Lavoro 4 Dicembre 2019 13:00

Tecnici di laboratorio, Cabrini (ANTEL): «Con le innovazioni tecnologiche sempre più competenze. Lavoriamo per prevenzione del rischio»

Al 14° Forum Risk Management di Firenze sessione dedicata ai tecnici di laboratorio. L’Associazione nazionale tecnici di laboratorio biomedico punta sulla formazione: «Puntiamo alla collaborazione con le società scientifiche come Simedet e SIPMeL»

Innovazione tecnologica, change management, ruolo dirigenziale. Il ruolo e le competenze del tecnico di laboratorio vanno ampliandosi sempre di più di pari passo con il ruolo sempre più importante che le professioni sanitarie non mediche stanno acquisendo nell’ambito della sanità.

Di tutto questo si è parlato a Firenze al 14° Forum Risk Management nella sessione “Tecnologie e competenze applicate dai professionisti sanitari del laboratorio biomedico per la riduzione e gestione del rischio clinico” organizzata dall’ANTEL, l’Associazione nazionale dei tecnici di laboratorio biomedico. Ne abbiamo parlato con la presidente ANTEL Alessia Cabrini, che ai microfoni di Sanità Informazione ha sottolineato il ruolo essenziale dell’aggiornamento professionale, attività che sarà sempre più essenziale con la trasformazione di ANTEL in associazione tecnica scientifica. ANTEL è impegnata in questi giorni nelle votazioni che si stanno susseguendo in tutta Italia per la costituzione delle Commissioni d’Albo all’interno dell’Ordine TSRM e PSTRP nel quale è confluita la professione del tecnico di laboratorio.  

Presidente, sappiamo che la sanità sarà sempre di più multidisciplinare. Quale sarà il ruolo del tecnico di laboratorio in futuro?

«Il ruolo che il tecnico di laboratorio ha e avrà è sempre di maggior sviluppo di quelle che sono le competenze e il profilo nell’ambito anche nella gestione delle nuove tecnologie e nella prevenzione del rischio clinico. Il laboratorio ha da sempre preceduto quella che è l’innovazione tecnologica, l’ha favorita e lavora alla prevenzione del rischio nell’ambito delle varie metodiche, delle varie analisi ma anche per una maggior valorizzazione di quelle che sono le competenze del professionista».

Le competenze del professionista stanno aumentando anche in virtù del ruolo della tecnologia. Di questo cosa si è detto al Forum Risk Management?

«Si è parlato delle varie tecnologie negli ambiti specifici, settoriali del laboratorio, dell’anatomia patologica, la microbiologia, la biochimica clinica, e poi dei nuovi modelli di riorganizzazione nell’ottica di un change management. Bisogna focalizzare anche quella che è la riorganizzazione nell’ambito delle nuove competenze ma soprattutto per una nuova leadership che coinvolga il personale del comparto e la dirigenza verso un miglioramento focalizzato anche sulla formazione che è fondamentale».

Voi come ANTEL puntate molto sulla formazione. Che attività svolgete a proposito?

«Abbiamo sempre organizzato corsi di aggiornamento in tutti gli ambiti delle discipline del laboratorio ma particolarmente oggi stiamo attuando una collaborazione con le società scientifiche. Ne è un esempio il convegno di oggi che ha una collaborazione con Simedet, Società Italiana di Medicina diagnostica e terapeutica ma anche con SIPMeL, Società Italiana di Patologia Clinica e Medicina di Laboratorio. Abbiamo anche aperto la strada con SIBIOC. È importante questo interfacciarci con la società scientifiche anche nell’ottica di una multiprofessionalità e multidisciplinarietà in quello che sarà l’ordine delle professioni sanitarie in cui oggi siamo riconosciuti come professionisti».

Articoli correlati
Covid, Locatelli e Ippolito: «Medici (in)formati su vaccini e terapie per uscire prima dall’emergenza»
Consulcesi lancia il corso ECM su vaccini e anticorpi monoclonali: una sfida aperta per scienza, politica ed economia. Il presidente Massimo Tortorella: «Solo con la formazione, punto chiave del nuovo Piano Pandemico, sarà possibile arginare l'attuale nuova ondata di fake news»
Condivisione, formazione e aggiornamento: cos’è il portale “Cuore e…”
Ambrosio (AO Perugia): «Dopo l’eccellente riscontro di “Covid e Cuore”, estendiamo l’approfondimento a contenuti nuovi e diversi»
Robotica per la salute, Campus Biomedico-Inail-S. Anna avviano tre progetti innovativi
Caratterizzati dal forte approccio multidisciplinare di “WiFi-MyoHand”, “RGM5” e “3D-AID” puntano su soluzioni tecnologiche innovative e personalizzate per il recupero delle funzionalità motorie in persone amputate di arto superiore
Recovery, Fondazione Italia in Salute: «Fondi siano usati per digitalizzare la sanità pubblica»
L'analisi della professoressa Cascini: «Grazie alla tecnologia, la gestione della pandemia ha cambiato gli equilibri mondiali a favore della Cina»
Sanità digitale, grandi opportunità per la Cardiologia. Valente: «Utili controllo e monitoraggio dei pazienti a distanza»
Innovazione digitale e nuove tecnologie rappresentano le frontiere in ambito cardiovascolare, soprattutto in questi mesi di emergenza sanitaria. Serafina Valente, direttore della cardiologia dell’AOU di Siena, illustra a Sanità Informazione i vantaggi della digital health in cardiologia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 18 gennaio, sono 95.077.677 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.031.599 i decessi. Ad oggi, oltre 39,47 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Assicurativo

Posso portare in deduzione la mia Rc professionale?

Tutti coloro che devono stipulare una polizza per la responsabilità civile in ambito professionale hanno la necessità di far pesare il meno possibile tale onere obbligatorio sul loro reddito da lavo...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...