Salute 5 Dicembre 2019

Endowiki e Ambulatorio Virtuale: le soluzioni digitali di Ame. Agrimi: «Qualità e innovazione per medici e pazienti»

I due progetti innovativi in ambito assistenziale di Ame offrono vantaggi a professionisti e utenti: «I pazienti beneficiano di un ambiente qualificato in cui lo scambio di dati sensibili e personali avviene in tutta sicurezza; i medici possono garantire la continuità della cura al di fuori dell’ambulatorio fisico» ha spiegato la Responsabile Sanità Digitale di Ame Daniela Agrimi a Sanità Informazione

L’impatto della telemedicina sulla società e sul Sistema Sanitario Nazionale è sempre più marcato e la tecnologia si affianca sempre di più alla preparazione e competenza del professionista sanitario. Servizi socio-sanitari e consulenze mediche a distanza, consentono oggi di migliorare la qualità dell’assistenza sanitaria e consentire la maggiore fruibilità delle cure.

LEGGI ANCHE: BURNOUT IN SANITÀ, I PIÙ COLPITI? GIOVANI, DONNE E OSPEDALIERI. I RISULTATI DELLA SURVEY AME

L’Associazione Medici Endocrinologici (Ame) si occupa da sempre di promuovere lo sviluppo di nuovi modelli di comunicazione. Per questo, sono nati Endowiki e l’Ambulatorio Virtuale. L’obiettivo è facilitare la diffusione e la conoscenza dell’endocrinologia a medici e pazienti.

LEGGI ANCHE: ENDOCRINOLOGIA: IN AUMENTO L’USO DELLA TELEMEDICINA. LE PAROLE PIÙ CERCATE SONO “MENOPAUSA” E “TIROIDE”

I due progetti di innovazione digitale promossi da AME sono stati presentati di recente al Congresso AME di Roma. L’Ambulatorio Virtuale è una piattaforma web di telemedicina che abilita i pazienti alla fruizione, e i professionisti all’erogazione di una serie di servizi di telemedicina, a partire dalla televisita. Endowiki  è un’enciclopedia online sulle malattie endocrine dedicata a medici e pazienti. Abbiamo approfondito i due progetti con la dottoressa Daniela Agrimi, che si occupa di Telemedicina e Digitalizzazione per l’Ame.

Dottoressa parliamo di innovazione e tecnologia in sanità, in particolare in endocrinologia. Che cosa sono Endowiki e l’Ambulatorio virtuale e come funzionano?

«Endowiki è la risposta concreta alla necessità dei professionisti di avere un contenitore culturale costantemente aggiornato. L’Ambulatorio virtuale è una collaborazione molto positiva con welcome medicine, il nostro partner tecnologico proprietario di una piattaforma digitale per i servizi di telemedicina. Consente consulti tra medici e pazienti, video visite ma anche attività di consultazione tra professionisti. La piattaforma ha una serie di certificazioni e strumenti tecnologici  per visualizzare in sicurezza le immagini e far transitare dati nella forma più sicura e crittografata possibile. Queste due esperienze da un anno circa si “parlano” dal punto di vista pratico in un dialogo costante regolato da algoritmi di intelligenza artificiale tra i due sistemi. Pertanto, l‘utente che accede alla piattaforma welcome medicine riceve, nel confronto con il suo professionista di riferimento, le informazioni che vengono ricavate dalla sezione pazienti di Endowiki, il capitale culturale di AME. Queste informazioni sono certificate, qualificate, non si tratta di fake news e il paziente ne riceve il valore aggiunto durante la sua attività di comunicazione in piattaforma. Il professionista altrettanto, nella digitalizzazione e in rapporto alle parole chiave che sta digitando, pescherà i contenuti clinici e scientifici più aggiornati e presenti in Endowiki».

Quali sono, quindi, le potenzialità e i vantaggi per il professionista sanitario e per il paziente?

«Per il paziente, avere un ambiente qualificato in cui lo scambio di dati sensibili e personali avviene in tutta sicurezza. Per il professionista, poter garantire al proprio paziente la continuità della cura, dell’assistenza e del supporto professionale clinico – soprattutto in relazione alle malattie croniche – al di fuori dell’ambulatorio fisico quindi in un contesto di ambulatorio virtuale».

Come può il progresso tecnologico supportare l’assistenza sanitaria fuori dell’ospedale?

«I modelli di riferimento sono sufficientemente chiari ormai: parliamo di connected care immaginando un modello di integrazione di tutti i livelli della declinazione del sistema salute. Dalla prevenzione all’accesso alla cura, passando per la terapia fino al follow up. L’innovazione tecnologica sta già mettendo in atto una comunicazione efficace a livello organizzativo per medici e utenti: pensiamo alla possibilità di prenotare online, scaricare un referto anche da casa e alla possibilità di attivare con relativa facilità servizi di telemedicina anche quando il paziente è al relativo domicilio».

Articoli correlati
Covid e assicurazioni, è infortunio? Per l’INAIL sì, per le compagnie no. Ma in caso di risarcimento negato si può fare ricorso
Larussa (Sapienza): «Le compagnie assicurative vogliono far passare l’infezione da Covid non come infortunio ma come malattia e, in quanto tale, non indennizzarla». L’avvocato Cecconi: «Una disparità inaccettabile tra dipendenti e libero professionisti»
Cisl medici Lazio, Cifaldi: «Bene il coinvolgimento dei sindacati nel Piano sanitario della Regione Lazio»
«Apprendiamo con soddisfazione la pubblicazione del DCA n. 81 del Commissario ad Acta avente ad oggetto il Piano di riorganizzazione, riqualificazione e sviluppo del Servizio Sanitario Regionale 2019-2021». Lo rende noto Luciano Cifaldi segretario generale della Cisl Medici Lazio in un comunicato. Piano Sanitario Regione Lazio «Nel riservarci un doveroso approfondimento tecnico è innegabile che […]
Insonnia post-lockdown, Plazzi (neurologo): «La vita sociale è un sincronizzatore fondamentale del sonno, ma la pandemia lo ha compromesso»
«Per poter parlare di insonnia è necessario che il soggetto che ne soffre lamenti dei problemi anche durante il giorno: disturbi dell’attenzione, della memoria, irritabilità e, in casi più rari, anche sonnolenza diurna»
di Isabella Faggiano
Lazio, Senior Italia FederAnziani: «Ecco le soluzioni per ridurre le liste d’attesa»
Telemonitoraggio, aumento ore specialisti, informatizzazione. Le proposte lanciate da Senior Italia FederAnziani che ha messo a confronto società scientifiche e organizzazioni sindacali di medici con la Regione Lazio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 6 luglio, sono 11.451.030 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 534.320 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 6 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Lavoro

Riforma sistema 118, le posizioni (opposte) di medici dell’Emergenza e SIS 118

Presentato al Senato il Ddl di riforma del 118: prevede organici propri e un sistema dipartimentale. Ma è scontro tra Balzanelli (SIS 118) e Manca (Simeu)