Salute 18 Marzo 2019 17:08

Cardiologia, a Lisbona tutti i segreti delle aritmie. Il presidente EHRA: «Stiamo entrando in una nuova epoca»

Al congresso della European Heart Rhythm Association, oltre 4mila professionisti provenienti da tutto il mondo per confrontarsi su elettrofisiologia, fibrillazione atriale e ablazione transcatetere

di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone - inviati a Lisbona
Cardiologia, a Lisbona tutti i segreti delle aritmie. Il presidente EHRA: «Stiamo entrando in una nuova epoca»

Per tre giorni, Lisbona è la capitale mondiale della cardiologia. Si è aperto il congresso annuale della European Heart Rhythm Association a cui partecipano oltre 4mila cardiologi e ricercatori nel campo delle aritmie cardiache provenienti da 80 Paesi. L’EHRA, che si occupa prevalentemente di fibrillazione atriale e elettrofisiologia, fa parte della Società Europea di Cardiologia.

«Il Congresso ha superato le nostre aspettative, abbiamo registrato il livello di partecipazione più alto di sempre – commenta a Sanità Informazione il presidente di EHRA 2018-2020 Hein Heidbuchel -. È la dimostrazione che la comunità europea di elettrofisiologia è molto forte. Sono state presentate tecniche innovative ed è stato dato ampio spazio alla nuova area della salute digitale. L’elettrofisiologia e la cardiologia stanno entrando in una nuova era: é la tecnologia che fornisce i dati ai professionisti e non i medici che inseriscono i dati nei macchinari. Il maggior utilizzo di tecnologia ovviamente aumenta il costo delle cure, ma la medicina ha dei budget limitati, quindi l’obiettivo adesso è quello di selezionare le tecnologie più efficaci al costo inferiore».

Sulle rive del Tago, le parole d’ordine sono quindi le innovazioni diagnostiche e terapeutiche nella pratica quotidiana, che danno il titolo al congresso. «Grazie alle presentazioni degli ultimi trial clinici condotti in tutto il mondo, agli oltre 1600 abstract ricevuti e alle tecnologie rivoluzionarie qui presenti – commenta il presidente del congresso Haran Burri – questo è il posto giusto per conoscere le nuove frontiere e gli orizzonti della diagnosi e della terapia delle aritmie cardiache».

Una delle novità del congresso è l’introduzione delle sessioni “Meet my patients”: i pazienti raccontano le loro malattie e l’impatto che hanno sulla loro vita quotidiana. Un incontro che aiuta i partecipanti a capire in modo più chiaro le conseguenze delle patologie e delle terapie.

Tra le innovazioni presentate, anche un nuovo metodo per eseguire l’elettrocardiogramma che usa segnali dall’orecchio e dalla mano del paziente per controllare il ritmo cardiaco. Lo studio è stato presentato dall’italiano Raffaele De Lucia dell’Università di Pisa.

Diverse le tematiche presenti nel programma del congresso, tra cui i risultati di 20 trial clinici su strumentazioni, tecniche innovative e nuovi studi sull’ablazione della fibrillazione atriale (tecnica chirurgica mininvasiva per limitare le cause dell’aritmia): tra questi, l’ELIMINATE-AF dimostra l’efficacia e la sicurezza dell’anticoagulante edoxaban nei pazienti con fibrillazione atriale sottoposti ad ablazione transcatetere; RESULT invece intende dimostrare se la supervisione da remoto riduce il tasso di mortalità o ricovero dei pazienti con insufficienza cardiaca e un device impiantato.

Articoli correlati
L’allarme della SIC: «La pandemia ci lascia in eredità un’assistenza cardiologica in ginocchio»
Ricoveri ed esami ridotti in due ospedali su tre e rischio cardiaco più alto per i guariti. Allerta massima su mortalità infarti e ictus: «Rischiamo di tornare indietro di 20 anni»
Dalla “sindrome dell’impostore” ai falsi miti sui danni da vaccino, ecco per cosa combatte (e combatterà) la Cardiologia italiana
Rischio di miocardite nei giovani a seguito del vaccino anti-Covid a mRNA messaggero? Indolfi (SIC): «I dati in nostro possesso sono più che rassicuranti»
Malattie cardiovascolari, Gensini: «Metà dei pazienti abbandona la terapia dopo sei mesi»
«La mancata aderenza alle terapie determina una scarsa protezione per i pazienti e un miliardo di euro di spreco per il SSN. Il progetto Value Based Healthcare Ecosystem nasce per supportare i pazienti cardiovascolari cronici»
Entro il 2050 il 75% della popolazione mondiale si trasferirà nei centri urbani. Ma in città ci si ammala di più
Lenzi (Health City Institute): «Riscrivere medicina, clinica e patologia mediche pensando alla città come luogo principale di residenza. Prevenzione cardiovascolare fondamentale per ridurre del 25% la mortalità prematura per malattie non trasmissibili, come raccomandato dall’Italian Urban Health Declaration ai Governi dei Paesi del G20»
di Isabella Faggiano
Giornata per la prevenzione cardiovascolare, malattie cardiache prima causa di morte e ospedalizzazione
La Società Italiana per la Prevenzione Cardiovascolare (SIPREC) lancia, per il 13 maggio 2021, un’iniziativa nazionale volta a diffondere la consapevolezza dell’importanza e dell’incidenza di queste patologie e, soprattutto, la possibilità di prevenirle
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 ottobre 2022, sono 620.487.013 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.554.599 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (6 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi in caso di reinfezioni?

I sintomi delle reinfezioni tendono a essere più lievi, anche se non si possono escludere forme gravi della malattia. I più comuni sono: affaticamento, febbre, tosse e mal di gola