Salute 18 Luglio 2019

Roma, all’Umberto I arriva il robot Da Vinci. Gaudio (Rettore Sapienza): «Permette l’applicazione delle tecnologie più avanzate»

Presentato oggi al Policlinico Umberto I di Roma il robot Da Vinci, strumento avanzato nell’ambito della chirurgia mininvasiva, già attivo da qualche mese con 120 interventi di chirurgia urologica già eseguiti, finanziato dalla Fondazione Roma

di Lucia Oggianu

Il Robot Da Vinci sbarca al Policlinico Umberto I di Roma. «Una tappa fondamentale per il Policlinico – dichiara il Magnifico Rettore della Sapienza Eugenio Gaudio durante la cerimonia di presentazione – sia per una migliore cura dei pazienti ma anche per la formazione e la specializzazione dei nostri medici specialisti chirurghi. È importante che i nostri studenti abbiano un centro di chirurgia robotica all’avanguardia per affrontare le sfide che il futuro ci propone».

Più di 5mila le piattaforme Da Vinci presenti nel mondo di cui più di 800 le installazioni in Europa, con 114 sistemi da Vinci in Italia, dove gli interventi effettuati nel 2018 hanno superato quota 20mila, con un incremento percentuale del 18% rispetto al 2017.

Cos’è e come funziona

Il robot Da Vinci consente trattamenti chirurgici avanzati che rientrano negli standard di cura con il raggiungimento di risultati equivalenti o superiori a quelli ottenibili con la chirurgia tradizionale.

Il chirurgo gestisce il sistema attraverso una consolle computerizzata posta all’interno della sala operatoria e il sistema trasferisce il movimento delle sue mani a strumenti miniaturizzati con una più facile articolazione e rotazione degli strumenti. Tali benefici si avvertono soprattutto negli interventi più complessi in zone di difficile approccio. La visione tridimensionale full HD, con ingrandimento fino a 10 volte, assicura una grande chiarezza e precisione dei dettagli anatomici.

Campi di applicazione

I campi di applicazione sono molteplici: dalla chirurgia digestiva, epato-biliare, endocrina, toracica e ORL. La posizione preminente è rappresentata dalla chirurgia urologica e della pelvi, dove viene considerata in tutto il mondo gold standard.

I benefici della chirurgia robotica da Vinci

Numerosi sono vantaggi rispetto alla chirurgia open, alla chirurgia laparoscopica tradizionale o alla più avanzata laparoscopica teleassistita, sia dal punto di vista degli operatori che dei pazienti. Tra questi: la radicalità oncologica, ovvero la possibilità di asportare completamente la massa tumorale, un più facile accesso alle anatomie difficoltose, eccellente visualizzazione dei reperi anatomici, visualizzazione dettagliata dei piani di clivaggio, maggiore precisione nella procedura demolitiva e della possibilità ricostruttiva, accuratezza del movimento chirurgico ed eliminazione del tremore fisiologico, minor tempo operatorio rispetto alla laparoscopia.

Dal punto di vista del paziente, poi, si possono aggiungere i vantaggi legati al minore dolore post-operatorio e della necessità di trasfusioni nonché dei tempi di ospedalizzazione. A questi, si aggiungono i migliori risultati estetici e una più veloce ripresa della normale attività.

Articoli correlati
Come ti diagnostico l’aneurisma con algoritmi e calcoli matematici. La ricerca dell’università di Perugia
«Il nostro obiettivo è consentire la diagnosi di alcune patologie vascolari anche nei pazienti che non possono sottoporsi a TC con mezzo di contrasto», spiega il ricercatore Danilo Costarelli
Diabete: sana alimentazione, movimento fisico e adeguata terapia i pilastri fondamentali per la cura
«Serve approccio globale. È importante la conoscenza e la condivisione con il medico curante e il coinvolgimento con le associazioni di pazienti» così la diabetologa e presidente IBDO Foundation, Simona Frontoni, in occasione del 12° Italian Diabets Barometer Forum
di Lucia Oggianu
Golfo Napoli, al via teleconsulto in sanità per le isole
Parte il progetto “Isole” in Campania per il teleconsulto in materia di sanità a Procida, Ischia e Capri. La Regione, infatti, ha attivato le procedure per migliorare i livelli di assistenza nelle aree cosiddette “disagiate” del territorio campano. Questo progetto ha l’obiettivo di garantire alti livelli di continuità ed assistenza tra ospedale e territorio. Il […]
«Nessun robot potrà sostituire il medico», gli Stati Generali della professione si interrogano sul rapporto con la scienza
«Nessun algoritmo potrà mai sostituire il medico, perché l'arte professionale sta nell'interpretare i dati secondo le esigenze del paziente», ha spiegato il presidente FNOMCeO, Filippo Anelli aprendo la due giorni di dibattiti dedicati al rapporto tra il medico, la scienza e la società
21 giugno 2019: Giornata Nazionale per la lotta contro leucemie, linfomi e mieloma
La parola Leucemia oggi fa meno paura. Grazie alle nuove terapie su misura è possibile selezionare la cura più adatta alle caratteristiche del paziente e della sua malattia, e grazie alla ricerca le leucemie acute, le mielodisplasie e molti tumori del sangue sono malattie sempre più curabili. È all’insegna della speranza per i pazienti e […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone