Covid-19, che fare se...? 12 Novembre 2020 18:33

Molecolare, antigenico e sierologico: quale test va fatto caso per caso

L’Istituto Superiore di Sanità e il Ministero della Salute hanno redatto una nota tecnica per spiegare quando va effettuato il tampone molecolare, quando quello antigenico e quando il test sierologico

Molecolare, antigenico e sierologico: quale test va fatto caso per caso

«Sono un contatto stretto di un caso confermato, che tipo di test devo fare?». «Provengo da un Paese a rischio ma sono asintomatico, devo sottopormi al tampone?». Con l’aumento dei casi da Covid-19 che si sta registrando in queste settimane, l’estrema variabilità delle situazioni in cui ci si può trovare e la possibilità di sottoporsi a tipi diversi di test, non sempre è facile sapere come comportarsi. L’Istituto Superiore di Sanità e il Ministero della Salute hanno redatto una nota tecnica per rispondere a queste domande.

A che tipo di test devono sottoporsi:

  • I casi sospetti sintomatici con o senza link epidemiologico: test molecolare su tampone oro/naso faringeo. In alternativa, test rapido antigenico su tampone oro-naso faringeo o nasale + conferma con test molecolare per i casi positivi.
  • I soggetti in quarantena se compare sintomatologia (ad esempio, contatto stretto di caso confermato): test molecolare su tampone oro/naso faringeo. In alternativa, test rapido antigenico su tampone oro-naso faringeo o nasale + conferma con test molecolare per i casi positivi.
  • I soggetti pauci-sintomatici in assenza di link epidemiologico: test rapido antigenico su tampone oro-naso faringeo o nasale senza conferma con test molecolare su tampone oro/naso faringeo per i casi positivi. In alternativa, test molecolare su tampone oro-naso faringeo.
  • I contatti stretti di casi confermati (incluso in ambiente scolastico o lavorativo) che sono asintomatici senza conviventi che siano fragili o non collaboranti: test rapido antigenico su tampone oro-naso faringeo o nasale senza conferma con test molecolare su tampone oro/naso faringeo per i casi positivi. In alternativa, test molecolare su tampone oro-naso faringeo.
  • I soggetti asintomatici provenienti da Paesi a rischio come da Dpcm: test rapido antigenico su tampone oro-naso faringeo o nasale senza conferma con test molecolare su tampone oro/naso faringeo per i casi positivi. In alternativa, Test molecolare su tampone oro-naso faringeo.
  • I contatti stretti di casi confermati che vivono o frequentano regolarmente soggetti fragili a rischio di complicanze o soggetti non collaboranti: test molecolare su tampone oro/naso faringeo. In alternativa, test rapido antigenico su tampone oro-naso faringeo o nasale + conferma con test molecolare su tampone oro/naso faringeo.
  • Gli asintomatici per ricovero programmato, ingresso in larghe comunità chiuse laddove previsto (ad esempio, Rsa, prigioni, strutture per soggetti con disabilità mentale o altro): test molecolare su tampone oro/naso faringeo. In alternativa, test rapido antigenico su tampone oro-naso faringeo o nasale + conferma con test molecolare su tampone oro/naso faringeo.
  • Gli operatori sanitari/personale in contesti ad alto rischio sottoposti a screening: test molecolare su tampone oro/naso faringeo. In alternativa, test rapido antigenico su tampone oro-naso faringeo o nasale + conferma con test molecolare su tampone oro/naso faringeo.
  • Le comunità che vengono sottoposte a screening per motivi di sanità pubblica (ricerca di persone con infezione in atto in un gruppo esteso di soggetti): test rapido antigenico su tampone oro-naso faringeo o nasale + conferma con test molecolare su tampone oro/naso faringeo per i casi positivi in assenza di link epidemiologico. In alternativa, test sierologico + conferma con test molecolare su tampone oro/naso faringeo per i casi positivi.
  • I soggetti in isolamento per la conferma di guarigione: test molecolare su tampone oro/naso faringeo.
  • Contatti asintomatici in quarantena per la chiusura a 10 giorni: test molecolare su tampone oro/naso faringeo. In alternativa, test rapido antigenico su tampone oro-naso faringeo o nasale.
  • Asintomatici che effettuano il test su base volontaria, per esami richiesti per motivi di lavoro o di viaggio (fatte salve prescrizioni specifiche dei Paesi di destinazione che possano prevedere specificatamente test molecolare) o per richieste non correlate ad esigenze cliniche o di salute pubblica ricadenti nei precedenti casi: test rapido antigenico su tampone oro-naso faringeo o nasale + conferma con test molecolare su tampone oro/naso faringeo per i casi positivi. In alternativa, test molecolare su tampone oro/naso faringeo o nasale.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
Tamponi molecolari, test rapidi e salivari: a che punto siamo con le tecnologie di screening del Covid-19?
Sanità Informazione ha fatto il punto della situazione con Massimo Pica, Presidente Assodiagnostici di Confindustria Dispositivi Medici
Tamponi antigenici rapidi, i pediatri di famiglia chiedono garanzie a Regione Lombardia e ATS
Missaglia (SIMPeF): «Disponibili ad applicare il protocollo se ATS mette a disposizione personale e logistica quando necessario»
di Federica Bosco
Tamponi rapidi dal medico di famiglia, i numeri di Piemonte, Lazio e Campania. Zanon: «Obiettivo non raggiunto»
Quasi 18 mila i tamponi rapidi effettuati dai medici di famiglia piemontesi, 11.600 nel Lazio, 7 mila in Campania. Il Direttore scientifico dell'Osservatorio Motore Sanità: «Lo screening funziona a macchia di leopardo»
di Peter D'Angelo
Tamponi rapidi e test sierologici in farmacia: in un mese trovati 6.153 positivi nel Lazio
Il punto di Federfarma Roma e Lazio ad un mese dall’avvio del servizio. Cicconetti (Federfarma Roma): «I dati confermano che le farmacie sono diventate un punto di riferimento imprescindibile nella lotta al virus». Leopardi (Federfarma Lazio): «Anche le altre Regioni seguano l’esempio del Lazio»
Test rapidi in azienda, Dpi e coaching per i dipendenti, il modello Consulcesi ai tempi del Covid
Simona Gori, Direttore Generale Consulcesi: «Siamo convinti che le aziende abbiano un ruolo centrale nella gestione della pandemia e per questo abbiamo investito per garantire ai nostri dipendenti di lavorare in sicurezza. Il modello aziendale va ripensato secondo i pilastri della sicurezza e della produttività»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 giugno, sono 177.438.001 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.842.377 i decessi. Ad oggi, oltre 2,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM