Formazione 27 Luglio 2018

Sapienza, la formazione universitaria cambia passo ed entra nel futuro. Rettore Gaudio: «Cambiamento epocale per i nostri medici»

Tre laboratori ad alta tecnologia per simulare pratiche mediche in situazioni di crisi o emergenza e la Biblioteca automatizzata di Architettura. Questi gli interventi di potenziamento della didattica realizzati alla Sapienza grazie al sostegno della Fondazione Roma

Immagine articolo

Simulation training, ambienti virtuali e servizi automatizzati. Il Rettore Eugenio Gaudio, nella bellissima Sala del Senato Accademico, ha presentato gli Skill Labs di area medica e i progetti realizzati alla Sapienza con il contributo della Fondazione Roma. L’istituzione, per espressa volontà del suo Presidente – il Professor Emmanuele Francesco Maria Emanuele –  ha stanziato 5.900.000 euro a conclusione del programma triennale di attuazione degli interventi.

Il senso dei progetti è superare la modalità di insegnamento classico e didascalico, favorire la partecipazione attiva degli studenti al processo di apprendimento e migliorare la qualità della didattica: «Parliamo di un cambiamento epocale nei paradigmi della formazione del medico, che ci porteremo avanti nelle prossime generazioni – ha commentato il Magnifico Rettore -.  La Sapienza, la più grande università italiana ed europea non può rimanere indietro: deve reggere anche quella che è una sfida formativa che ormai proviene da tutto il mondo» ha aggiunto.

Le nuove strutture predisposte sono Skill labs dotati di apparecchiature sofisticate in cui si realizzano simulazioni su “pazienti virtuali” che possono essere collegati a monitor identici a quelli utilizzati in strutture di area critica. Questo consente di valutare l’adeguatezza degli interventi effettuati da studenti o team di studenti (specializzandi, medici, infermieri). Una strumentazione all’avanguardia che promette di potenziare l’apprendimento e rafforzare la capacità di lavoro di squadra nei giovani orientati a diverse specializzazioni cliniche.

Gli strumenti di simulazione altamente tecnologici (simulation and training) sono ormai diventati un punto fermo della formazione medica: la Sapienza si dota così di strutture che consentono di apprendere la base dell’attività clinica in condizioni di assoluta sicurezza ed eticità, prima di passare alla fase diretta sul paziente. Infatti, nei laboratori si lavorerà nel campo degli interventi in urgenza e in condizioni di crisi, simulando alterazioni cardiocircolatorie, respiratorie e renali o anche per valutare gli effetti di particolari interazioni farmacologiche e simulazioni di chirurgia laparoscopica. Fiore all’occhiello la tavola anatomica digitale, unica in Italia: è uno schermo 3d interattivo da 65 pollici che riproduce gli organi interni condividendo le cartelle cliniche di tutto il mondo in cloud.

QUI PER IL VIDEO DI PRESENTAZIONE DEI PROGETTI

Il Rettore e il Presidente della Fondazione Roma hanno visitato insieme i laboratori del Policlinico Umberto I: «Sono da sempre convinto – ha spiegato il Presidente – della rilevanza strategica di una formazione universitaria di qualità per un Paese che vuole restare competitivo e moderno -. Da questa convinzione, ho fatto scaturire l’impegno della Fondazione Roma a sostenere le realtà accademiche di eccellenza nella realizzazione di interventi concreti che realizzano opportunamente questi obiettivi». La Fondazione Roma, infatti, è da sempre molto attiva nel settore della sanità, sia con iniziative proprie che con la promozione di attività ritenute in linea con i suoi obiettivi e i suoi standard qualitativi.

  • Skill Labs Sapienza

«Il mondo si evolve con quotidianità stellare e bisogna adeguarsi al mondo che cambia sinergizzandosi con la nostra attività filantropica e di sostegno alla società civile con quelle realtà, come La Sapienza, che hanno questa sensibilità e capacità di realizzare iniziative come quelle prospettate – ha specificato il Presidente ai microfoni di Sanità Informazione -. Mi sento parte di questa università che mi è rimasta nel cuore: siamo sempre presenti, per mia vocazione, nel campo della salute, nel campo della ricerca scientifica collegata alla salute, dell’istruzione e della cultura. Tutti questi mondi oggi hanno una spinta assolutamente imprevista rispetto al passato che sta facendo sì che l’evoluzione tecnologica prevalga costantemente nella ricerca di un’ottimizzazione di questi risultati. È importante investire nella formazione universitaria – ha concluso – perché i giovani sono il nostro futuro e devono essere competitivi: ciò scaturisce da modelli formativi analoghi a quelli degli altri paesi. I nostri giovani devono stare al passo e competere con il mondo orientale, che sta esplodendo in un modo spaventoso».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

 

Articoli correlati
Questionario assicurativo, come compilarlo in caso di avviso di garanzia dopo denuncia/querela da parte di paziente?
Sono un Cardiochirurgo e mi sto accingendo a compilare un questionario assicurativo per poter richiedere un preventivo. Nel moduli di preventivazione trovo 2 domande alle quali non so rispondere in quanto come Medico ospedaliero (pubblico), nel 2017 ho ricevuto un avviso di garanzia dopo una denuncia/querela da parte di un paziente. La mia azienda non […]
Con lockdown medici in ferie forzate, a rischio indennizzo. C&P: «Nostri legali a lavoro per tutelare diritto»
"Costretti" dal datore di lavoro a prendere ferie pregresse forzate, non avranno alcun diritto all'indennizzo per "ferie non godute" riconosciuto qualche settimana fa da una sentenza della Corte Suprema. Consulcesi & partners: «I nostri legali a lavoro per tutelare un diritto sancito dalla Corte Suprema».
Covid, Esposito (FISMU): «Medici nelle scuole ma non dimentichiamo il territorio»
Il Segretario generale della Federazione Italiana Sindacale dei Medici Uniti lancia un appello al ministro Speranza: «Unica strada per controllare epidemia è assumere medici e stabilizzare i precari. Servono risorse nuove, a partire dal MES»
Sanità lombarda: il ruolo delle Professioni Sanitarie nella riforma della L.R. 23/2015. Un ponte fra paziente e territorio
All’incontro del luglio scorso, organizzato dai vertici della Sanità di Regione Lombardia, presenti gli ordini TSRM e PSTRP di Milano, Como, Lecco, Lodi, Monza Brianza e Sondrio per delineare i passi da compiere nell’attuazione della Legge Regionale n. 23/2015 che regola il sistema sociosanitario lombardo
Recovery Fund, Fnopo: «Evento storico. Implementare ostetrica di famiglia e di comunità»
«D’ora in poi non sarà più possibile, né credibile, rimandare la realizzazione di progetti di riforma della rete assistenziale portando a motivazione la mancanza di fondi adeguati» precisa la Federazione Nazionale degli Ordini della Professione Ostetrica (FNOPO)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...