Salute 9 Giugno 2021 15:57

Dislipidemie, qual è l’impatto del Covid-19 sui pazienti a rischio alto e molto alto?

«Il paziente con sindrome coronarica acuta molto spesso arriva in ritardo in ospedale – spiega Ciro Mauro, Cardiologo del Cardarelli di Napoli – questo è pericoloso soprattutto per chi ha fattori di rischio»

Una delle conseguenze della lunga e rinnovata emergenza sanitaria che ha colpito il nostro paese è il mancato accesso agli ospedali per i pazienti affetti da malattie cardiovascolari. In particolare «il paziente con sindrome coronarica acuta molto spesso arriva in ritardo e con delle problematiche che poi sono difficili da risolvere e ci porteranno nel futuro a una popolazione di pazienti trattati in modo non adeguato». Così Ciro Mauro, Cardiologo Utic del Cardarelli di Napoli nell’intervista a Sanità Informazione.

Per i pazienti a rischio alto e molto alto, è fondamentale «presentarsi ai primi sintomi in ambiente cardiologico – spiega lo specialista -. La maggior parte o quasi la totalità dei pronto soccorso ospedalieri, ormai ha acquisito un triage differenziato per pazienti sospetti Covid e non Covid – aggiunge lo specialista -. Per quanto riguarda le sindromi coronariche acute, evitiamo che i pazienti arrivino con ritardo soprattutto quando loro sono a conoscenza di avere dei fattori di rischio quali ipertensione, fumo e soprattutto le dislipidemie».

C’è ancora da lavorare sulla consapevolezza: «La maggior parte dei pazienti con gravi fattori di rischio e con dislipidemie conoscono i rischi che corrono – conclude il cardiologo – ma devono essere pronti a recarsi in ospedale, dove troveranno percorsi differenziati e ad affrontare anche un ricovero di urgenza per il miglior trattamento possibile» conclude.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Liste d’attesa e fondi a Regioni per recupero prestazioni sanitarie, Cittadinanzattiva: «Disomogeneità e poca trasparenza»
Le PA sono state interpellate su emanazione del piano regionale per il recupero delle liste d'attesa e fondi previsti, programmi/azioni per il recupero delle liste d'attesa, numero prestazioni effettivamente recuperate e ancora da recuperare
Il vaccino anti-Covid può causare infertilità?
Una delle preoccupazioni alla base della resistenza di molte persone alla vaccinazione anti-Covid riguarda le presunte ricadute sulla fertilità maschile. Uno studio del dipartimento di Urologia della University of Miami Miller School of Medicine prova a dare una risposta
Biobanche, Lavitrano (BBMRI Italia): «Ecco come funzionano e a cosa servono»
«Incoraggiamo una sinergia tra le Biobanche di ricerca e quelle terapeutiche, affinché il materiale biologico donato a scopi terapeutici, e non utilizzato, possa essere destinato alla ricerca»
di Isabella Faggiano
Che percentuale di diffusione ha raggiunto la variante Delta in Italia?
Una volta minoritaria nel nostro Paese (in cui dominava largamente la variante Alfa), la variante ex indiana ha da tempo preso il sopravvento. Cosa dicono le ultime rilevazioni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 15 ottobre, sono 239.611.288 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.882.126 i decessi. Ad oggi, oltre 6,57 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Formazione

Punteggi anonimi per il test di Medicina 2021, a qualcuno non tornano i conti

Si confrontano i punteggi anonimi del test di Medicina 2021 e si fanno le prime previsioni sulla soglia minima per entrare, che oscilla tra due cifre. Intanto in molti lamentano di non aver ricevuto i...