Formazione 27 Novembre 2019

Formazione ECM, Adiconsum: «Vigilare su corretto aggiornamento fa risparmiare il SSN». Parlano Speranza e Anelli…

L’associazione di difesa dei consumatori: «È statisticamente provato che un professionista aggiornato è soggetto a meno richieste di risarcimento. Basterebbe quindi vigilare sul corretto aggiornamento professionale e adottare decreti attuativi legge Gelli». Lettera a Speranza e richiesta di incontro

«Secondo la FNOMCeO, in Italia esistono circa 6 medici ogni 1.000 abitanti, il rapporto più alto del mondo e un patrimonio straordinario, se consideriamo i benefici per i pazienti e il rapporto che ne scaturisce tra i due. A questo numero non corrisponde, purtroppo, un buono stato di salute del sistema sanitario, denunciato anche dal ministro della Salute, Roberto Speranza, che ha parlato di impoverimento e di mancata fruizione di cure per oltre 4 milioni di famiglie italiane». È quanto segnalato da Adiconsum in una nota.

Per risollevare il SSN, ad avviso di Adiconsum, occorre «ridurre il deficit sia in termini di servizi che di aggiornamento del personale medico sanitario, ma anche informare correttamente i consumatori sulle alternative possibili».

«Fino ad oggi – prosegue la nota -, anche a fini prudenziali, ha prevalso la medicina difensiva con un costo di 165 euro a testa su un totale di spesa sanitaria di 1.147 euro ad utente. Considerato che tale pratica è attuata dal 93% dei medici intervistati nella ricerca commissionata da Il Sole 24ore nel 2017, la perdita per la spesa sanitaria si attesta intorno al 10%».

«A questo dato, si deve aggiungere il costo delle liti medico-paziente sempre più frequenti. Nel solo 2018, per spese legali e sentenze “spesso” sfavorevoli, le liti sono costate al SSN oltre 190 milioni di euro, circa 522 mila euro al giorno, con un incremento dell’8,9% rispetto all’anno precedente (fonte Demoskopika). Ogni anno i consumatori, e quindi il sistema sanitario complessivamente, “bruciano” per liti e cause tra pazienti e medici un importo medio pari a 50.000 euro per cause civili e a 36.000 euro per  cause penali. Considerando, quindi, che sono circa 35.000 le cause intentate ogni anno, stimiamo che 1,4 miliardi di euro si perdano senza generare servizi diretti alla salute».

«Questa cifra – prosegue Adiconsum – potrebbe essere ampiamente destinata a finanziare l’accesso sanitario ai poveri sanitari. Come fare? In considerazione del fatto che è statisticamente provato che un professionista aggiornato è soggetto a meno richieste di risarcimento, Adiconsum ritiene che basterebbe vigilare sul corretto aggiornamento  professionale, rendendolo pubblico, emanando i decreti attuativi necessari a rendere esecutiva la legge 24/2017 (legge Gelli), in particolar modo nella parte relativa all’obbligatorietà dell’aggiornamento per la copertura assicurativa del medico, anche in virtù dell’imminente scadenza del triennio formativo».

Adiconsum ha scritto al ministro Speranza per trovare una soluzione per ridurre costi e di conseguenza la povertà sanitaria e ha lanciato la Campagna informativa #pensiamoallasalute.

LEGGI ANCHE: ECM, UN MESE ALLA FINE DEL TRIENNIO. BOVENGA (COGEAPS): «ATTENZIONE A CONTENZIOSI, CONCORSI E LETTERE DI RICHIAMO»

Sul tema, Sanità Informazione ha interrogato il Ministro Speranza e il Presidente FNOMCeO Anelli che hanno ribadito quanto sia decisivo questo passaggio e annunciato un prossimo intervento di riforma di tutto il sistema.

 

SPERANZA: RIPORTARE RUOLO ECM AL CENTRO DEL SSN

 

ANELLI: IL 2020 SARA’ L’ANNO DELLA SVOLTA PER IL SISTEMA ECM

Articoli correlati
Come deve essere effettuata dal Provider la verifica dell’apprendimento?
La verifica dell’apprendimento può essere effettuata con diversi strumenti: quesiti a scelta multipla o a risposta aperta, esame orale, esame pratico, produzione di un documento, realizzazione di un progetto, ecc. Se vengono usati i quesiti, devono essere standardizzati in almeno 3 quesiti per ogni credito ECM erogato e nel caso si predispongono quesiti a scelta […]
Riforma del sistema ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ecco gli obiettivi da raggiungere»
Dalla qualità dei corsi di formazione all’introduzione di un sistema premiante per i professionisti che si aggiornano, il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici delinea le direttive che la Commissione ECM sta seguendo per riformare la formazione continua
Che cos’è la formazione individuale?
Le attività di “formazione individuale” comprendono tutte le attività formative non erogate da provider accreditati ECM, e possono consistere in: attività di ricerca scientifica, tutoraggio individuale, attività di formazione individuale all’estero e autoformazione. Per maggiori dettagli è possibile consultare il Capitolo 3 (Formazione individuale) del Manuale sulla formazione continua del professionista sanitario.
Da quando decorre l’obbligo formativo?
L’obbligo di formazione continua decorre dal 1° gennaio successivo alla data di iscrizione all’Ordine. Per le professioni il cui esercizio non era precedentemente subordinato all’iscrizione ad Ordini, l’obbligo di formazione decorre dal 1° gennaio successivo al conseguimento del titolo di studio o altro provvedimento abilitante. Da tale data, il professionista sanitario deve maturare i crediti […]
Quali regole deve adottare il Provider sul luogo di svolgimento di un evento?
La sede dell’evento deve essere conforme alla normativa in materia di sicurezza dei luoghi e deve essere adeguata alla tipologia di attività formativa erogata. Il provider non può organizzare eventi formativi presso sedi, anche estere, rese disponibili da aziende aventi interessi commerciali in ambito sanitario.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 20 ottobre, sono 40.403.537 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.118.293 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 19 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...