Professioni Sanitarie 19 Luglio 2019

Tecnici di laboratorio, verso il Congresso ANTEL. La presidente Cabrini: «Al centro ricerca e governance dell’Ordine multiAlbo»

L’evento si svolgerà a settembre in collaborazione Sibioc e Simedet. «Parleremo anche del tema del professionista “esperto” e “specialista”» sottolinea la presidente Alessia Cabrini: «Aspettiamo ultimi decreti attuativi della legge 23 del 2018»

«Le nuove prospettive della ricerca nella Medicina di Laboratorio e il futuro con Academy of clinical sciences and Laboratory Medicine». È questo il titolo del Congresso dell’ANTEL, l’Associazione Italiana Tecnici Sanitari di Laboratorio Biomedico, che dal 25 al 28 settembre celebrerà a Roma il primo grande Congresso nazionale. L’ingresso dei tecnici di laboratorio nel nuovo Ordine multialbo TSRM e PSTRP ha rappresentato una svolta per la professione che, così come le altre 18 racchiuse nell’Ordine, aspetta con trepidazione il decreto attuativo della legge 3 del 2018 con le regole per la composizione delle Commissioni di Albo e la relativa costituzione dei suoi vertici. Le nuove frontiere della ricerca saranno al centro dei lavori congressuali: «Ci sono novità per quanto riguarda la diagnostica integrata e la medicina di precisione sia nell’ambito di patologie quali le leucemie mieloidi, le patologie fetali, ma anche per le malattie neurodegenerative, il paziente diabetico, le sepsi»n spiega a Sanità Informazione la presidente ANTEL Alessia Cabrini che ricorda come le nuove tecniche diagnostiche di Laboratorio  saranno sempre più fondamentali per avere diagnosi rapide, precise e sicure.

Presidente, a settembre ci sarà il primo grande congresso dell’ANTEL. Le aspettative sono tante. Quale sarà il focus di questo congresso?

«È un congresso che stiamo attendendo con trepidazione proprio perché costituisce la tappa più importante dell’anno per la professione del tecnico sanitario di laboratorio biomedico. Vedrà la collaborazione con l’importante società scientifica Sibioc, la Società italiana della biochimica clinica e della biologia molecolare, e della Simedet società multidisciplinare, oltre che il patrocinio e la collaborazione con la Federazione Nazionale Ordini TSRM e PSTRP, la Federazione Diabete Giovanile e l’Università di Tor Vergata. È aperta anche ad altre figure professionali, ma sarà molto importante per quanto riguarda la medicina e la diagnostica di laboratorio».

LEGGI ANCHE: ANTEL, SI  AVVICINA IL CONGRESSO. CASALINO (VICE PRES.): «LINEE GUIDA E ORDINE, TANTE SFIDE PER I TECNICI DI LABORATORIO»

Al Congresso si parlerà delle nuove frontiere del tecnico di laboratorio, soprattutto nella ricerca. Da questo punto di vista che novità ci saranno?

«Ci sono novità per quanto riguarda la diagnostica integrata e l’ematologia di precisione nell’ambito dell’oncoematologia e di patologie quali le leucemie mieloidi, le patologie fetali e i test di screening nell’ambito della diagnosi prenatale e soprattutto per le malattie neurodegenerative, il paziente diabetico, le sepsi. Un focus anche sull’Anatomia Patologica ed i percorsi diagnostici per le microbiopsie, le cisti e i noduli. In sintesi novità per le patologie emergenti che sono di interesse collettivo nel settore della medicina di laboratorio ma anche verso nuove frontiere. L’impiego di tecnologie avanzate ed innovative indagini genetico-molecolari è fondamentale per dare una diagnosi tempestiva e mirata. La salute e la sicurezza del paziente/cittadino è la tematica centrale dell’evento».

