Salute 20 Maggio 2021 17:40

Dislipidemie, i dati parlano chiaro. Binaghi: «L’80% dei soggetti a rischio non raggiunge il valore prefissato di LDL»

«Ci discostiamo di quasi il 20-30. Siamo sicuramente al di sopra della soglia consigliata dalle attuali linee guida europee»

Le linee guida europee hanno obiettivi di trattamento ambiziosi per quanto riguarda i pazienti a rischio alto e molto alto di malattia cardiovascolare. Ma quanto si riesce effettivamente a tenere sotto controllo i loro valori di LDL?

Lo abbiamo chiesto al dottor Giulio Binaghi, cardiologo dell’azienda ospedaliera AoBrotzu di Cagliari. «Le linee guida sono estremamente ambiziose, parliamo di una riduzione del 50% in entrambe le categorie con un target di 55mg/dl. E i dati sono drastici: più dell’80% dei soggetti non raggiunge il valore prefissato» spiega a Sanità Informazione.

Quanto si allontanano dai target richiesti? «Nella mia pratica clinica per i soggetti ad alto rischio e con le terapie attuali standard, ci si attesta ai valori di 80-90mg su decilitro. Ci discostiamo di quasi il 20-30%. Siamo sicuramente al di sopra della soglia consigliata dalle attuali indicazioni europee».

Le motivazioni principali, secondo il dottor Binaghi, sono da ricercare nei farmaci. «Attualmente i farmaci che utilizziamo in prima linea non sono sufficienti a garantire un raggiungimento di questo target – aggiunge – però necessitiamo di altre armi a nostra disposizione per essere immediatamente aggressivi nei pazienti a rischio cardiovascolare alto o molto alto. E, poi, – conclude – la terapia deve sempre essere accompagnata anche da uno stile di vita corretto».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Linee guida SIRU su PMA, la soddisfazione delle associazioni dei pazienti e di Cittadinanzattiva
Compiaciuti il presidente dell’Associazione Hera, Gerardo D’Amico, e il Segretario Generale di Cittadinanzattiva, Anna Lisa Mandorino: «I cittadini coinvolti a pieno titolo nell’elaborazione del documento»
Report AIFA su medicinali, una prescrizione per il 98% degli over 65 in Italia
Vitamina D, aspirina, antibiotici e gastroprotettori sono i farmaci più utilizzati nella popolazione italiana over 65. Nelle RSA troppe prescrizioni di benzodiazepine «spesso associato a importanti eventi avversi e quindi inappropriato»
Entro il 2050 il 75% della popolazione mondiale si trasferirà nei centri urbani. Ma in città ci si ammala di più
Lenzi (Health City Institute): «Riscrivere medicina, clinica e patologia mediche pensando alla città come luogo principale di residenza. Prevenzione cardiovascolare fondamentale per ridurre del 25% la mortalità prematura per malattie non trasmissibili, come raccomandato dall’Italian Urban Health Declaration ai Governi dei Paesi del G20»
di Isabella Faggiano
Torino, il Mauriziano porta il robot in farmacia per un ospedale 4.0
La piattaforma gestisce fino a 30mila confezioni 24 ore su 24, servendo i vari reparti. Gasco (direttore farmacia ospedaliera) «È un robot magazziniere che ridisegna in chiave hi-tech il percorso del medicinale dal fornitore al paziente ricoverato»
di Federica Bosco
Nota 99 AIFA sui farmaci per BPCO, Lombardi (SIMG): «Bene i progressi, ma restano criticità»
Il coordinatore SIMG area Pneumologia: «Con Nota 99 tre progressi per i medici di famiglia. Attesa per ottobre la Nota 100 per il trattamento del diabete»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 15 ottobre, sono 239.611.288 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.882.126 i decessi. Ad oggi, oltre 6,57 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Formazione

Punteggi anonimi per il test di Medicina 2021, a qualcuno non tornano i conti

Si confrontano i punteggi anonimi del test di Medicina 2021 e si fanno le prime previsioni sulla soglia minima per entrare, che oscilla tra due cifre. Intanto in molti lamentano di non aver ricevuto i...