Politica 2 Novembre 2020 14:00

Conte alla Camera: «Italia divisa in tre aree di rischio. Circolazione limitata tra regioni e tra persone “a tarda sera”»

Entro mercoledì arriverà il nuovo Dpcm. Conte alla Camera illustra le nuove restrizioni proposte: centri commerciali chiusi nei weekend, chiusi centri scommesse, mezzi pubblici al 50%, Dad integrale per le scuole superiori

Conte alla Camera: «Italia divisa in tre aree di rischio. Circolazione limitata tra regioni e tra persone “a tarda sera”»

Un’Italia divisa in tre zone, a seconda del livello di gravità raggiunto dalla diffusione del virus. Di conseguenza, alcune misure comuni adottate con differente gravità nelle Regioni italiane. Queste le misure proposte per il prossimo Dpcm, in uscita già domani, illustrate dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte durante una comunicazione alla Camera. Nel pomeriggio previsto anche al Senato. Provvedimenti presi rapidamente dopo la lettura dell’ultimo report settimanale di monitoraggio dell’epidemia, che dipinge una situazione di gravità sempre crescente.

I DATI DELLA PANDEMIA

«La recrudescenza della pandemia – ha spiegato Conte – ha condotto a una moltiplicazione dei contagi. Dal 19 al 25 ottobre i nuovi casi sono raddoppiati rispetto alla settimana precedente». Il presidente ha chiarito che ad oggi il 94% dei nuovi contagiati in Italia si trova in isolamento domiciliare, contro il 50,8% della prima ondata. Solo lo 0,5% risulta in terapia intensiva, contro il 6,7% di marzo/aprile. Nei mesi estivi, sono arrivati 3370 nuovi ventilatori per i trattamenti intensivi e anche la capacità di screening è arrivata da 25mila tamponi al giorno a 200mila.

Una cifra che potrebbe ancora crescere, fino a 350mila test giornalieri. «Il commissario Arcuri ha acquistato 10 milioni di test rapidi che verranno distribuiti a Asl e medici di medicina generale, destinati anche alla scuola, in modo da ridurre le quarantene», ha specificato Conte.

CONTE: «RT A 1,7 MA LOCKDOWN GENERALIZZATO NON È LA SOLUZIONE»

«L’aumento dell’incidenza – ha proseguito – è coerente con l’aumento di Rt nazionale a 1,7, in alcune regioni il dato risulta superiore alla media nazionale. Per la prima volta è stata superata la soglia critica di occupazione in aree mediche ed esiste il rischio che 15 regioni superino le aree critiche in terapia intensiva nel prossimo mese». Le previsioni, ha però aggiunto, non contengono i possibili miglioramenti dovuti al Dpcm in applicazione da 10 giorni, i cui primi effetti si paleseranno dopo due settimane dall’entrata in vigore.

«Siamo costretti a intervenire in ottica di prudenze, per attuare migliori misure in strategia contenitiva e mitigativa del contagio». Conte ha introdotto così le prossime restrizioni alla Camera: «La strategia va modulata nei territori in base al rischio di tenuta dei servizi sanitari».

«Se riproponessimo un regime indistinto e un lockdown generalizzato – ha chiarito – rischieremmo da un lato di non adottare un sistema efficace nelle zone ad alto rischio e dall’altro lato di intervenire con troppa severità in zone con rischio più basso».

ITALIA A TRE AREE DI RISCHIO: LE MISURE PREVISTE SUL TERRITORIO NAZIONALE

«Nel prossimo Dpcm indicheremo tre aree con tre scenari di rischio, con misure via via più restrittive. L’appartenenza all’una o altra area dipenderà esclusivamente dal coefficiente di rischio di quel territorio. L’inserimento di una regione avverrà con un’ordinanza del ministro della Salute, e sempre con ordinanza del ministero sarà possibile entrare e uscire da un’area».

«Per l’intero territorio nazionale intendiamo intervenire solo con alcune specifiche misure, che contribuiscano a rafforzare il contenimento e la mitigazione del contagio. Chiudiamo nei giorni festivi e prefestivi i centri commerciali ad eccezione di negozi alimentari, parafarmacie, farmacie ed edicole; prevista la chiusura dei corner adibiti ad attività di scommesse; chiuderanno musei e mostre e ci saranno riduzioni fino al 50% della capienza dei mezzi pubblici locali; previsto un limite agli spostamenti da e verso regioni con elevati coefficienti di rischio a parte situazioni di necessità e limiti di circolazione delle persone nelle fasce più tarde della sera; infine, la possibilità, per le scuole secondarie di secondo grado, di passare anche integralmente alla didattica a distanza».

IN ARRIVO AIUTI ECONOMICI

«In questo snodo critico – ha concluso – il principio ispiratore resta lo stesso: difesa della vita umana e della salute per godere di tutti gli altri diritti costituzionali garantiti. Siamo consapevoli della stanchezza e della rabbia dei cittadini e siamo coscienti delle profonde ripercussioni delle restrizioni sull’attività economica e sui redditi».

«Il Governo – ha assicurato Conte – non intende arretrare di un millimetro sulla protezione economica per i lavoratori e le famiglie italiane. Con questo spirito abbiamo varato il decreto legge Ristori e abbiamo deciso di estendere fino a marzo 2021 il blocco dei licenziamenti, estendendo la cassa integrazione Covid per tutti i lavoratori. Anche a fronte di queste ulteriori limitazioni stiamo già lavorando per sostenere i settori colpiti e per questo cercheremo di concretizzare queste erogazioni al più presto».

«Da ogni crisi può nascere un’opportunità – è il messaggio finale – questa è la terza crisi che viviamo in 15 anni e stavolta c’è la possibilità di imprimere una vera svolta».

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato 

Articoli correlati
Longevità, prevenzione e tecnologia. L’ex premier Giuseppe Conte annuncia un progetto sulla terza età
Al convegno alla Camera su “Tecnologie e Longevità” anche Valter Longo, inventore della dieta mimadigiuno: «Intervenendo su nutrizione e attività fisica grosso impatto su invecchiamento, ma big companies si oppongono». Per la neuroscienziata Antonella Santuccione Chadha occorre investire di più sulla ricerca sul cervello
di Francesco Torre
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
Epatiti misteriose, il microbiologo: «Adenovirus resta indiziato numero 1, non si esclude correlazione con Sars-CoV-2»
Il responsabile di Microbiologia del Bambino Gesù sulle epatiti virali acute nei bambini: «Lockdown e mascherine potrebbero aver scatenato un debito immunitario». Quali sono i sintomi da tenere d'occhio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 luglio, sono 551.283.678 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.342.322 i decessi. Ad oggi, oltre 11,77 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...