Salute 4 Novembre 2020 15:04

Conte firma il nuovo Dpcm, le misure previste nelle tre fasce

L’Italia divisa in tre fasce: chiusi i negozi nella rossa e spostamenti vietati anche nell’arancione. Provvedimenti in vigore da domani, in arrivo l’ordinanza sulla classificazione delle regioni

Conte firma il nuovo Dpcm, le misure previste nelle tre fasce

È arrivata durante la notte la firma del presidente del Consiglio Giuseppe Conte al testo definitivo del nuovo Dpcm per il contrasto alla diffusione di Covid-19. Le nuove misure, in vigore da domani 5 novembre e fino al 3 dicembre, confermano un’Italia a tre fasce “di gravità” con misure pensate ad hoc. Le regioni in zona “rossa” o “arancione” o “gialla” saranno rese note con l’arrivo dell’ordinanza del ministero della Salute.

Sarà infatti il ministro Roberto Speranza a decidere, in base ai monitoraggi forniti sul contagio, quali saranno le zone da considerare più a rischio e quindi sottoposte a misure più restrittive. I due livelli preoccupanti nel Dpcm vengono descritti “a rischio elevato” e “a rischio alto”. Nel primo caso la situazione epidemiologica è assimilabile allo scenario 3 descritto dai grafici Iss, mentre nel secondo dallo scenario 4 che è anche il più grave.

Ma perché si parla di tre livelli? Perché, sotto i due più attenzionati, c’è una fascia “gialla” in cui le misure vengono ugualmente inasprite rispetto al Dpcm dello scorso 24 ottobre.

MISURE NAZIONALI IN VIGORE DAL 5 NOVEMBRE (zona gialla)

Valide per tutti, dunque, a livello nazionale le norme già annunciate da Conte lunedì.

  • Chiusi i centri commerciali nei weekend e nei festivi, a esclusione di farmacie, alimentari, tabacchi ed edicole all’interno;
  • Coprifuoco anticipato alle 22 e fino alle 5 del mattino, salvo problemi di salute, lavoro o necessità;
  • Possibilità per i sindaci di chiudere per tutto il giorno le strade e le piazza più affollate delle città;
  • Didattica a distanza al 100% per tutti gli studenti di scuole superiori;
  • Nei mezzi pubblici capacità di trasporto ridotta al 50%;
  • Sospese le attività di piscine, palestre, centri benessere e centri termali;
  • Manifestazioni pubbliche concesse solo in forma statica;
  • Chiuse sale giochi, sale bingo e casinò;
  • Chiusi musei e mostre;
  • Vietate le feste, anche quelle conseguenti cerimonie religiose;
  • Ristoranti chiusi dopo le 18, con tavoli di massimo quattro persone;
  • Consentiti i corsi di formazione specifica in Medicina generale, corsi di specializzazione e tirocini per professioni sanitarie e mediche che possono proseguire anche non in presenza;
  • Fortemente raccomandato e incentivato lo smart-working per le professioni per cui è possibile.

REGIONI IN SCENARIO 3 (zona arancione)

Oltre alle misure nazionali, nelle regioni che invece risulteranno in “scenario 3“, quindi con rischio elevato, saranno valide per un minimo di 15 giorni ulteriori restrizioni. Sarà compito del Ministero della Salute monitorare le regioni e proporre eventuali spostamenti di fascia.

Vietati tutti gli spostamenti in entrata e in uscita dai territori segnalati in questo scenario, a eccezione di quelli giustificati da comprovate ragioni lavorative o di necessità. Scuole elementari e medie, però, rimangono aperte. Permesso il rientro nel proprio domicilio, abitazione o residenza. Transito consentito solo per raggiungere territori non soggetti alle stesse restrizioni.

Chiusi tutti i bar, ristoranti, gelaterie e pasticcerie. Escluse invece mense e catering su base contrattuale. La ristorazione rimane concessa solo a domicilio con il rispetto delle norme sanitarie e, fino alle 22, in modalità di asporto con divieto di consumazione sul posto.

REGIONI IN SCENARIO 4 (zona rossa)

Nelle regioni che mostrano uno scenario 4 e dunque una crescita per ora fuori controllo, le restrizioni sono ulteriormente inasprite.

Vietati tutti gli spostamenti in entrata e uscita dal territorio, con le eccezioni già previste. Così come quelli in uscita dal proprio luogo di residenza o domicilio.

Sospese le attività commerciali al dettaglio, a eccezione di alimentari e generi di prima necessità. Chiusi i mercati, salvo le attività di vendita alimentari. Restano aperte edicole, tabaccai, farmacie e parafarmacie. I ristoranti sono chiusi, anche in questo caso con esclusione di mense e catering. Prevista però la consegna e l’asporto fino alle 22, come in scenario 3.

Sospese tutte le attività nei centri sportivi all’aperto e ogni evento o competizione organizzato da enti di promozione sportiva. È consentito svolgere attività motoria nelle vicinanze della propria abitazione, ma nel rispetto della distanza di almeno un metro da ogni persona adiacente e con mascherina. Anche l’attività sportiva è concessa, ma solo all’aperto e in forma individuale.

Le attività scolastiche si svolgono esclusivamente a distanza, salvo la scuola dell’infanzia e quella primaria. Si potranno aggiungere attività in presenza se l’uso dei laboratori sarà necessario o per mantenere l’effettiva inclusione degli alunni con bisogni educativi speciali.

Sospesa l’attività in presenza nelle Università e nelle Scuole di alta formazione musicale, con la possibilità di svolgimento in modalità a distanza. Eccezione resta per i corsi di formazione specialistica di medicina o quelli per medicina generale, con le attività di tirocinio per le professioni sanitarie.

Sospese anche i servizi alla persona, escluse le attività di lavanderia, i servizi di pompe funebri e le attività di parrucchieri e barbieri. Ai datori di lavoro il dovere di limitare al massimo la presenza del proprio personale in sede, solo per attività ritenute indifferibili. Favorita e raccomandata la modalità di lavoro agile.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato 

Articoli correlati
Longevità, prevenzione e tecnologia. L’ex premier Giuseppe Conte annuncia un progetto sulla terza età
Al convegno alla Camera su “Tecnologie e Longevità” anche Valter Longo, inventore della dieta mimadigiuno: «Intervenendo su nutrizione e attività fisica grosso impatto su invecchiamento, ma big companies si oppongono». Per la neuroscienziata Antonella Santuccione Chadha occorre investire di più sulla ricerca sul cervello
di Francesco Torre
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
Epatiti misteriose, il microbiologo: «Adenovirus resta indiziato numero 1, non si esclude correlazione con Sars-CoV-2»
Il responsabile di Microbiologia del Bambino Gesù sulle epatiti virali acute nei bambini: «Lockdown e mascherine potrebbero aver scatenato un debito immunitario». Quali sono i sintomi da tenere d'occhio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 10 agosto, sono 586.482.524 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.423.901 i decessi. Ad oggi, oltre 11,99 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale