garantire al proprio paziente la continuità della cura, dell’assistenza e del supporto professionale clinico – soprattutto in relazione alle malattie croniche – al di fuori dell’ambulatorio fisico quindi in un contesto di ambulatorio virtuale».

Come può il progresso tecnologico supportare l’assistenza sanitaria fuori dell’ospedale?

«I modelli di riferimento sono sufficientemente chiari ormai: parliamo di connected care immaginando un modello di integrazione di tutti i livelli della declinazione del sistema salute. Dalla prevenzione all’accesso alla cura, passando per la terapia fino al follow up. L’innovazione tecnologica sta già mettendo in atto una comunicazione efficace a livello organizzativo per medici e utenti: pensiamo alla possibilità di prenotare online, scaricare un referto anche da casa e alla possibilità di attivare con relativa facilità servizi di telemedicina anche quando il paziente è al relativo domicilio».

Articoli correlati
Liste d’attesa, Mazzacane (Cisl medici Lombardia) «Rivisitare il livello di prestazione»
Per il segretario generale Cisl Medici Lombardia il modello Niguarda, con la App realizzata dal centro di terapia del dolore, è l’esempio da seguire
di Federica Bosco
Digitalizzazione e piano del rischio, la sanità lombarda supera l’esame Corte dei Conti. Cajazzo: «Efficienza sì, ma finalizzata alla sicurezza»
L'appello del direttore generale del Welfare di Regione Lombardia al Governo: «Fateci gestire la sanità secondo una logica di adeguatezza di risposte al bisogno»
di Federica Bosco
Salute nelle città, arriva anche in Italia l’Health City Manager: corsi aperti a medici e operatori sanitari
ANCI e Health City Institute promuovono la formazione di un nuovo professionista che avrà il compito di coordinare e attivare attività comunali in ambito di salute. Tra i promotori il vicepresidente ANCI Pella. Plauso anche del ministro Speranza
Servizio Sanitario Nazionale: la FNOMCeO apre il Cantiere per le riforme
«Un cantiere per ricostruire il nostro SSN lasciandone intatte le fondamenta: i principi cardine di universalità, uguaglianza ed equità – spiega il presidente della FNOMCeO, Filippo Anelli - una fucina di idee nella quale prenderanno forma proposte concrete su cui puntare, investendo risorse»
Legge Gelli: a che punto siamo? Siciliano (Tribunale Milano): «Medici da tutelare»
Troppe denunce nei confronti dei camici bianchi. Per il procuratore Tiziana Siciliano occorre incidere sulle cause ingiustificate e pretestuose finalizzate al risarcimento. Rossi (OMCeO Milano): «Non archiviato solo l’8% delle denunce, e di queste molte si concludono con l’assoluzione in sede penale»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...