Salute 18 Marzo 2019

Cardiologia, a Lisbona tutti i segreti delle aritmie. Il presidente EHRA: «Stiamo entrando in una nuova epoca»

Al congresso della European Heart Rhythm Association, oltre 4mila professionisti provenienti da tutto il mondo per confrontarsi su elettrofisiologia, fibrillazione atriale e ablazione transcatetere

di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone - inviati a Lisbona
Immagine articolo

Per tre giorni, Lisbona è la capitale mondiale della cardiologia. Si è aperto il congresso annuale della European Heart Rhythm Association a cui partecipano oltre 4mila cardiologi e ricercatori nel campo delle aritmie cardiache provenienti da 80 Paesi. L’EHRA, che si occupa prevalentemente di fibrillazione atriale e elettrofisiologia, fa parte della Società Europea di Cardiologia.

«Il Congresso ha superato le nostre aspettative, abbiamo registrato il livello di partecipazione più alto di sempre – commenta a Sanità Informazione il presidente di EHRA 2018-2020 Hein Heidbuchel -. È la dimostrazione che la comunità europea di elettrofisiologia è molto forte. Sono state presentate tecniche innovative ed è stato dato ampio spazio alla nuova area della salute digitale. L’elettrofisiologia e la cardiologia stanno entrando in una nuova era: é la tecnologia che fornisce i dati ai professionisti e non i medici che inseriscono i dati nei macchinari. Il maggior utilizzo di tecnologia ovviamente aumenta il costo delle cure, ma la medicina ha dei budget limitati, quindi l’obiettivo adesso è quello di selezionare le tecnologie più efficaci al costo inferiore».

Sulle rive del Tago, le parole d’ordine sono quindi le innovazioni diagnostiche e terapeutiche nella pratica quotidiana, che danno il titolo al congresso. «Grazie alle presentazioni degli ultimi trial clinici condotti in tutto il mondo, agli oltre 1600 abstract ricevuti e alle tecnologie rivoluzionarie qui presenti – commenta il presidente del congresso Haran Burri – questo è il posto giusto per conoscere le nuove frontiere e gli orizzonti della diagnosi e della terapia delle aritmie cardiache».

Una delle novità del congresso è l’introduzione delle sessioni “Meet my patients”: i pazienti raccontano le loro malattie e l’impatto che hanno sulla loro vita quotidiana. Un incontro che aiuta i partecipanti a capire in modo più chiaro le conseguenze delle patologie e delle terapie.

Tra le innovazioni presentate, anche un nuovo metodo per eseguire l’elettrocardiogramma che usa segnali dall’orecchio e dalla mano del paziente per controllare il ritmo cardiaco. Lo studio è stato presentato dall’italiano Raffaele De Lucia dell’Università di Pisa.

Diverse le tematiche presenti nel programma del congresso, tra cui i risultati di 20 trial clinici su strumentazioni, tecniche innovative e nuovi studi sull’ablazione della fibrillazione atriale (tecnica chirurgica mininvasiva per limitare le cause dell’aritmia): tra questi, l’ELIMINATE-AF dimostra l’efficacia e la sicurezza dell’anticoagulante edoxaban nei pazienti con fibrillazione atriale sottoposti ad ablazione transcatetere; RESULT invece intende dimostrare se la supervisione da remoto riduce il tasso di mortalità o ricovero dei pazienti con insufficienza cardiaca e un device impiantato.

Articoli correlati
Coronaropatie, arteriopatie e malattia renale cronica nel paziente con Fibrillazione Atriale. Ecco come cambia l’approccio con rivaroxaban
Un paziente su cinque, dopo 3-4 anni da un infarto, può subire o una ri-ospedalizzazione, o un nuovo evento infartuale, o un ictus, oppure un evento fatale. Nei Paesi occidentali c’è una frequenza degli eventi avversi molto elevata, anche nei pazienti che aderiscono correttamente alle terapie raccomandate. Questo sta a significare che, in generale, i […]
Emergenza-urgenza in pediatria, Roscio (cardiologo) «Tutti i medici, specialisti e non, siano preparati alla gestione degli episodi critici»
Il coordinatore del gruppo di emergenza extraospedaliera dell’OMCeO di Roma: «Abbiamo promosso il corso di aggiornamenti in tossicologia pediatrica perché i casi di avvelenamento e intossicazione sono molto più frequenti di quanto si possa immaginare, soprattutto in ambiente domestico»
di Isabella Faggiano
Morte improvvisa, si può prevenire? Risponde il cardiologo tedesco Axel Bauer
«Se si individuano i pazienti a rischio, si può intervenire con un defibrillatore cardiaco impiantabile. In futuro i dispositivi indossabili che monitorano il paziente 24 ore su 24 ci aiuteranno molto, ma per ora forniscono informazioni limitate»
La storia di Anezka, 25 anni: «Il pacemaker mi ha offerto una seconda possibilità di vita»
Intervenuta alla sessione “Meet my patient” del congresso EHRA a Lisbona, Anezka Gombosova, di Praga, ha spiegato ai cardiologi cosa significa convivere con il pacemaker. Poi li ha esortati: «Dovete imparare dai vostri pazienti»
Anticoagulanti, studio EMIT: con edoxaban basso rischio di sanguinamento o ischemia peri-procedurale. Colonna (Cardiologo): «Indicazione importante per i clinici»
Lo studio dimostra che la somministrazione peri-procedurale di edoxaban in pazienti europei ultrasettantenni affetti da fibrillazione atriale o tromboembolia venosa sottoposti a procedure diagnostiche o terapeutiche è associato ad un rischio pari allo 0,4% di emorragie maggiori e di ictus o ischemia dello 0,6%
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti, Inviati a Lisbona
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Salute

Boom di denunce per “malpractice”, i chirurghi non ci stanno: «Nessuno vuole fare più questo mestiere»

Dei 35mila procedimenti che si aprono ogni anno oltre il 90% si risolvono in un nulla di fatto. Il Presidente del Collegio Italiano dei Chirurghi (CIC), Filippo La Torre: «Serve legge che regoli la m...