Salute 30 Aprile 2021 12:10

Rischio cardiovascolare, Varbella: «Colesterolo LDL fattore causale più che fattore di rischio»

«Spesso, i nostri laboratori mettono l’asterisco solo quando i valori di colesterolemia totale sono superiori a 200-240-250 che sono dei concetti vecchi» sottolinea il Direttore del dipartimento medico ASL Torino 3

I principali fattori di rischio cardiovascolare sono l’età, il sesso – gli uomini sono colpiti più delle donne – il fumo di sigaretta e l’ipertensione arteriosa.

«Per quanto riguarda l’ipercolesterolemia – spiega a Sanità Informazione Ferdinando Varbella, Direttore del dipartimento medico ASL Torino 3il valore elevato di LDL cioè il colesterolo cattivo e pericoloso, è una frazione del colesterolo totale e rappresenta un fattore causale più che un fattore di rischio. Infatti, è la causa della formazione delle placche, delle ostruzioni all’interno di tutte le arterie dell’organismo, delle coronarie, delle arterie del cervello e delle arterie delle gambe».

Secondo Varbella la connessione tra elevati valori di colesterolo LDL e il rischio di eventi cardiovascolari «è altissima». «Chi non ha mai avuto eventi cardiovascolari deve mantenere dei valori di colesterolo LDL intorno ai 100 al massimo 110. Spesso, i nostri laboratori mettono l’asterisco solo quando i valori sono superiori a 200-240-250 di colesterolemia totale che sono dei concetti vecchi – sottolinea il direttore -. Oggi il colesterolo totale può essere intorno ai 150-160 ma soprattutto il colesterolo LDL nei soggetti che non hanno mai avuto una malattia cardiaca né vascolare deve essere al massimo 100 o in alcuni casi nei soggetti sani e giovani, può arrivare a 110. Chi invece ha già avuto un evento cardiovascolare dimostrata deve stare su valori di 55 di LDL il che vuol dire grosso modo un colesterolo totale intorno ai 110-120 non di più».

«Infine – conclude Varbella – chi ha avuto più eventi cardiovascolari, un infarto o un’angioplastica della coronarica o un’ischemia celebrale, deve tenere dei valori colesterolo LDL al di sotto di 40 mg/dl quindi un colesterolo totale abbondantemente sotto i 100».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Colesterolo LDL, solo il 20% dei pazienti raggiunge il target. Vediamo perché
Per ridurre il colesterolo LDL bisogna migliorare l’aderenza terapeutica. Franco Pazzucconi (Niguarda): «Già a sei mesi dall’inizio della terapia con statina il 50% dei pazienti abbandona. A 12 mesi siamo al 60%»
Colesterolo, De Ferrari: «Nel 90% dei pazienti impossibile abbassare i valori di LDL con un solo farmaco»
The lower the better ma anche The earlier the lower the better. Dobbiamo ridurre anche precocemente i valori di LDL nel paziente a rischio molto alto»
Dislipidemie, i dati parlano chiaro. Binaghi: «L’80% dei soggetti a rischio non raggiunge il valore prefissato di LDL»
«Ci discostiamo di quasi il 20-30. Siamo sicuramente al di sopra della soglia consigliata dalle attuali linee guida europee»
“Vicini di Colesterolo”: le vicissitudini di un condominio italiano insegnano a prevenire l’ipercolesterolemia
In occasione della Prima Giornata della Prevenzione Cardiovascolare, Daiichi Sankyo Italia lancia la divertente serie web. Presto anche su Amazon Prime Video
Le linee guida per tornare a visitare i parenti nelle Rsa, Federanziani: «Attenzione anche all’aspetto psicologico»
Green Pass e misure di sicurezza per riaprire le Rsa: «Per gli anziani il lockdown non è mai finito»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 3 agosto, sono 198.944.127 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.236.600 i decessi. Ad oggi, oltre 4.15 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Covid-19, che fare se...?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
Salute

Guida al Green pass, può essere revocato? Serve anche ai ragazzi? Le risposte di Cittadinanzattiva

Chi ne è esentato? E cosa deve fare chi è guarito? Intervista a Isabella Mori, Responsabile del servizio tutela di Cittadinanzattiva