Salute 19 Ottobre 2019

Sanità, Ordine TSRM e PSTRP: «Valorizzare professioni sanitarie per arrivare a modelli organizzativi più efficienti»

Il Consiglio nazionale del maxi Ordine delle professione sanitarie ha approvato una mozione in cui si chiede espressamente di «ricercare e sostenere con ogni risorsa disponibile, sin dai prossimi atti parlamentari, ministeriali, regionali e aziendali, quel confronto inter-professionale e inter-istituzionale dal quale può derivare la definizione partecipata e condivisa di modelli organizzativi». Una valorizzazione che «non deve essere in contrasto con il laureato in medicina e chirurgia»

Il Consiglio nazionale della Federazione degli Ordini delle professioni sanitarie TSRM e PSTRP ha approvato una mozione in cui si chiede, per far fronte alla necessità di «una gestione più efficiente delle attività socio-sanitarie e dei modelli organizzativi in cui queste sono erogate», di procedere con urgenza all’instaurazione di «un dialogo interprofessionale e inter-istituzionale» per arrivare alla «definizione partecipata e condivisa di modelli organizzativi che, a sicurezza ed efficacia almeno pari a quelli in uso, sono in grado di innovare le modalità di erogazione delle prestazioni sanitarie ospedaliere e di potenziare quelle territoriali, ambulatoriali e domiciliari, promuovendo la piena valorizzazione delle professioni sanitarie». Punto di partenza resta sempre l’articolo 32 della Costituzione della Repubblica italiana che «tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti. Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge. La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana».

LEGGI ANCHE: PROFESSIONI SANITARIE, A RIMINI IL PRIMO CONGRESSO. BEUX: «»MODELLO OSPEDALIERO VA SUPERATO, TUTTI POSSIAMO DARE CONTRIBUTO A SALUTE»

Ecco il testo integrale della mozione:

Il Consiglio nazionale della Federazione nazionale degli Ordini dei Tecnici sanitari di radiologia medica e delle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione, rappresentativo di 19 professioni e 235mila professionisti, delibera, all’unanimità, quanto segue.

 

