Salute 18 Marzo 2019 17:08

Cardiologia, a Lisbona tutti i segreti delle aritmie. Il presidente EHRA: «Stiamo entrando in una nuova epoca»

Al congresso della European Heart Rhythm Association, oltre 4mila professionisti provenienti da tutto il mondo per confrontarsi su elettrofisiologia, fibrillazione atriale e ablazione transcatetere

di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone - inviati a Lisbona
Cardiologia, a Lisbona tutti i segreti delle aritmie. Il presidente EHRA: «Stiamo entrando in una nuova epoca»

Per tre giorni, Lisbona è la capitale mondiale della cardiologia. Si è aperto il congresso annuale della European Heart Rhythm Association a cui partecipano oltre 4mila cardiologi e ricercatori nel campo delle aritmie cardiache provenienti da 80 Paesi. L’EHRA, che si occupa prevalentemente di fibrillazione atriale e elettrofisiologia, fa parte della Società Europea di Cardiologia.

«Il Congresso ha superato le nostre aspettative, abbiamo registrato il livello di partecipazione più alto di sempre – commenta a Sanità Informazione il presidente di EHRA 2018-2020 Hein Heidbuchel -. È la dimostrazione che la comunità europea di elettrofisiologia è molto forte. Sono state presentate tecniche innovative ed è stato dato ampio spazio alla nuova area della salute digitale. L’elettrofisiologia e la cardiologia stanno entrando in una nuova era: é la tecnologia che fornisce i dati ai professionisti e non i medici che inseriscono i dati nei macchinari. Il maggior utilizzo di tecnologia ovviamente aumenta il costo delle cure, ma la medicina ha dei budget limitati, quindi l’obiettivo adesso è quello di selezionare le tecnologie più efficaci al costo inferiore».

Sulle rive del Tago, le parole d’ordine sono quindi le innovazioni diagnostiche e terapeutiche nella pratica quotidiana, che danno il titolo al congresso. «Grazie alle presentazioni degli ultimi trial clinici condotti in tutto il mondo, agli oltre 1600 abstract ricevuti e alle tecnologie rivoluzionarie qui presenti – commenta il presidente del congresso Haran Burri – questo è il posto giusto per conoscere le nuove frontiere e gli orizzonti della diagnosi e della terapia delle aritmie cardiache».

Una delle novità del congresso è l’introduzione delle sessioni “Meet my patients”: i pazienti raccontano le loro malattie e l’impatto che hanno sulla loro vita quotidiana. Un incontro che aiuta i partecipanti a capire in modo più chiaro le conseguenze delle patologie e delle terapie.

Tra le innovazioni presentate, anche un nuovo metodo per eseguire l’elettrocardiogramma che usa segnali dall’orecchio e dalla mano del paziente per controllare il ritmo cardiaco. Lo studio è stato presentato dall’italiano Raffaele De Lucia dell’Università di Pisa.

Diverse le tematiche presenti nel programma del congresso, tra cui i risultati di 20 trial clinici su strumentazioni, tecniche innovative e nuovi studi sull’ablazione della fibrillazione atriale (tecnica chirurgica mininvasiva per limitare le cause dell’aritmia): tra questi, l’ELIMINATE-AF dimostra l’efficacia e la sicurezza dell’anticoagulante edoxaban nei pazienti con fibrillazione atriale sottoposti ad ablazione transcatetere; RESULT invece intende dimostrare se la supervisione da remoto riduce il tasso di mortalità o ricovero dei pazienti con insufficienza cardiaca e un device impiantato.

Articoli correlati
Giornata per la prevenzione cardiovascolare, malattie cardiache prima causa di morte e ospedalizzazione
La Società Italiana per la Prevenzione Cardiovascolare (SIPREC) lancia, per il 13 maggio 2021, un’iniziativa nazionale volta a diffondere la consapevolezza dell’importanza e dell’incidenza di queste patologie e, soprattutto, la possibilità di prevenirle
di Isabella Faggiano
Malattie cardiovascolari, Grosseto (cardiologo): «In Europa ogni anno si ammalano undici milioni di persone»
«In base alle categorie di rischio, bisogna tenere il colesterolo LDL sotto controllo, tra 100 e 50 o addirittura 40 mg/dl» puntualizza a Sanità Informazione
Colesterolo, Lazzeroni (cardiologo): «Il 70% dei nostri pazienti dislipidemici non è a target. C’è un problema di sensibilizzazione»
«Circa otto eventi cardiovascolari su dieci sono prevenibili – spiega il cardiologo Davide Lazzeroni a Sanità Informazione - ma per farlo il tempo è fondamentale, bisogna agire subito sui pazienti a rischio»
Dislipidemie, Fresco (cardiologo): «Ecco perché non si raggiungono i target terapeutici»
L’esperto racconta a Sanità Informazione che sono molto comuni la non aderenza terapeutica o la sua bassa continuità nei pazienti a rischio
«Un quarto dei pazienti che hanno avuto un infarto interrompe le terapie per il colesterolo»
Campo (Università Ferrara): «Implicazioni drammatiche in termini di mortalità e di recidive cardiovascolari. E spesso è colpa dei medici»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 20 settembre, sono 228.557.439 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.692.079 i decessi. Ad oggi, oltre 5,9 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco