Salute 16 Novembre 2020 13:54

Covid in Italia già da settembre 2019? Lo dice uno studio, ma gli esperti chiedono prudenza

Uno studio dell’Istituto tumori di Milano farebbe risalire la presenza di Covid in Italia a settembre 2019. A dimostrarlo gli anticorpi di alcuni soggetti coinvolti, estratti con i test sierologici. Ma gli scienziati chiedono ulteriori conferme

Covid in Italia già da settembre 2019? Lo dice uno studio, ma gli esperti chiedono prudenza

Le ultime indicazioni lo davano in Italia già da dicembre 2019, ma ora uno studio sposterebbe la comparsa di Sars-CoV-2 nel nostro Paese già da settembre dello scorso anno. A ipotizzarlo è stato l’Istituto dei tumori di Milano in una ricerca pubblicata sul Tumori Journal, la propria testata, con la prima firma del direttore scientifico Giovanni Apolone.

Lo studio si basa sui rilevamenti, fatti in collaborazione con l’Università di Siena, sui 959 partecipanti agli screening preventivi per tumore al polmone tra settembre 2019 e marzo 2020. Il progetto si chiama “Smile” e si pone l’obiettivo di offrire a cittadini fumatori o ex fumatori la possibilità di sottoporsi ad analisi del sangue e Tac per monitorare il rischio di tumore.

I RISULTATI DELLO STUDIO 

Ai campioni di sangue raccolti dai candidati, asintomatici rispetto a Covid-19, è stato fatto il test sierologico per individuare gli anticorpi al virus. L’11,6% li aveva, di cui il 30% dalla seconda settimana di febbraio 2020 e il 14% già a settembre.

Sui 111 che mostravano di avere anticorpi, sei hanno mostrato di averne in dose tale da riuscire a neutralizzare il virus “vivo” in laboratorio. Se gli anticorpi di alcuni risalgono a settembre 2019, dunque, questi soggetti potrebbero essere entrati in contatto con il virus dalle due alle tre settimane prima, secondo il tempo di incubazione.

50% DI CHI HA GLI ANTICORPI È LOMBARDO

È interessante, inoltre, notare come il 53,2% di chi ha sviluppato anticorpi provenga dalla Lombardia, ma la restante percentuale sia sparsa in 13 regioni d’Italia. Se i risultati fossero confermati, si dimostrerebbe che il virus circolava in Italia molto prima del paziente 1 di Codogno. Quasi in contemporanea con l’aumento sospetto di ricoveri a Wuhan, nell’autunno 2019. Nonché con la data che si ipotizza essere quella più probabile per il passaggio animale-uomo (spillover) del nuovo coronavirus, individuato intorno ad ottobre 2019.

GALLI: «DIFFICILE SIA COSÌ VECCHIO»

È scettico sui risultati il professor Massimo Galli, direttore delle Malattie infettive dell’Ospedale Sacco di Milano. Chiede «conferme reali» prima di esporsi. «È veramente difficile – ha detto – pensare che il virus sia così vecchio, anche perché allora non ci si spiega perché non ha creato focolai molto prima. È un virus esplosivo, quando arriva in ospedale fa decine di infezioni se non lo gestisci».

SU SCIENCE ANTICORPI DOPO UN RAFFREDDORE

Va valutato, inoltre, che i test sierologici – strumento usato per stabilire i limiti temporali nello studio – possono produrre falsi risultati. Senza dimenticare le recenti scoperte di uno studio pubblicato su Science e svolto dal Francis Crick Institute che puntava a spiegare la “naturale protezione” di alcuni contro il virus. Su 302 soggetti, è risultato che il 5,3% aveva anticorpi IgG per Covid-19 senza aver mai contratto il virus.

La soluzione degli scienziati è stata che erano stati generati da precedenti infezioni di “raffreddore comune”, che ha reagito in modo crociato con la proteina spike del Sars-CoV-2. Lo studio ha poi dimostrato che la percentuale si allargava ulteriormente in una coorte di bambini e ragazzini. Possibile spiegazione al forte effetto che Covid-19 ha sugli anziani e all’effettiva influenza dei coronavirus stagionali sull’immunità.

GUERRA: «VALUTARE ATTENDIBILITÀ»

È presto per una valutazione sicura, su questo il mondo scientifico sembra concordare. Anche Ranieri Guerra, direttore aggiunto dell’Oms, su Sky Tg24 ha detto di stare indagando. «Sono ricercatori e colleghi molto seri – ha specificato –. Ho visto e cercato di analizzare con i miei colleghi laboratoristi dell’Oms quale sia stata la procedura e quali i test. Oggi mi metterò in contatto con i colleghi e cercheremo di valutare insieme l’attendibilità dei risultati», ha concluso.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid-19, Von der Leyen: «Ue leader mondiale sui vaccini. Ora evitare pandemia dei non vaccinati»
La Presidente della Commissione Europea Ursula Von der Leyen, nel corso del discorso sullo Stato dell'Unione, ha rivendicato con orgoglio il lavoro fatto da tutti gli Stati membri nel corso della pandemia
Ho contratto il Covid-19 dopo la prima dose di vaccino, cosa devo fare?
Cosa fare se una persona contrae il Covid-19 successivamente alla somministrazione della prima dose di vaccino? Il Ministero della Salute ha fornito i chiarimenti necessari tramite una circolare firmata dal Direttore della Prevenzione, Gianni Rezza
L’affondo di Villani (SIP): «Vaccino contro il morbillo reso obbligatorio con 8 morti al giorno»
Ricciardi al webinar Altems dedicato al ritorno in classe: «Sono preoccupato. I casi di Covid-19 tra i bambini sono molti, e alcuni finiscono in terapia intensiva. Nelle scuole non ci siano adulti non vaccinati»
Vaccino antinfluenzale, Maio (Fimmg): «Dall’anti-Covid attendere almeno un mese»
La responsabile dell’area vaccini di Fimmg: «Consigliato a over 60, soggetti fragili e lavoratori a rischio. Migliora la diagnosi differenziale tra influenza stagionale e Covid-19 ed evita il sovraffollamento degli ospedali»
di Isabella Faggiano
Cardiologia e sport legati (sempre più) a filo doppio. Ecco perché
Corrado (Università di Padova): «I medici dello sport siano formati anche per valutare una risonanza magnetica»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 16 settembre, sono 226.391.916 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.659.920 i decessi. Ad oggi, oltre 5,78 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Covid-19, che fare se...?

Chi ha diritto alla certificazione di esenzione dal vaccino anti Covid-19?

Il vademecum della SIMG, in collaborazione con ministero della Salute e Istituto Superiore di Sanità, sui casi particolari in cui la vaccinazione contro il Covid-19 è controindicata o ri...