Salute 9 Giugno 2021 15:57

Dislipidemie, qual è l’impatto del Covid-19 sui pazienti a rischio alto e molto alto?

«Il paziente con sindrome coronarica acuta molto spesso arriva in ritardo in ospedale – spiega Ciro Mauro, Cardiologo del Cardarelli di Napoli – questo è pericoloso soprattutto per chi ha fattori di rischio»

Una delle conseguenze della lunga e rinnovata emergenza sanitaria che ha colpito il nostro paese è il mancato accesso agli ospedali per i pazienti affetti da malattie cardiovascolari. In particolare «il paziente con sindrome coronarica acuta molto spesso arriva in ritardo e con delle problematiche che poi sono difficili da risolvere e ci porteranno nel futuro a una popolazione di pazienti trattati in modo non adeguato». Così Ciro Mauro, Cardiologo Utic del Cardarelli di Napoli nell’intervista a Sanità Informazione.

Per i pazienti a rischio alto e molto alto, è fondamentale «presentarsi ai primi sintomi in ambiente cardiologico – spiega lo specialista -. La maggior parte o quasi la totalità dei pronto soccorso ospedalieri, ormai ha acquisito un triage differenziato per pazienti sospetti Covid e non Covid – aggiunge lo specialista -. Per quanto riguarda le sindromi coronariche acute, evitiamo che i pazienti arrivino con ritardo soprattutto quando loro sono a conoscenza di avere dei fattori di rischio quali ipertensione, fumo e soprattutto le dislipidemie».

C’è ancora da lavorare sulla consapevolezza: «La maggior parte dei pazienti con gravi fattori di rischio e con dislipidemie conoscono i rischi che corrono – conclude il cardiologo – ma devono essere pronti a recarsi in ospedale, dove troveranno percorsi differenziati e ad affrontare anche un ricovero di urgenza per il miglior trattamento possibile» conclude.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Sostegni Bis, Ianaro (M5S): «Emendamento per prevedere sequenziamento Covid nelle strutture sanitarie»
«L’attività di sequenziamento ha consentito al mondo di identificare rapidamente il virus del Covid 19 ed è fondamentale un continuo monitoraggio della situazione epidemiologica per evitare il sovraccarico delle strutture ospedaliere che da oltre un anno sono sottoposte a stress indicibili. Purtroppo è molto carente e poco integrata nel nostro Servizio sanitario nazionale e per […]
Covid, nuovo report Cabina di regia: «Continua calo incidenza». Da lunedì solo Vda in zona gialla
Pubblicato il report settimanale di ISS-Ministero Salute: tutte le Regioni e Pa hanno Rt compatibile con scenario di tipo 1
Covid e autopsie, perché sono state vietate ad inizio pandemia?
Fineschi (Sapienza): «Autopsie momento fondamentale dal punto di vista diagnostico». Ricci (Univ. Magna Graecia): «Con autopsie possibile distinguere tra morti di Covid e con Covid»
Via libera alla Certificazione verde Covid-19 in Italia
L’Italia anticipa la diffusione del documento digitale che rende più semplice l'accesso ad eventi e strutture in Italia e che faciliterà dal 1° luglio gli spostamenti in Europa. Tutte le informazioni
Allarme SIRU: «Natalità in calo, ritorniamo a prenderci cura della fertilità»
Antonino Guglielmino, presidente della SIRU: «Recuperiamo visite e interventi rimandati, ma soprattutto creiamo iniziative a favore del grave calo di desiderio di genitorialità»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 giugno, sono 177.438.001 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.842.377 i decessi. Ad oggi, oltre 2,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM