Salute 13 Novembre 2020 08:00

Covid, Sima e OMCeOMI: «Incentivare DAD per ridurre i contagi»

Da Alessandro Miani (Sima) e Roberto Carlo Rossi (OMCeOMi) arriva la richiesta di ampliare la Dad per ridurre i contagi tra i più giovani, evitando il sovraccarico delle risorse ospedaliere e di testing per tamponare tutte le classi con presenza di positivi

Covid, Sima e OMCeOMI: «Incentivare DAD per ridurre i contagi»

«In considerazione dell’attuale e ineluttabile stato di emergenza sanitaria, dichiarato e prorogato fino al 31 gennaio dal Consiglio dei Ministri, nonché della pressione esponenziale che grava su ogni forma di servizio pubblico e privato di area sanitaria, riteniamo che il rischio derivante dai contagi interscolastici finirà – in un tempo relativamente imminente – per produrre gravi effetti sulla disponibilità di risorse umane sia nell’ambito della sanità territoriale (per l’immensa mole di tracciamenti generata da ogni caso di positività in classe) che ospedaliera». È quanto recita una nota congiunta dei presidenti di SIMA (Società Italiana di Medicina Ambientale) e OMCeOMI (Ordine Provinciale dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Milano), Alessandro Miani e Roberto Carlo Rossi.

«Con questo spirito di responsabilità e abnegazione – al fine di non sottrarre preziose risorse umane alla sanità per eventuali quarantene o isolamenti precauzionali – chiediamo che ai figli in età scolare del personale sanitario, a vario titolo impegnato in questa lotta contro il tempo e le difficoltà della pandemia (medici, scienziati, farmacisti, biologi, infermieri, OSS, forze dell’ordine etc), possa essere garantita la DAD come opzione didattica e, laddove necessario, fornire il supporto economico e gestionale per assicurarne la fruizione», proseguono Paroli e Rossi.

L’USO DELLA DAD

Lo stesso tipo di supporto «va garantito a tutte le famiglie che intendono avvalersi della DAD esercitando un diritto pre-esistente e costituzionalmente garantito di non mandare i propri figli a scuola per proteggerne la salute nel bel mezzo di una emergenza sanitaria dichiarata, in cui l’utilizzo continuativo di mascherine in aula viene adottato quale unica misura di sicurezza ed imposto a bambini di 6-11 anni».

«A tal proposito – si legge ancora nella nota congiunta – ricordiamo che negli altri Paesi europei di cui si vuole seguire l’esempio con la decisione di mantenere le nostre scuole primarie aperte si è chiusa ogni altra attività che non siano scuole ed università (mantenendo quindi aperte anche scuole secondarie e atenei), riducendo in tal modo la possibilità di contagio. Prendiamo atto che l’Italia ha compiuto altre scelte legate all’emergenza sociale (in sovrapposizione all’emergenza sanitaria) che conseguirebbe alla chiusura delle attività economiche ed alla preclusione della frequenza scolastica ai più piccoli (che non possono gestirsi in autonomia a casa), ma tali scelte non possono ledere il diritto alla sicurezza e alla salute dei nuclei familiari degli operatori sanitari e dei cittadini tutti».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Alluvione nelle Marche: tragedia «imprevedibile», ma annunciata
L'alluvione delle Marche era impossibile da prevedere perchè, secondo il Cnr, è avvenuto per circostanze particolari. La Sima sottolinea un aumento della frequenza di eventi estremi a causa dei cambiamenti climatici
Ansia da primo giorno di scuola? C’è chi la “cura” con la mascherina
Abolito l’obbligo di mascherina in classe, ma c’è chi la indosserà ugualmente, lo psicologo: «Aiuta a sentirsi più al sicuro». Altra novità dell’anno scolastico 2022-23 è la riapertura delle mense, ma l’esperto avverte: «Attenzione all’inquinamento acustico. La pandemia ci ha disabituati al caos»
Rientro a scuola, c’è ancora l’obbligo della mascherina?
Nelle nuove linee guida per il rientro a scuola le misure sono meno stringenti: nessun obbligo mascherina per tutti. Ma le cose potranno cambiare qualora l'emergenza si aggravi
Rientro a scuola, nelle nuove regole mascherine se i casi aumentano
L'Istituto superiore di sanità, con i ministeri della Salute e dell'Istruzione e la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, hanno pubblicato le nuove linee guida Covid per il rientro a scuola. Le mascherine indicate solo per studenti e operatori fragili
Covid-19 e rischio contagi tra i banchi: SIMA lancia la campagna “Adotta una Scuola”
Miani (SIMA): «Diminuire la presenza di CO2 nell’aria abbassa il rischio di contrarre il Covid-19. Per questo, aziende e privati donino tecnologie per mitigare il rischio nelle classi italiane. Una buona qualità dell’aria indoor migliora anche l’apprendimento»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 7 dicembre 2022, sono 646.415.951 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.644.903 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa
Covid-19, che fare se...?

Che differenze ci sono tra i sintomi del Covid e quelli dell’influenza?

Da quando Omicron è diventata la variante dominante è più difficile riuscire a distinguere l'infezione Covid-19 da una normale influenza. Ci sono solo lievi differenze fra le due ...