Covid-19, che fare se...? 12 Novembre 2020 18:33

Molecolare, antigenico e sierologico: quale test va fatto caso per caso

L’Istituto Superiore di Sanità e il Ministero della Salute hanno redatto una nota tecnica per spiegare quando va effettuato il tampone molecolare, quando quello antigenico e quando il test sierologico

Molecolare, antigenico e sierologico: quale test va fatto caso per caso

«Sono un contatto stretto di un caso confermato, che tipo di test devo fare?». «Provengo da un Paese a rischio ma sono asintomatico, devo sottopormi al tampone?». Con l’aumento dei casi da Covid-19 che si sta registrando in queste settimane, l’estrema variabilità delle situazioni in cui ci si può trovare e la possibilità di sottoporsi a tipi diversi di test, non sempre è facile sapere come comportarsi. L’Istituto Superiore di Sanità e il Ministero della Salute hanno redatto una nota tecnica per rispondere a queste domande.

A che tipo di test devono sottoporsi:

  • I casi sospetti sintomatici con o senza link epidemiologico: test molecolare su tampone oro/naso faringeo. In alternativa, test rapido antigenico su tampone oro-naso faringeo o nasale + conferma con test molecolare per i casi positivi.
  • I soggetti in quarantena se compare sintomatologia (ad esempio, contatto stretto di caso confermato): test molecolare su tampone oro/naso faringeo. In alternativa, test rapido antigenico su tampone oro-naso faringeo o nasale + conferma con test molecolare per i casi positivi.
  • I soggetti pauci-sintomatici in assenza di link epidemiologico: test rapido antigenico su tampone oro-naso faringeo o nasale senza conferma con test molecolare su tampone oro/naso faringeo per i casi positivi. In alternativa, test molecolare su tampone oro-naso faringeo.
  • I contatti stretti di casi confermati (incluso in ambiente scolastico o lavorativo) che sono asintomatici senza conviventi che siano fragili o non collaboranti: test rapido antigenico su tampone oro-naso faringeo o nasale senza conferma con test molecolare su tampone oro/naso faringeo per i casi positivi. In alternativa, test molecolare su tampone oro-naso faringeo.
  • I soggetti asintomatici provenienti da Paesi a rischio come da Dpcm: test rapido antigenico su tampone oro-naso faringeo o nasale senza conferma con test molecolare su tampone oro/naso faringeo per i casi positivi. In alternativa, Test molecolare su tampone oro-naso faringeo.
  • I contatti stretti di casi confermati che vivono o frequentano regolarmente soggetti fragili a rischio di complicanze o soggetti non collaboranti: test molecolare su tampone oro/naso faringeo. In alternativa, test rapido antigenico su tampone oro-naso faringeo o nasale + conferma con test molecolare su tampone oro/naso faringeo.
  • Gli asintomatici per ricovero programmato, ingresso in larghe comunità chiuse laddove previsto (ad esempio, Rsa, prigioni, strutture per soggetti con disabilità mentale o altro): test molecolare su tampone oro/naso faringeo. In alternativa, test rapido antigenico su tampone oro-naso faringeo o nasale + conferma con test molecolare su tampone oro/naso faringeo.
  • Gli operatori sanitari/personale in contesti ad alto rischio sottoposti a screening: test molecolare su tampone oro/naso faringeo. In alternativa, test rapido antigenico su tampone oro-naso faringeo o nasale + conferma con test molecolare su tampone oro/naso faringeo.
  • Le comunità che vengono sottoposte a screening per motivi di sanità pubblica (ricerca di persone con infezione in atto in un gruppo esteso di soggetti): test rapido antigenico su tampone oro-naso faringeo o nasale + conferma con test molecolare su tampone oro/naso faringeo per i casi positivi in assenza di link epidemiologico. In alternativa, test sierologico + conferma con test molecolare su tampone oro/naso faringeo per i casi positivi.
  • I soggetti in isolamento per la conferma di guarigione: test molecolare su tampone oro/naso faringeo.
  • Contatti asintomatici in quarantena per la chiusura a 10 giorni: test molecolare su tampone oro/naso faringeo. In alternativa, test rapido antigenico su tampone oro-naso faringeo o nasale.
  • Asintomatici che effettuano il test su base volontaria, per esami richiesti per motivi di lavoro o di viaggio (fatte salve prescrizioni specifiche dei Paesi di destinazione che possano prevedere specificatamente test molecolare) o per richieste non correlate ad esigenze cliniche o di salute pubblica ricadenti nei precedenti casi: test rapido antigenico su tampone oro-naso faringeo o nasale + conferma con test molecolare su tampone oro/naso faringeo per i casi positivi. In alternativa, test molecolare su tampone oro/naso faringeo o nasale.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
Tamponi molecolari, test rapidi e salivari: a che punto siamo con le tecnologie di screening del Covid-19?
Sanità Informazione ha fatto il punto della situazione con Massimo Pica, Presidente Assodiagnostici di Confindustria Dispositivi Medici
Tamponi antigenici rapidi, i pediatri di famiglia chiedono garanzie a Regione Lombardia e ATS
Missaglia (SIMPeF): «Disponibili ad applicare il protocollo se ATS mette a disposizione personale e logistica quando necessario»
di Federica Bosco
Tamponi rapidi dal medico di famiglia, i numeri di Piemonte, Lazio e Campania. Zanon: «Obiettivo non raggiunto»
Quasi 18 mila i tamponi rapidi effettuati dai medici di famiglia piemontesi, 11.600 nel Lazio, 7 mila in Campania. Il Direttore scientifico dell'Osservatorio Motore Sanità: «Lo screening funziona a macchia di leopardo»
di Peter D'Angelo
Tamponi rapidi e test sierologici in farmacia: in un mese trovati 6.153 positivi nel Lazio
Il punto di Federfarma Roma e Lazio ad un mese dall’avvio del servizio. Cicconetti (Federfarma Roma): «I dati confermano che le farmacie sono diventate un punto di riferimento imprescindibile nella lotta al virus». Leopardi (Federfarma Lazio): «Anche le altre Regioni seguano l’esempio del Lazio»
Test rapidi in azienda, Dpi e coaching per i dipendenti, il modello Consulcesi ai tempi del Covid
Simona Gori, Direttore Generale Consulcesi: «Siamo convinti che le aziende abbiano un ruolo centrale nella gestione della pandemia e per questo abbiamo investito per garantire ai nostri dipendenti di lavorare in sicurezza. Il modello aziendale va ripensato secondo i pilastri della sicurezza e della produttività»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 marzo, sono 115.618.088 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.569.422 i decessi. Ad oggi, oltre 275,84 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolt...
Voci della Sanità

Covid-19, Comitato Cure Domiciliari vince ancora al Tar: «Medici devono poter prescrivere farmaci che ritengono opportuni»

Sconfessata la nota Aifa del 9 dicembre 2020 contente i “principi di gestione dei casi Covid-19 nel setting domiciliare”, che prevede nei primi giorni di malattia la sola “vigile att...