Salute 3 Giugno 2019 17:54

Emergenza-urgenza in pediatria, Roscio (cardiologo) «Tutti i medici, specialisti e non, siano preparati alla gestione degli episodi critici»

Il coordinatore del gruppo di emergenza extraospedaliera dell’OMCeO di Roma: «Abbiamo promosso il corso di aggiornamenti in tossicologia pediatrica perché i casi di avvelenamento e intossicazione sono molto più frequenti di quanto si possa immaginare, soprattutto in ambiente domestico»

di Isabella Faggiano

«Annegamento, sindromi respiratorie acute, esposizione a sostanze tossiche. Sono solo alcune delle emergenze più frequenti in età pediatrica che, se mal gestite, possono portare anche alla morte del bambino coinvolto. Per questo – spiega Giancarlo Roscio, cardiologo, coordinatore del gruppo di emergenza extraospedaliera dell’OMCeO di Roma e coordinatore nazionale della società italiana di Cardiologia per l’mergenza-urgenza Cardiovascolare – è necessario che tutti i medici, specialisti e non, siano educati alla gestione di questi episodi critici».

Un obiettivo che Giancarlo Roscio, che è anche il responsabile scientifico del corso Fad Consulcesi Club – Sanità In-Formazione, “Con tutto il cuore. Storia completa dell’organo nell’età antica“, porta avanti sin dal 2008, anno in cui gli è stata affidata la carica di coordinatore del gruppo di emergenza extraospedaliera dell’Ordine romano: «Lavoriamo affinché medici di medicina generale, pediatri, ma anche specialisti sappiano come comportarsi in presenza di alcuni particolari segni e sintomi, come le palpitazioni acute o il dolore toracico improvvisi. Questo per due motivi fondamentali: rendere l’intervento quanto più tempestivo possibile e ridurre le complicazioni che possono derivare da un’azione inappropriata».

LEGGI ANCHE: CARDIOLOGIA, A LISBONA TUTTI I SEGRETI DELLE ARITMIE. IL PRESIDENTE EHRA: «STIAMO ENTRANDO IN UNA NUOVA EPOCA»

E il Corso di aggiornamento in Tossicologia Pediatrica, ospitato oggi presso l’aula Roberto Lala dell’Ordine dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri di Roma, è soltanto l’ultimo tassello di questo lungo percorso dedicato alla formazione. «È fondamentale che i nostri medici siano preparati in materia – continua Roscio – perché i casi di avvelenamento e intossicazione sono molto più frequenti di quanto si possa immaginare e, soprattutto, possono incorrere in maniera accidentale anche in quegli ambienti che dovrebbero essere sicuri per un bambino, come quello domestico».

«L’età più a rischio è intorno ai 3- 4 anni – aggiunge Nicola Pirozzi, direttore del dipartimento di Emergenza Accettazione (DEA) e A.R.C.O dell’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma – periodo della vita in cui la conoscenza del mondo avviene attraverso la bocca.  A questa età è, dunque, facile che un bambino sia esposto a sostanze tossiche, come farmaci, cosmetici o prodotti per la pulizia della casa, soprattutto se custoditi in modo inappropriato».

E chiunque entri in contatto con questi prodotti velenosi per la salute non solo deve essere portato in ospedale, ma deve anche arrivarci nelle migliori condizioni possibili. «Per questo – sottolinea Corrado Cecchetti, responsabile dell’Unità Operativa Complessa Area Rossa dell’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma – è fondamentale fornire ai medici di medicina generale ed ai pediatri gli strumenti conoscitivi di base per riuscire a cogliere gli elementi che indicano la presenza nell’organismo di sostanze tossiche, nel rispetto delle linee guida nazionali ed internazionali. Soltanto in questo modo – conclude – il piccolo potrà essere trasportato nella struttura sanitaria più adeguata alle sue esigenze, ottenendo il migliore trattamento possibile».

Articoli correlati
Malattie cardiovascolari, Gensini: «Metà dei pazienti abbandona la terapia dopo sei mesi»
«La mancata aderenza alle terapie determina una scarsa protezione per i pazienti e un miliardo di euro di spreco per il SSN. Il progetto Value Based Healthcare Ecosystem nasce per supportare i pazienti cardiovascolari cronici»
Entro il 2050 il 75% della popolazione mondiale si trasferirà nei centri urbani. Ma in città ci si ammala di più
Lenzi (Health City Institute): «Riscrivere medicina, clinica e patologia mediche pensando alla città come luogo principale di residenza. Prevenzione cardiovascolare fondamentale per ridurre del 25% la mortalità prematura per malattie non trasmissibili, come raccomandato dall’Italian Urban Health Declaration ai Governi dei Paesi del G20»
di Isabella Faggiano
Giornata per la prevenzione cardiovascolare, malattie cardiache prima causa di morte e ospedalizzazione
La Società Italiana per la Prevenzione Cardiovascolare (SIPREC) lancia, per il 13 maggio 2021, un’iniziativa nazionale volta a diffondere la consapevolezza dell’importanza e dell’incidenza di queste patologie e, soprattutto, la possibilità di prevenirle
di Isabella Faggiano
Malattie cardiovascolari, Grosseto (cardiologo): «In Europa ogni anno si ammalano undici milioni di persone»
«In base alle categorie di rischio, bisogna tenere il colesterolo LDL sotto controllo, tra 100 e 50 o addirittura 40 mg/dl» puntualizza a Sanità Informazione
Colesterolo, Lazzeroni (cardiologo): «Il 70% dei nostri pazienti dislipidemici non è a target. C’è un problema di sensibilizzazione»
«Circa otto eventi cardiovascolari su dieci sono prevenibili – spiega il cardiologo Davide Lazzeroni a Sanità Informazione - ma per farlo il tempo è fondamentale, bisogna agire subito sui pazienti a rischio»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 dicembre, sono 266.517.100 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.263.777 i decessi. Ad oggi, oltre 8,22 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...