Lavoro 4 Dicembre 2019

Tecnici di laboratorio, Cabrini (ANTEL): «Con le innovazioni tecnologiche sempre più competenze. Lavoriamo per prevenzione del rischio»

Al 14° Forum Risk Management di Firenze sessione dedicata ai tecnici di laboratorio. L’Associazione nazionale tecnici di laboratorio biomedico punta sulla formazione: «Puntiamo alla collaborazione con le società scientifiche come Simedet e SIPMeL»

Innovazione tecnologica, change management, ruolo dirigenziale. Il ruolo e le competenze del tecnico di laboratorio vanno ampliandosi sempre di più di pari passo con il ruolo sempre più importante che le professioni sanitarie non mediche stanno acquisendo nell’ambito della sanità.

Di tutto questo si è parlato a Firenze al 14° Forum Risk Management nella sessione “Tecnologie e competenze applicate dai professionisti sanitari del laboratorio biomedico per la riduzione e gestione del rischio clinico” organizzata dall’ANTEL, l’Associazione nazionale dei tecnici di laboratorio biomedico. Ne abbiamo parlato con la presidente ANTEL Alessia Cabrini, che ai microfoni di Sanità Informazione ha sottolineato il ruolo essenziale dell’aggiornamento professionale, attività che sarà sempre più essenziale con la trasformazione di ANTEL in associazione tecnica scientifica. ANTEL è impegnata in questi giorni nelle votazioni che si stanno susseguendo in tutta Italia per la costituzione delle Commissioni d’Albo all’interno dell’Ordine TSRM e PSTRP nel quale è confluita la professione del tecnico di laboratorio.  

Presidente, sappiamo che la sanità sarà sempre di più multidisciplinare. Quale sarà il ruolo del tecnico di laboratorio in futuro?

«Il ruolo che il tecnico di laboratorio ha e avrà è sempre di maggior sviluppo di quelle che sono le competenze e il profilo nell’ambito anche nella gestione delle nuove tecnologie e nella prevenzione del rischio clinico. Il laboratorio ha da sempre preceduto quella che è l’innovazione tecnologica, l’ha favorita e lavora alla prevenzione del rischio nell’ambito delle varie metodiche, delle varie analisi ma anche per una maggior valorizzazione di quelle che sono le competenze del professionista».

Le competenze del professionista stanno aumentando anche in virtù del ruolo della tecnologia. Di questo cosa si è detto al Forum Risk Management?

«Si è parlato delle varie tecnologie negli ambiti specifici, settoriali del laboratorio, dell’anatomia patologica, la microbiologia, la biochimica clinica, e poi dei nuovi modelli di riorganizzazione nell’ottica di un change management. Bisogna focalizzare anche quella che è la riorganizzazione nell’ambito delle nuove competenze ma soprattutto per una nuova leadership che coinvolga il personale del comparto e la dirigenza verso un miglioramento focalizzato anche sulla formazione che è fondamentale».

Voi come ANTEL puntate molto sulla formazione. Che attività svolgete a proposito?

«Abbiamo sempre organizzato corsi di aggiornamento in tutti gli ambiti delle discipline del laboratorio ma particolarmente oggi stiamo attuando una collaborazione con le società scientifiche. Ne è un esempio il convegno di oggi che ha una collaborazione con Simedet, Società Italiana di Medicina diagnostica e terapeutica ma anche con SIPMeL, Società Italiana di Patologia Clinica e Medicina di Laboratorio. Abbiamo anche aperto la strada con SIBIOC. È importante questo interfacciarci con la società scientifiche anche nell’ottica di una multiprofessionalità e multidisciplinarietà in quello che sarà l’ordine delle professioni sanitarie in cui oggi siamo riconosciuti come professionisti».

Articoli correlati
Covid, terapie intensive al collasso: mancano all’appello 4mila specialisti
L'esperto propone: Consulcesi Club lancia nuovo corso di formazione su cure intensive con lo specialista Mauro Dauri (Tor Vergata): «Contro carenza medici in terapia intensiva, formare e coinvolgere specialisti afferenti ad altre discipline come accade in Usa e Europa»
Telemedicina, l’innovazione in cardiologia è sempre più digitale
Il Professore Fabrizio Ammirati spiega come la telemedicina e l’intelligenza artificiale affrontano la patologia dello scompenso cardiaco che ogni anno interessa un numero di italiani superiore a quelli affetti da COVID-19
‘Più credibili del dottor Google’: da Consulcesi i 7 passi per migliorare la comunicazione medico-paziente
Con la pandemia i pazienti di dr Google sono raddoppiati. Complice la paura di recarsi dal proprio medico e anche il desiderio quasi ossessivo di diagnosi lampo, il web è diventato il primo posto dove si cerca aiuto
Come ti ricreo la scena del crimine in casa (grazie alla realtà aumentata)
In questo video, il professor Marco Camisani Calzolari, tra i massimi esperti digitali e del web, spiega come solo la formazione a distanza, unita alla realtà virtuale e alle tecnologie più innovative, possono fornire gli strumenti adeguati a preparare al meglio i nuovi professionisti del settore
La pandemia “contagia” anche il Festival letterario Insieme
Grande successo per “Covid-19 il virus della paura”, il libro (in)formativo di Consulcesi edito da Paesi edizioni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 28 ottobre, sono 43.979.777 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.167.124 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 27 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare