Salute 4 Novembre 2020

Conte firma il nuovo Dpcm, le misure previste nelle tre fasce

L’Italia divisa in tre fasce: chiusi i negozi nella rossa e spostamenti vietati anche nell’arancione. Provvedimenti in vigore da domani, in arrivo l’ordinanza sulla classificazione delle regioni

Conte firma il nuovo Dpcm, le misure previste nelle tre fasce

È arrivata durante la notte la firma del presidente del Consiglio Giuseppe Conte al testo definitivo del nuovo Dpcm per il contrasto alla diffusione di Covid-19. Le nuove misure, in vigore da domani 5 novembre e fino al 3 dicembre, confermano un’Italia a tre fasce “di gravità” con misure pensate ad hoc. Le regioni in zona “rossa” o “arancione” o “gialla” saranno rese note con l’arrivo dell’ordinanza del ministero della Salute.

Sarà infatti il ministro Roberto Speranza a decidere, in base ai monitoraggi forniti sul contagio, quali saranno le zone da considerare più a rischio e quindi sottoposte a misure più restrittive. I due livelli preoccupanti nel Dpcm vengono descritti “a rischio elevato” e “a rischio alto”. Nel primo caso la situazione epidemiologica è assimilabile allo scenario 3 descritto dai grafici Iss, mentre nel secondo dallo scenario 4 che è anche il più grave.

Ma perché si parla di tre livelli? Perché, sotto i due più attenzionati, c’è una fascia “gialla” in cui le misure vengono ugualmente inasprite rispetto al Dpcm dello scorso 24 ottobre.

MISURE NAZIONALI IN VIGORE DAL 5 NOVEMBRE (zona gialla)

Valide per tutti, dunque, a livello nazionale le norme già annunciate da Conte lunedì.

  • Chiusi i centri commerciali nei weekend e nei festivi, a esclusione di farmacie, alimentari, tabacchi ed edicole all’interno;
  • Coprifuoco anticipato alle 22 e fino alle 5 del mattino, salvo problemi di salute, lavoro o necessità;
  • Possibilità per i sindaci di chiudere per tutto il giorno le strade e le piazza più affollate delle città;
  • Didattica a distanza al 100% per tutti gli studenti di scuole superiori;
  • Nei mezzi pubblici capacità di trasporto ridotta al 50%;
  • Sospese le attività di piscine, palestre, centri benessere e centri termali;
  • Manifestazioni pubbliche concesse solo in forma statica;
  • Chiuse sale giochi, sale bingo e casinò;
  • Chiusi musei e mostre;
  • Vietate le feste, anche quelle conseguenti cerimonie religiose;
  • Ristoranti chiusi dopo le 18, con tavoli di massimo quattro persone;
  • Consentiti i corsi di formazione specifica in Medicina generale, corsi di specializzazione e tirocini per professioni sanitarie e mediche che possono proseguire anche non in presenza;
  • Fortemente raccomandato e incentivato lo smart-working per le professioni per cui è possibile.

REGIONI IN SCENARIO 3 (zona arancione)

Oltre alle misure nazionali, nelle regioni che invece risulteranno in “scenario 3“, quindi con rischio elevato, saranno valide per un minimo di 15 giorni ulteriori restrizioni. Sarà compito del Ministero della Salute monitorare le regioni e proporre eventuali spostamenti di fascia.

Vietati tutti gli spostamenti in entrata e in uscita dai territori segnalati in questo scenario, a eccezione di quelli giustificati da comprovate ragioni lavorative o di necessità. Scuole elementari e medie, però, rimangono aperte. Permesso il rientro nel proprio domicilio, abitazione o residenza. Transito consentito solo per raggiungere territori non soggetti alle stesse restrizioni.

Chiusi tutti i bar, ristoranti, gelaterie e pasticcerie. Escluse invece mense e catering su base contrattuale. La ristorazione rimane concessa solo a domicilio con il rispetto delle norme sanitarie e, fino alle 22, in modalità di asporto con divieto di consumazione sul posto.

REGIONI IN SCENARIO 4 (zona rossa)

Nelle regioni che mostrano uno scenario 4 e dunque una crescita per ora fuori controllo, le restrizioni sono ulteriormente inasprite.

Vietati tutti gli spostamenti in entrata e uscita dal territorio, con le eccezioni già previste. Così come quelli in uscita dal proprio luogo di residenza o domicilio.

Sospese le attività commerciali al dettaglio, a eccezione di alimentari e generi di prima necessità. Chiusi i mercati, salvo le attività di vendita alimentari. Restano aperte edicole, tabaccai, farmacie e parafarmacie. I ristoranti sono chiusi, anche in questo caso con esclusione di mense e catering. Prevista però la consegna e l’asporto fino alle 22, come in scenario 3.

Sospese tutte le attività nei centri sportivi all’aperto e ogni evento o competizione organizzato da enti di promozione sportiva. È consentito svolgere attività motoria nelle vicinanze della propria abitazione, ma nel rispetto della distanza di almeno un metro da ogni persona adiacente e con mascherina. Anche l’attività sportiva è concessa, ma solo all’aperto e in forma individuale.

Le attività scolastiche si svolgono esclusivamente a distanza, salvo la scuola dell’infanzia e quella primaria. Si potranno aggiungere attività in presenza se l’uso dei laboratori sarà necessario o per mantenere l’effettiva inclusione degli alunni con bisogni educativi speciali.

Sospesa l’attività in presenza nelle Università e nelle Scuole di alta formazione musicale, con la possibilità di svolgimento in modalità a distanza. Eccezione resta per i corsi di formazione specialistica di medicina o quelli per medicina generale, con le attività di tirocinio per le professioni sanitarie.

Sospese anche i servizi alla persona, escluse le attività di lavanderia, i servizi di pompe funebri e le attività di parrucchieri e barbieri. Ai datori di lavoro il dovere di limitare al massimo la presenza del proprio personale in sede, solo per attività ritenute indifferibili. Favorita e raccomandata la modalità di lavoro agile.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato 

Articoli correlati
Speranza: «Durante le feste stop a spostamenti tra regioni e tra comuni. Vaccino non sarà obbligatorio»
Il Ministro della Salute, al Senato, avverte: «Se abbassiamo la guardia la terza ondata è dietro l’angolo, non dobbiamo perdere la memoria». Poi spiega: «Il modello della classificazione delle regioni sta funzionando, puntiamo a portare incidenza a 50 casi ogni 100mila abitanti». Sui vaccini: «L'Italia ha opzionato al momento 202.573.000 dosi, probabile che serviranno due dosi a testa»
«Quante notti insonni durante il lockdown. Ma nostra missione è prendere in carico ogni storia di vita». Il racconto di un’assistente sociale
Valentina Bellafante (ASL di Pescara) ripercorre i difficili momenti della prima ondata Covid e spiega le differenze con la seconda. Tante le storie difficili: «Penso a quei fratelli gravemente psichiatrici, rimasti soli al mondo, ai quali tra le mura domestiche è improvvisamente mancata per Covid la sorella-tutrice»
Cnn, documenti segreti da Wuhan mostrano una cattiva gestione dell’epidemia
Un "whistleblower" avrebbe fornito all'emittente statunitense documenti interni del sistema sanitario cinese. Si parla di numeri diversi e di un approccio troppo lento nella diagnosi dei casi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 2 dicembre, sono 63.894.184 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.480.709 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 1 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli