Salute 27 luglio 2018

Sapienza, la formazione universitaria cambia passo ed entra nel futuro. Rettore Gaudio: «Cambiamento epocale per i nostri medici»

Tre laboratori ad alta tecnologia per simulare pratiche mediche in situazioni di crisi o emergenza e la Biblioteca automatizzata di Architettura. Questi gli interventi di potenziamento della didattica realizzati alla Sapienza grazie al sostegno della Fondazione Roma

Immagine articolo

Simulation training, ambienti virtuali e servizi automatizzati. Il Rettore Eugenio Gaudio, nella bellissima Sala del Senato Accademico, ha presentato gli Skill Labs di area medica e i progetti realizzati alla Sapienza con il contributo della Fondazione Roma. L’istituzione, per espressa volontà del suo Presidente – il Professor Emmanuele Francesco Maria Emanuele –  ha stanziato 5.900.000 euro a conclusione del programma triennale di attuazione degli interventi.

Il senso dei progetti è superare la modalità di insegnamento classico e didascalico, favorire la partecipazione attiva degli studenti al processo di apprendimento e migliorare la qualità della didattica: «Parliamo di un cambiamento epocale nei paradigmi della formazione del medico, che ci porteremo avanti nelle prossime generazioni – ha commentato il Magnifico Rettore -.  La Sapienza, la più grande università italiana ed europea non può rimanere indietro: deve reggere anche quella che è una sfida formativa che ormai proviene da tutto il mondo» ha aggiunto.

Le nuove strutture predisposte sono Skill labs dotati di apparecchiature sofisticate in cui si realizzano simulazioni su “pazienti virtuali” che possono essere collegati a monitor identici a quelli utilizzati in strutture di area critica. Questo consente di valutare l’adeguatezza degli interventi effettuati da studenti o team di studenti (specializzandi, medici, infermieri). Una strumentazione all’avanguardia che promette di potenziare l’apprendimento e rafforzare la capacità di lavoro di squadra nei giovani orientati a diverse specializzazioni cliniche.

Gli strumenti di simulazione altamente tecnologici (simulation and training) sono ormai diventati un punto fermo della formazione medica: la Sapienza si dota così di strutture che consentono di apprendere la base dell’attività clinica in condizioni di assoluta sicurezza ed eticità, prima di passare alla fase diretta sul paziente. Infatti, nei laboratori si lavorerà nel campo degli interventi in urgenza e in condizioni di crisi, simulando alterazioni cardiocircolatorie, respiratorie e renali o anche per valutare gli effetti di particolari interazioni farmacologiche e simulazioni di chirurgia laparoscopica. Fiore all’occhiello la tavola anatomica digitale, unica in Italia: è uno schermo 3d interattivo da 65 pollici che riproduce gli organi interni condividendo le cartelle cliniche di tutto il mondo in cloud.

QUI PER IL VIDEO DI PRESENTAZIONE DEI PROGETTI

Il Rettore e il Presidente della Fondazione Roma hanno visitato insieme i laboratori del Policlinico Umberto I: «Sono da sempre convinto – ha spiegato il Presidente – della rilevanza strategica di una formazione universitaria di qualità per un Paese che vuole restare competitivo e moderno -. Da questa convinzione, ho fatto scaturire l’impegno della Fondazione Roma a sostenere le realtà accademiche di eccellenza nella realizzazione di interventi concreti che realizzano opportunamente questi obiettivi». La Fondazione Roma, infatti, è da sempre molto attiva nel settore della sanità, sia con iniziative proprie che con la promozione di attività ritenute in linea con i suoi obiettivi e i suoi standard qualitativi.

  • Skill Labs Sapienza

«Il mondo si evolve con quotidianità stellare e bisogna adeguarsi al mondo che cambia sinergizzandosi con la nostra attività filantropica e di sostegno alla società civile con quelle realtà, come La Sapienza, che hanno questa sensibilità e capacità di realizzare iniziative come quelle prospettate – ha specificato il Presidente ai microfoni di Sanità Informazione -. Mi sento parte di questa università che mi è rimasta nel cuore: siamo sempre presenti, per mia vocazione, nel campo della salute, nel campo della ricerca scientifica collegata alla salute, dell’istruzione e della cultura. Tutti questi mondi oggi hanno una spinta assolutamente imprevista rispetto al passato che sta facendo sì che l’evoluzione tecnologica prevalga costantemente nella ricerca di un’ottimizzazione di questi risultati. È importante investire nella formazione universitaria – ha concluso – perché i giovani sono il nostro futuro e devono essere competitivi: ciò scaturisce da modelli formativi analoghi a quelli degli altri paesi. I nostri giovani devono stare al passo e competere con il mondo orientale, che sta esplodendo in un modo spaventoso».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

 

Articoli correlati
Roma, il Natale al Gemelli con i vip dello spettacolo e dello sport
“Natale al Gemelli” si svolgerà domani, mercoledì 19 dicembre, dalle ore 11.00 alle 19.00, nella Hall del Policlinico Universitario A. Gemelli IRCCS, con numerosi beniamini del pubblico, personaggi del mondo dello sport e dello spettacolo, che interverranno in ospedale per attendere la festa più bella in musica e allegria insieme ai degenti ai più piccoli, […]
Formazione ECM, Ugenti (Ministero Salute): «Un dovere e un’opportunità, anche per i nuovi professionisti sanitari»
Intervenuta al convegno Agenas dedicato alla formazione continua nel settore salute, la direttrice generale delle professioni sanitarie invita medici e operatori ad adempiere all’obbligo dell’aggiornamento: «È un principio strettamente legato alla professione»
di Cesare Buquicchio e Giulia Cavalcanti
Laurea in audioprotesi? Disoccupazione zero. Gruppioni (Anap): «Nuovo Ordine delle professioni sanitarie è grande aiuto per contrasto ad abusivi»
In Italia, 4mila audioprotesisti per 8 milioni di persone con problemi di udito. «I giovani audioprotesisti - ha spiegato Gruppioni - trovano una prima occupazione entro un anno dal conseguimento del titolo. I professionisti laureati vengono tutti assunti perché la domanda e gli investimenti delle aziende audioprotesiche sono considerevoli»
di Isabella Faggiano
 A chi compete la certificazione dei crediti formativi erogati dal Provider?
La certificazione compete esclusivamente all’Ordine, Collegio o Associazione professionale di appartenenza del partecipante all’evento. Spetta al Provider, oppure nel caso della sperimentazione, all’ente accreditante, inviare i dati al COGEAPS che li rende disponibili alle suddette istituzioni per la certificazione (cfr.: Accordo Stato-Regioni 5 novembre 2009).
Grillo a Consiglio nazionale Fnopi: «Stiamo lavorando a superamento blocco assunzioni. Presto in Css ci saranno anche infermieri»  
Il ministro ha sottolineato: «Gli infermieri saranno giocatori titolari nella partita del futuro del Servizio sanitario nazionale». E la presidente dell’Ordine Barbara Mangiacavalli le dona un libro fotografico sugli infermieri
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...
Formazione

Formazione ECM, c’è tempo fino al 2019 per mettersi in regola. La proposta di Lenzi (Area medica): «Rafforzare obbligo crediti in alcune discipline»

Delibera Agenas stabilisce che per il triennio 2014/2016 si potranno utilizzare i crediti maturati nel periodo 2017/2019. Il presidente del Comitato di Biosicurezza e Biotecnologie e membro della Comm...