Salute 25 Gennaio 2019

Diabete, Raffaella Buzzetti (endocrinologa) : «Nuovi farmaci: ecco come l’innovazione migliora la qualità di vita dei pazienti»

Il Rettore della Sapienza Eugenio Gaudio: «L’università ha il dovere di formare e aggiornare gli specialisti su tutte le novità diagnostiche e terapeutiche. Patologie complesse come il diabete di tipo 1 richiedono competenza e preparazione»

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

I diabetici possono dire addio agli aghi: la glicemia può essere misurata con un sensore interstiziale  e l’insulina somministrata senza iniezione. Sono solo due delle novità che hanno migliorato la vita dei pazienti, specialmente di coloro che, affetti dal  diabete di tipo 1, devono fare in conti con questa patologia per tutta la vita.

Ed è stata proprio l’innovazione, in campo diagnostico e terapeutico, il tema al centro del corso ECM “Le nuove sfide per la gestione e la cura del diabete di tipo 1”, tenutosi nei giorni scorsi Roma e promosso dal dipartimento di Medicina Sperimentale dell’università la Sapienza.

«Negli ultimi 20 anni la qualità di vita dei pazienti diabetici è migliorata in maniera sostanziale – ha commentato  Raffaella Buzzetti, professore associato di Endocrinologia all’università la Sapienza di Roma e responsabile scientifico del Corso – soprattutto grazie al contributo delle nuove tecnologie. Oggi, è possibile controllare la glicemia interstiziale utilizzando dei sensori, un metodo non invasivo, adatto soprattutto ai bambini». Nessuna puntura, né con ago, né con spillo: la goccia di sangue normalmente utilizzata per la misurazione con il classico glucometro non è necessaria, è sufficiente il contatto con la pelle.

Anche l’erogazione dell’insulina ha subìto una rivoluzione: «Attualmente – ha aggiunto la professoressa – può essere effettuata attraverso un apparecchio che non impone l’iniezione tramite ago». Ugualmente notevoli i contributi offerti dalla ricerca in campo farmacologico: «Le insuline oggi utilizzate – ha spiegato Buzzetti – sono molto più efficaci e provocano meno ipoglicemia, rispetto a quelle di vecchia generazione».

E a beneficiare di queste innovazioni che semplificano la vita quotidiana non sono in pochi: «La diffusione del diabete mellito è in aumento: ne soffre il 6-7 % della popolazione italiana. Il 90% di questi pazienti – ha spiegato la professoressa di Endocrinologia all’università Sapienza – è affetto dal diabete di tipo 2, mentre il restante 10% dal diabete di tipo 1. Quest’ultimo, in particolare, si può manifestare a qualsiasi età, con un picco di incidenza nel periodo dell’infanzia, verso i 5 anni, e in adolescenza, a circa 12 anni. Ciò non esclude che si possa ammalare di diabete di tipo 1 !anche una persona di 60 anni. Generalmente, quando il diabete autoimmune si manifesta in età adulta si tratta di forma specifica della malattia chiamata Lada (acronimo dall’inglese: Latent Autoimmune Diabetes in Adults) ed ha una evoluzione molto più lenta e una diagnosi meno rilevante e drammatica, rispetto a quando si verifica nei primi anni di vita».

Affinché i pazienti possano beneficiare di tutte le innovazioni diagnostiche e terapeutiche disponibili, gli specialisti che le utilizzano devono costantemente informarsi per rimanere al passo coi tempi. «L’università – ha detto Eugenio Gaudio, Rettore dell’Università Sapienza di Roma – ha un compito importante: formare ed aggiornare i nuovi medici su tutte le novità diagnostiche e terapeutiche che, per il diabete di tipo 1, sono piuttosto notevoli. Innanzitutto è cambiata la conoscenza di questa patologia: oggi abbiamo molte più informazioni da un punto di vista patogenico. Basti pensare che quando io ero uno studente – ha raccontato il Rettore – il diabete di tipo 1 era chiamato diabete insulino-dipendente.I nostri medici, i nostri specialisti – ha aggiunto Gaudio – devono essere preparati ad affrontare e bilanciare le cure di questa malattia che, in quanto cronica, insorge in giovanissima età ed accompagna il paziente per decenni e decenni. Un compito impegnativo, dunque, e l’unico modo per affrontarlo – ha concluso – è essere competenti e preparati».

Articoli correlati
Diabete e intelligenza artificiale, un aiuto anche nel trattamento psicologico del paziente
L’efficacia dell’uso di un trattamento psicologico nel percorso di cura, unita alla generazione di un risparmio per il SSN, è stata confermata. L'Intelligenza Artificiale (IA) può avere un grande impatto, soprattutto sugli aspetti di personalizzazione degli interventi, nonché di monitoraggio e miglioramento dell’aderenza ai processi di cura
di Mara Lastretti (Ordine Psicologi Lazio) e Tommaso Ciulli (Ordine Psicologi Toscana)
Senior Italia FederAnziani e Sumai: «A MMG e specialisti del territorio facoltà di prescrivere farmaci per diabete e patologie respiratorie»
«Esiste, infatti, un numero irragionevole di piani terapeutici che generano visite specialistiche finalizzate esclusivamente al rinnovo del piano, con pesanti ricadute sulla vita dei pazienti, in particolar modo degli anziani e dei più fragili» sottolineano le due associazioni
Diabete, oltre l’insulina: medicina di precisione, big data e nuove tecnologie sono la frontiera
Intervista al professor Stefano del Prato, presidente della European Association for the Study of Diabetes: «La vita dei pazienti diabetici e la gestione della patologia cambieranno in maniera drastica»
di Tommaso Caldarelli
Il 30% delle vittime del Covid-19 aveva il diabete. Ora è il ‘lockdown terapeutico’ a far paura
Frontoni (IBDO Foundation): «Potenziare i servizi di rete». L'onorevole Pella: «Puntare su telemedicina e approvare piano per la banda ultra-larga»
di Tommaso Caldarelli
“Il rumore del silenzio”, un libro per dar voce ai milanesi protagonisti dell’emergenza
Il presidente di Milano Cities Changing Diabetes che ha ideato il progetto: «30% dei malati di diabete vittime del coronavirus. Al via lo studio per capire come funzionano i servizi nell’era Covid»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...