Salute 27 luglio 2018

Sapienza, la formazione universitaria cambia passo ed entra nel futuro. Rettore Gaudio: «Cambiamento epocale per i nostri medici»

Tre laboratori ad alta tecnologia per simulare pratiche mediche in situazioni di crisi o emergenza e la Biblioteca automatizzata di Architettura. Questi gli interventi di potenziamento della didattica realizzati alla Sapienza grazie al sostegno della Fondazione Roma

Immagine articolo

Simulation training, ambienti virtuali e servizi automatizzati. Il Rettore Eugenio Gaudio, nella bellissima Sala del Senato Accademico, ha presentato gli Skill Labs di area medica e i progetti realizzati alla Sapienza con il contributo della Fondazione Roma. L’istituzione, per espressa volontà del suo Presidente – il Professor Emmanuele Francesco Maria Emanuele –  ha stanziato 5.900.000 euro a conclusione del programma triennale di attuazione degli interventi.

Il senso dei progetti è superare la modalità di insegnamento classico e didascalico, favorire la partecipazione attiva degli studenti al processo di apprendimento e migliorare la qualità della didattica: «Parliamo di un cambiamento epocale nei paradigmi della formazione del medico, che ci porteremo avanti nelle prossime generazioni – ha commentato il Magnifico Rettore -.  La Sapienza, la più grande università italiana ed europea non può rimanere indietro: deve reggere anche quella che è una sfida formativa che ormai proviene da tutto il mondo» ha aggiunto.

Le nuove strutture predisposte sono Skill labs dotati di apparecchiature sofisticate in cui si realizzano simulazioni su “pazienti virtuali” che possono essere collegati a monitor identici a quelli utilizzati in strutture di area critica. Questo consente di valutare l’adeguatezza degli interventi effettuati da studenti o team di studenti (specializzandi, medici, infermieri). Una strumentazione all’avanguardia che promette di potenziare l’apprendimento e rafforzare la capacità di lavoro di squadra nei giovani orientati a diverse specializzazioni cliniche.

Gli strumenti di simulazione altamente tecnologici (simulation and training) sono ormai diventati un punto fermo della formazione medica: la Sapienza si dota così di strutture che consentono di apprendere la base dell’attività clinica in condizioni di assoluta sicurezza ed eticità, prima di passare alla fase diretta sul paziente. Infatti, nei laboratori si lavorerà nel campo degli interventi in urgenza e in condizioni di crisi, simulando alterazioni cardiocircolatorie, respiratorie e renali o anche per valutare gli effetti di particolari interazioni farmacologiche e simulazioni di chirurgia laparoscopica. Fiore all’occhiello la tavola anatomica digitale, unica in Italia: è uno schermo 3d interattivo da 65 pollici che riproduce gli organi interni condividendo le cartelle cliniche di tutto il mondo in cloud.

QUI PER IL VIDEO DI PRESENTAZIONE DEI PROGETTI

Il Rettore e il Presidente della Fondazione Roma hanno visitato insieme i laboratori del Policlinico Umberto I: «Sono da sempre convinto – ha spiegato il Presidente – della rilevanza strategica di una formazione universitaria di qualità per un Paese che vuole restare competitivo e moderno -. Da questa convinzione, ho fatto scaturire l’impegno della Fondazione Roma a sostenere le realtà accademiche di eccellenza nella realizzazione di interventi concreti che realizzano opportunamente questi obiettivi». La Fondazione Roma, infatti, è da sempre molto attiva nel settore della sanità, sia con iniziative proprie che con la promozione di attività ritenute in linea con i suoi obiettivi e i suoi standard qualitativi.

  • Skill Labs Sapienza

«Il mondo si evolve con quotidianità stellare e bisogna adeguarsi al mondo che cambia sinergizzandosi con la nostra attività filantropica e di sostegno alla società civile con quelle realtà, come La Sapienza, che hanno questa sensibilità e capacità di realizzare iniziative come quelle prospettate – ha specificato il Presidente ai microfoni di Sanità Informazione -. Mi sento parte di questa università che mi è rimasta nel cuore: siamo sempre presenti, per mia vocazione, nel campo della salute, nel campo della ricerca scientifica collegata alla salute, dell’istruzione e della cultura. Tutti questi mondi oggi hanno una spinta assolutamente imprevista rispetto al passato che sta facendo sì che l’evoluzione tecnologica prevalga costantemente nella ricerca di un’ottimizzazione di questi risultati. È importante investire nella formazione universitaria – ha concluso – perché i giovani sono il nostro futuro e devono essere competitivi: ciò scaturisce da modelli formativi analoghi a quelli degli altri paesi. I nostri giovani devono stare al passo e competere con il mondo orientale, che sta esplodendo in un modo spaventoso».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

 

Articoli correlati
Contratto, Grillo ai medici: «Siamo dalla vostra parte». Ma per il fondo sanitario solo 1 mld in più nel 2019. Poi annuncia: «Utilizzeremo specialisti al quinto anno di corso»
A margine della presentazione dell’operazione “Estate tranquilla 2018” dei NAS, il Ministro torna sul tema del numero chiuso: «Abolizione sarà graduale, ma prima tavolo con università». E chiarisce: «Ci vuole una programmazione più lunga, non è pensabile esaurire un intero programma elettorale in tre mesi»
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
Il Provider deve richiedere a tutti i relatori l’autocertificazione sul conflitto d’interessi indipendentemente dalla presenza dell’eventuale conflitto?
Il Provider deve richiedere a tutti i relatori l’autocertificazione sul conflitto d’interessi indipendentemente dalla presenza dell’eventuale conflitto? Il Provider deve acquisire la dichiarazione dei rapporti, degli ultimi due anni, di relatori/moderatori/formatori con soggetti portatori d’interessi commerciali in campo sanitario. I docenti, i moderatori, i formatori devono dichiarare eventuali rapporti con aziende con interessi commerciali in […]
Giornata della Salute Mentale, Ministro Grillo al Museo della Mente: «Serve cambiamento culturale per accettare malattia»
Una visita al Museo della Mente dell’ASL Roma 1 (ex manicomio di S. Maria delle Pietà) per celebrare la Giornata mondiale della salute mentale promossa dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) per il 10 ottobre. Protagonista il ministro della Salute Giulia Grillo. «Nella Giornata mondiale dedicata alla salute mentale – ha detto Grillo – ho voluto visitare […]
Sanità, a Milano nasce il nuovo Centro di Formazione Avanzata e Simulazione (CeFAeS)
Da tempo la formazione esperienziale ha raggiunto e abbracciato l’ambito sanitario. Non più solo lezioni teoriche di tipo frontale ma vere e proprie simulazioni di ciò che accade nella pratica clinica quotidiana. In quest’ottica, apre i battenti a Milano una struttura innovativa e unica nel suo genere. Verrà infatti inaugurato il 24 ottobre prossimo, a […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila