Salute 25 Luglio 2019

Come ti diagnostico l’aneurisma con algoritmi e calcoli matematici. La ricerca dell’università di Perugia

«Il nostro obiettivo è consentire la diagnosi di alcune patologie vascolari anche nei pazienti che non possono sottoporsi a TC con mezzo di contrasto», spiega il ricercatore Danilo Costarelli

Immagine articolo

Diagnosticare un aneurisma dell’aorta addominale con algoritmi e modelli matematici? Potrebbe essere presto possibile. È questa infatti l’idea alla base della ricerca condotta dal dipartimento di matematica e informatica dell’università di Perugia e dal reparto di chirurgia vascolare dell’ospedale del capoluogo umbro. Un metodo che permetterebbe di giungere alla diagnosi di alcune patologie vascolari anche in quei pazienti che non possono sottoporsi ad una TC con mezzo di contrasto.

LEGGI ANCHE: ROMA, ALL’UMBERTO I ARRIVA IL ROBOT DA VINCI. GAUDIO (RETTORE SAPIENZA): «PERMETTE L’APPLICAZIONE DELLE TECNOLOGIE PIÙ AVANZATE»

LA DIAGNOSI DELL’ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE

«Oggi la procedura standard per la diagnosi dell’aneurisma prevede l’utilizzo di immagini TC eseguite con mezzo di contrasto – spiega Danilo Costarelli, ricercatore presso il dipartimento di matematica e informatica dell’università di Perugia -. Tuttavia, l’utilizzo del mezzo di contrasto comporta una serie di problematiche soprattutto in pazienti che soffrono di severe patologie renali, per i quali questa tecnica non può essere utilizzata».

I BENEFICI DELLA RICERCA

«La nostra idea – prosegue il dottor Costarelli – è di utilizzare per questi pazienti un’immagine TC eseguita senza mezzo di contrasto e lavorare su di essa con degli algoritmi di digital image processing per ottenere lo stesso risultato che si otterrebbe con una TC con il mezzo di contrasto».

I RISULTATI DELLA RICERCA

«Dai primi test che abbiamo condotto, pubblicati in due lavori, emergono risultati incoraggianti – aggiunge il ricercatore -. Il chirurgo vascolare riuscirebbe ad effettuare una diagnosi qualitativamente equivalente a quella che sarebbe in grado di ottenere con la TC con il mezzo di contrasto».

L’algoritmo è stato già ottimizzato, ma la strada da percorrere per arrivare ad un prodotto utilizzabile dai medici è ancora lunga: «Il nostro è un primo studio fatto da pochi ricercatori, ma se questo lavoro fosse sviluppato da aziende che dispongono di tecnologie e gruppi di ricerca adeguati, si potrebbe dar vita in poco tempo ad un prodotto finito», conclude Costarelli.

Articoli correlati
Covid-19 in giovani sani, perché alcuni sono asintomatici e altri in terapia intensiva? La risposta (forse) nei geni
Dalle mutazioni del recettore ACE2 alle differenze nel sistema dell'antigene leucocitario umano, le ipotesi in campo
Coronavirus, al via studio sul rapporto tra gravità dell’infezione e patologie preesistenti
Coordinata dall’I.R.C.C.S. Neuromed, parte una ricerca che ha già visto l’adesione di 18 centri clinici su tutto il territorio nazionale, con un notevole interesse anche da centri internazionali
Coronavirus, Spallanzani e Fondazione Toscana Life Sciences insieme per lo sviluppo di anticorpi monoclonali
L’Istituto Spallanzani e la Fondazione Toscana Life Sciences annunciano un accordo per lo sviluppo di anticorpi monoclonali in risposta all’infezione da SARS-CoV-2
La sanità è ancora pubblica: una lezione dal Covid-19
La recente insorgenza pandemica del Covid-19 ha mostrato, nei Paesi più colpiti quali l’Italia, l’importanza del sistema pubblico sanitario e della ricerca. Ciò, a dispetto della recente direzione verso il servizio privatizzato, o a prestazione, che aveva messo in dubbio l’efficacia del sistema di “welfare state”
di Luca Mazzacane
Risk management, Relyens sigla cinque partenariati tecnologici per rafforzare la sicurezza
Relyens, gruppo mutualistico europeo di riferimento nel settore assicurazione e gestione rischi per gli operatori sanitari e territoriali, rafforza il suo approccio globale ai rischi proponendo soluzioni di prevenzione basate sull’utilizzo dei dati e dell’intelligenza artificiale. Le nuove soluzioni sono offerte grazie a cinque partenariati esclusivi siglati con partner tecnologici di prim’ordine e focalizzati su […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 31 marzo, sono 786.291 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 37.820 i decessi e 166.088 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bollettino...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...