Sappiamo che dalla legge 3 del 2018 il maxi Ordine delle professioni sanitarie vede al suo interno anche i tecnici di laboratorio. C’è questa fase transitoria che si va concludendo. Quanto l’Ordine ha cambiato la vita di voi professionisti e cosa vi aspettate dal futuro?

«Abbiamo predisposto una sessione pre-congressuale specifica per l’ordine multialbo delle professioni sanitarie a cui siamo approdati con questa legge che abbiamo atteso per anni. Anche perché la stessa ANTEL si è fatta promotrice dell’emanazione di questa legge e la costituzione di questo ordine multialbo. Stiamo attendendo il decreto attuativo per la composizione delle commissioni di Albo per andare a presidiare la governance del sistema che ad oggi non è completa. Infatti come profilo professionale ci attendiamo di riuscire a costituire le Commissioni di Albo per portare avanti quelli che sono gli obiettivi della professione con tematiche trasversali e comuni alle altre professioni afferenti all’Ordine, come il Codice deontologico unitario importantissimo per sancire i principi etici e di comportamento in tema di responsabilità professionale. Inoltre verrà affrontata una tematica importante quale il ruolo del dirigente delle professioni sanitarie che sarà focale per governare quelli che sono i flussi organizzativi e di processo nell’ambito delle professioni della stessa area, e per concludere di particolare interesse anche il tema del professionista “esperto” e “specialista” che costituirà un’altra tappa importante per la valorizzazione della professione in termini di competenze».

 

Articoli correlati
Simedet, l’immunologo Giuseppe Luzi nuovo responsabile Italian Journal of Prevention, Diagnostic and Therapeutic Medicine
Luzi è autore di oltre 200 lavori su riviste internazionali e italiane, libri e saggi nel settore delle patologie del sistema immunitario e dei deficit immunitari congeniti e acquisiti (AIDS e sindromi correlate), con ricerche in particolare nell’ambito della regolazione della risposta immunitaria e della sintesi degli anticorpi
Massofisioterapisti, F.I.MFT: «C’è ancora tanto da fare»
Nonostante l’istituzione, presso l’Ordine dei tecnici sanitari di radiologia medica e delle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione, dell’elenco speciale Massofisioterapisti (dm 9/8/19, art.5), sono ancora tante le improrogabili necessità e problematiche legate alla categoria dei Massofisioterapisti. Da tempo la F.I.MFT (Federazione Italiana Massofisioterapisti) si adopera e collabora con le Istituzioni al fine […]
di Giacomo Russo, Presidente F.I.MFT (include AIMFI, AIMTES e AMS)
Sanità lombarda: il ruolo delle Professioni Sanitarie nella riforma della L.R. 23/2015. Un ponte fra paziente e territorio
All’incontro del luglio scorso, organizzato dai vertici della Sanità di Regione Lombardia, presenti gli ordini TSRM e PSTRP di Milano, Como, Lecco, Lodi, Monza Brianza e Sondrio per delineare i passi da compiere nell’attuazione della Legge Regionale n. 23/2015 che regola il sistema sociosanitario lombardo
Ostetriche. Vaccari (FNOPO): «Necessarie 20mila assunzioni nei consultori»
La vice presidente della Federazione Nazionale: «Dotare le ostetriche del ricettario rosa per prescrivere gli esami utili in gravidanza. Altrimenti la donna sarà sempre costretta a migrare verso altri professionisti»
di Isabella Faggiano
Professioni sanitarie, i numeri della FNO TSRM e PSTRP: oltre 151mila iscritti agli Albi, quasi 22mila agli elenchi speciali
In una lettera ai presidenti provinciali e al Ministero della Salute il Presidente Alessandro Beux ha voluto ricordare l'anniversario del primo luglio 2018, giorno dell'apertura delle iscrizioni: «Numeri impressionanti, in termini assoluti e relativi; numeri che testimoniano l’affidabilità sia di coloro che, prima, li hanno stimati sia di coloro che, dopo, li hanno determinati»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...