Salute 9 Giugno 2021 15:57

Dislipidemie, qual è l’impatto del Covid-19 sui pazienti a rischio alto e molto alto?

«Il paziente con sindrome coronarica acuta molto spesso arriva in ritardo in ospedale – spiega Ciro Mauro, Cardiologo del Cardarelli di Napoli – questo è pericoloso soprattutto per chi ha fattori di rischio»

Una delle conseguenze della lunga e rinnovata emergenza sanitaria che ha colpito il nostro paese è il mancato accesso agli ospedali per i pazienti affetti da malattie cardiovascolari. In particolare «il paziente con sindrome coronarica acuta molto spesso arriva in ritardo e con delle problematiche che poi sono difficili da risolvere e ci porteranno nel futuro a una popolazione di pazienti trattati in modo non adeguato». Così Ciro Mauro, Cardiologo Utic del Cardarelli di Napoli nell’intervista a Sanità Informazione.

Per i pazienti a rischio alto e molto alto, è fondamentale «presentarsi ai primi sintomi in ambiente cardiologico – spiega lo specialista -. La maggior parte o quasi la totalità dei pronto soccorso ospedalieri, ormai ha acquisito un triage differenziato per pazienti sospetti Covid e non Covid – aggiunge lo specialista -. Per quanto riguarda le sindromi coronariche acute, evitiamo che i pazienti arrivino con ritardo soprattutto quando loro sono a conoscenza di avere dei fattori di rischio quali ipertensione, fumo e soprattutto le dislipidemie».

C’è ancora da lavorare sulla consapevolezza: «La maggior parte dei pazienti con gravi fattori di rischio e con dislipidemie conoscono i rischi che corrono – conclude il cardiologo – ma devono essere pronti a recarsi in ospedale, dove troveranno percorsi differenziati e ad affrontare anche un ricovero di urgenza per il miglior trattamento possibile» conclude.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Obbligo mascherina in ospedale via tra due settimane? Scienziati divisi, nuovo studio inglese: «Benefici modesti»
In vista della scadenza dell'obbligo di indossare la mascherina negli ospedali e nelle strutture sanitarie italiane, fissata per il 30 aprile, la scienza ragiona su vantaggi e benefici. Dal Regno Unito arriva una nuova ricerca: «Nessuna differenza significativa» sui tassi di trasmissione di Covid-19 negli ospedali
Covid, alcune persone potrebbero aver perso l’olfatto per sempre? L’ipotesi allarmante in uno studio
La perdita dell'olfatto a causa di Covid-19 potrebbe durare a lungo o addirittura per sempre. Uno studio rivela che una persona su 20 non l'ha recuperato dopo 18 mesi
A Bologna il primo ospedale parco per la riabilitazione intensiva neurologica e ortopedica
La nuova Villa Bellombra realizzata con una sinergia pubblico-privato permette ai pazienti di usufruire di attrezzatura concepite con le più moderne tecnologie robotiche. Orta (AD Consorzio ospedaliero Colibrì) «I cittadini avranno una struttura paragonabile a quelle di Boston o Tokyo, senza dover pagare nulla»
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
Scuola in Ospedale, in Lombardia approvato piano per garantire istruzione ad alunni ricoverati
Protocollo d’intesa sottoscritto da Regione Lombardia e Ufficio Scolastico Regionale per rendere più capillare il servizio sul territorio e permettere ai pazienti studenti di seguire il percorso formativo e mantenere la relazione con la scuola di appartenenza, agevolando il reinserimento al termine del ricovero o della malattia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

World Obesity Day: oltre un miliardo di obesi nel mondo, quadruplicati in 30 anni i bimbi oversize

L'analisi pubblicata su ‘Lancet’: la quota di 'oversize' fra gli adulti è più che raddoppiata nelle donne e quasi triplicata negli uomini dal 1990 al 2022, nell'arco di una t...
di I.F.
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.
Lavoro

Nasce “Elenco Professionisti”, il network digitale di Consulcesi Club dedicato agli specialisti della Sanità

L’obiettivo è aiutare il professionista a migliorare la sua visibilità all’interno della comunità medico-scientifica e facilitare i contatti tra operatori. Simona Gori...