Voci della Sanità 28 Ottobre 2019 15:49

Tecnici di laboratorio, a Torino ANTEL parla dei nuovi orizzonti.  Pennetta: «Momento di confronto per creare comune sentire»

L’evento si svolgerà alla Sala Lia Varesio il 15 novembre. Tra I relatori la presidente ANTEL Alessia Cabrini e il presidente SIMEDET Fernando Capuano

Si avvicinano le prime storiche elezioni per le Commissioni d’Albo del maxi Ordine delle professioni sanitarie che, come prescrive la norma, si dovranno tenere entro la fine del 2019. Tutte le 19 professioni confluite nell’Ordine TSRM e PSTRP si stanno preparando a un evento destinato comunque a cambiare la vita del nuovo Ordine. Anche i tecnici di laboratorio si stanno preprando e lo fanno con eventi sparsi in tutto il territorio nazionale, come quello in programma a Torino presso la Sala Lia Varesio il 15 novembre dal titolo “I nuovi orizzonti delle professioni sanitarie: il tecnico di laboratorio biomedico tra governo, integrazione e sviluppo”.

Tra i relatori la presidente dell’Associazione italiana tecnici di laboratorio ANTEL Alessia Cabrini, il presidente SIMEDET Fernando Capuano, il vicepresidente ANTEL Paolo Casalino. A Danilo Pennetta, Referente ANTeL Piemonte e Valle d’Aosta e rappresentante RAMR Piemonte e Valle d’Aosta, abbiamo fatto alcune domande per capire di cosa si parlerà a Torino.

Dottor Pennetta, il convegno si intitola “i nuovi orizzonti delle professioni sanitarie”. Tra i tecnici di laboratorio del Piemonte e della Valle d’Aosta come è stato accolto il nuovo maxi Ordine delle professioni sanitarie?

«I colleghi, ancorhé in modo non uniforme nel territorio regionale, hanno compreso che l’istituzione dell’Albo e dell’Ordine professionale, come organi di autogoverno sussidiari allo Stato che promuovono la qualità delle specifiche attività, sanciscono che l’esercizio  della professione di Tecnico di Laboratorio Biomedico costituisca un  fondamentale strumento di garanzia della salute dei  cittadini. Tuttavia gli sforzi nell’includere 19 professioni sanitarie in un organo di nuova istituzione, le iniziali difficoltà a percepirne le regole come meccanismi di tutele e di interesse comune, gli impegni economici di autogoverno nonché la soggezione a stringenti scadenze temporali, hanno creato alcune freddezze e difficoltà interpretative. Tali difficoltà sono quindi in gran parte attribuibili all’evoluzione degli strumenti normativi che non ha concesso grande spazio ai necessari momenti informativi e di confronto. Seppur i principali mezzi di comunicazione abbiano provveduto a diffondere tempestivamente le informazioni, si rilevano le limitate occasioni di partecipazione, in un territorio vasto, difficile da raggiungere capillarmente anche da parte delle associazioni professionali maggiormente  rappresentative. Questo evento si pone pertanto lo scopo di fornire concreti strumenti interpretivi/formativi per poter condividere i principi fondamentali della riforma introdotta dalla Legge 3 del 2018, in particolare in che modo questa si declini nel controllo della qualità professionale e della formazione (di base e continua), nella tutela legale dei propri iscritti, nella lotta all’abusivismo e in tutte le forme di partecipazione a sostegno delle competenze e della autonomia professionale».

LEGGI ANCHE: TECNICI DI LABORATORIO, CAPUANO (ANTEL): «TAVOLI DI RIORDINO E DECRETI ATTUATIVI, LE NOSTRE PROPOSTE PER IL NEOMINISTRO»

Entro il 31 dicembre 2019 si dovranno svolgere le elezioni per le Commissioni d’Albo provinciali. Come vi state preparando a questo importante appuntamento? I colleghi sono informati a sufficienza?