  • Le note premesse demografiche, sociali, epidemiologiche ed economiche, impongono l’ammodernamento del sistema socio-sanitario, rendendolo adeguato a riconoscere, gestire e, quando possibile, risolvere in modo sicuro ed efficace i problemi di salute della popolazione, tradizionali e nuovi.
  • Gli accresciuti e mutati bisogni socio-sanitari e l’innovazione tecnologica per essi disponibile determinano una sofferenza economica del sistema e richiedono una gestione più efficiente delle attività socio-sanitarie e dei modelli organizzativi in cui queste sono erogate. Per garantire la sostenibilità e il rilancio del sistema socio-sanitario è urgente riorganizzarlo al fine di una più appropriata allocazione delle risorse: economiche, strutturali, tecnologiche e professionali.
  • Negli ultimi due decenni l’impianto normativo, formativo, giurisprudenziale, culturale e valoriale delle professioni sanitarie è sensibilmente mutato, crescendo e migliorando in ogni dimensione.
  • Rifiutando ogni dogmatismo, pregiudizio, rivendicazione o demagogia, consapevoli che le attività socio-sanitarie sono tutte inserite in una logica di processo inter-disciplinare per la quale è necessaria l’inter-professionalità, le professioni sanitarie garantiscono la loro piena e incondizionata disponibilità a supportare ogni iniziativa finalizzata alla sostenibilità del sistema socio-sanitario del nostro Paese e, nel medio periodo, al suo rafforzamento e miglioramento.
  • I cambiamenti organizzativi impongono anche la ridefinizione delle attribuzioni professionali, senza che ciò determini necessariamente la reciproca messa in discussione delle attività tipiche e riservate che caratterizzano ogni professione sanitaria. In quest’ottica, la valorizzazione delle 22 professioni sanitarie non deve essere, come non è, in contrasto con ciò che è di esclusiva competenza del laureato in medicina e chirurgia.
  • Già nell’ottobre 2011 la Commissione salute della Conferenza delle Regioni e della Province autonome di Trento e Bolzano chiese al Ministero della salute di poter ampliare e specializzare le competenze delle professioni sanitarie. Si registra con preoccupazione che a distanza di otto anni tale richiesta sia rimasta senza risposta organica, contribuendo a determinare una crescente sofferenza del sistema socio-sanitario, di tensione interna alle professioni e, periodicamente, di attriti inter-professionali. Per ciò che è loro proprio, la valorizzazione delle professioni sanitarie è uno degli interventi più efficienti per garantire la maggior sicurezza e la miglior appropriatezza ed efficacia delle prestazioni erogate, in quanto aumenta la qualità dell’assistenza integrando le risposte date dalla diagnosi e dalla terapia medica.
  • Da un punto di vista concettuale siamo fermamente convinti che nell’interesse generale trovi collocazione e valorizzazione la parte positiva degli interessi particolari, sia del singolo che dei gruppi. Da un punto di vista metodologico, siamo altrettanto convinti che ogniqualvolta la proposta innovativa sia accompagnata da un certo grado di incertezza, si debba adottare il metodo scientifico quale strumento oggettivo per la sua valutazione ed eventuale validazione.
  • Sulla base di una comune alleanza valoriale, negli ultimi tempi si è diffusa una sana e promettente disponibilità istituzionale e professionale a concertare i percorsi di valorizzazione delle professioni sanitarie. È, pertanto, urgente ricercare e sostenere con ogni risorsa disponibile, sin dai prossimi atti parlamentari, ministeriali, regionali e aziendali, quel confronto inter-professionale e inter-istituzionale dal quale può derivare la definizione partecipata e condivisa di modelli organizzativi che, a sicurezza ed efficacia almeno pari a quelli in uso, sono in grado di innovare le modalità di erogazione delle prestazioni sanitarie ospedaliere e di potenziare quelle territoriali, ambulatoriali e domiciliari, promuovendo la piena valorizzazione delle professioni sanitarie.
Articoli correlati
L’enfant prodige della podologia, a 28 anni Direttrice di Corso di Laurea: «Passione e impegno, ma come donna non è stato facile»
Alive Volpini, giovane podologa di Frascati è anche coordinatrice di due master professionalizzanti a Tor Vergata, un unicum in Italia. «Agli studenti dico che il medico salva la vita del paziente, mentre il professionista sanitario migliora la sua qualità di vita, bisogna avere la capacità di mettersi a disposizione degli altri»
«Alcune proposte per i massofisioterapisti»
di Alessandro Bagattini, Matteo Zaffagnini, Fabrizio Lorenzoni, Paolo Pasqualetto e Marco Bettin (Massofisioterapisti iscritti all'elenco speciale ad esaurimento)
di Massofisioterapisti iscritti all'elenco speciale ad esaurimento
Fno Tsrm-Pstrp: «Non solo medici. Scuole devono poter contare sul contributo di tutte le professioni sanitarie»
Per migliorare il legame tra istruzione e sanità: integrare le attività didattiche con incontri tra diversi professionisti sanitari e gli studenti
Test Professioni Sanitarie, Consulcesi: «Domande poco pertinenti rischiano di lasciare fuori i più meritevoli»
Massimo Tortorella, Presidente Consulcesi: «Un altro pasticcio. Anche questa volta a decidere chi entrerà o meno sarà il numero chiuso»
Giornata Mondiale Fisioterapia dedicata al Covid. Cecchetto (AIFI): «Nostro ruolo decisivo in tante patologie. Ecco i luoghi comuni da sfatare»
In un video pubblicato su AIFI Channel tanti pazienti hanno scelto di raccontare il loro percorso di guarigione accanto al proprio fisioterapista
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 settembre, sono 33.362.341 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.001.800 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 28 settembre: Ad oggi ...
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...