«In data 14 ottobre 2019 l’Ordine TSRM – PSTRP di Torino – AO – AL – AT, attraverso la sua Presidente ed i componenti il Consiglio Direttivo, ha illustrato ai rappresentanti delle associazioni maggiormente rappresentative (RAMR) le modalità con le quali procedere all’indizione delle elezioni dei componenti le Commissioni d’Albo ed al loro svolgimento. Tali modalità sono state riassunte, in modo sintetico e di facile lettura, in un documento. Le modalità e le scadenze perentorie impongono massima attenzione in tutte le fasi del processo che durerà alcuni giorni e presumibilmente vedrà sedi diverse in un percorso itinerante. Tenuto conto dei tempi di cui sopra appare evidente che ad oggi i colleghi professionisti non possano definirsi “sufficientemente informati”.  Il doveroso e massimo sforzo informativo si produrrà con l’utilizzo dei siti istituzionali, la PEC gratuita a tutti gli iscritti, i social, i mezzi di informazione di massa ed eventi come quello del 15 novembre a Torino».

Lei terrà un intervento sulla responsabilità professionale. Quali sono i profili di rischio professionale maggiore per i tecnici di laboratorio?

«La responsabilità professionale sarà trattata da alcuni colleghi relatori nella specifica sessione, così come il concetto assicurativo dei profili di rischio, in mancanza di una normative che dettagli i requisiti minimi e le condizioni di operatività delle polizze. In realtà nel mio intervento “Una certa idea di responsabillità” tratto l’argomento in termini più generali, declinandone i vari aspetti soprattutto dal punto di vista etico. L’obiettivo è di promuovere l’interesse alla costruzione di un Codice Deontologico con regole comuni e condivise tra le numerose professioni afferenti all’Ordine. Dal mio punto di vista è attraverso un comune sentire che si genera il senso di appartenenza, lo sviluppo di una  sensibilità che favorisce anche la necessaria integrazione nei percorsi di cura e genera il sistema valoriale nel quale sentirsi responsabili, ovvero in grado di prevedere le conseguenze delle nostre azioni».

Articoli correlati
Dietista di comunità, Tonelli (CAND): «Accanto a medici e pediatri di famiglia per prevenire e riabilitare»
Assistenza territoriale, il presidente della Commissione d’albo nazionale dei Dietisti: «Puntare sulla telenutrizione per assistere i pazienti che vivono in aree geograficamente più svantaggiate e inserire le prestazioni nutrizionali nei Livelli essenziali di assistenza (Lea)»
di Isabella Faggiano
Covid-19, emesso francobollo dedicato alle professioni sanitarie
Il Ministro dello Sviluppo economico Giorgetti: «Riconoscimento a impegno e dedizione nella lotta al virus»
Professioni sanitarie, FNO TSRM PSTRP rinnova i vertici. Il presidente Beux: «Progetto ciclopico, ma ce l’abbiamo fatta»
Il Presidente della Federazione che riunisce 19 professioni sanitarie traccia un bilancio dei tre anni al vertice e rilancia il tema della prevenzione. Poi sottolinea: «Fondamentale superare gli individualismi, anche professionali, a favore della collettività, anche inter-professionale». A giugno sarà approvata la Costituzione Etica delle professioni
Ostetriche, oltre 20mila professioniste pronte a sostenere la campagna vaccini anti-Covid
La presidente Vicario: «Già nel Regio Decreto, nei primi decenni del ‘900, promuovevamo la diffusione delle vaccinazioni disponibili in qualità di ostetriche condotte. Oggi, sosteniamo la prevenzione di malattie come l’Hpv o le patologie che si possono contrarre in gravidanza»
di Isabella Faggiano
Chiropratici, in Italia nasce il comitato scientifico per la ricerca in campo sanitario
Wiliams (AIC): «Lotta all’abusivismo e istituzione di una laurea magistrale, come previsto dagli standards internazionali e dalla legge nazionale mai attuata, tra le priorità della nostra Associazione»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 maggio, sono 156.080.676 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.256.425 i decessi. Ad oggi, oltre 1,22 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Salute

Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»

Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco