Salute 2 Marzo 2021 12:57

Covid, il primario di cardiologia del Sacco: «Nella terza ondata su 100 nuovi casi, 99 per stupidità»

La terapia ideata dal cardiologo a base di eparina e aspirina funziona, ma una sovra infezione da batteri può essere letale. Viecca «Per uscire dal tunnel serve un piano vaccinale efficace e un comportamento più responsabile»

di Federica Bosco
Covid, il primario di cardiologia del Sacco: «Nella terza ondata su 100 nuovi casi, 99 per stupidità»

Fu il primo a capire che non era la polmonite, ma una trombosi ad uccidere i malati di Covid. Maurizio Viecca, primario di cardiologia all’ospedale Sacco di Milano, a undici mesi dalla sua scoperta racconta ai nostri microfoni perché ancora il 40 percento dei pazienti in terapia intensiva non ce la fa.

«La terapia prevede 15 giorni di anticoagulante, cioè l’eparina, associata all’aspirina e ad un altro antiaggregante per un tempo molto lungo. La cura è utilizzata con buoni risultati, ma oggi ancora si muore di Covid perché i pazienti arrivano in ospedale in una fase tardiva e la causa ultima è una sovra infezione. Come se il sistema immunitario ad un certo punto fosse stanco e non più in grado di difendersi dal virus e da tanti altri batteri. Infatti, ad aggravare irrimediabilmente la situazione sono le complicanze batteriologiche resistenti anche agli antibiotici. Il paziente va incontro ad un marasma: non risponde più all’infezione virale e batterica e il danno si propaga in diversi organi, polmoni, reni, intestino, cervello e cuore».

Studio Monzino conferma terapia con aspirina per bloccare complicanze trombotiche

A distanza di un anno dalla scoperta di Viecca, la terapia è oggi diffusa in molti paesi del mondo. «A cominciare dal Perù – puntualizza il primario di cardiologia del Sacco –, ma non abbiamo avuto riscontro dalla Commissione Sanità del Ministero a cui è stata presentata da mesi».  A riprova della terapia messa a punto da Viecca uno studio recente del Centro Cardiologico Monzino e dell’Università Statale, in collaborazione con l’Istituto Auxologico e l’università Bicocca. Ad un campione di 46 pazienti dell’Ospedale San Luca è stato proposto un mix di farmaci in grado di bloccare le complicanze trombotiche da Covid. I risultati sono stati pubblicati sul prestigioso Journal of the American College of Cardiology: Basic to Translational Science. «Nessuna novità rispetto a quanto adottato da noi undici mesi fa – ammette Viecca –. L’aspirina è già annoverata tra gli antiaggreganti della nostra terapia».

Da Milano a Bergamo crescono i contagi

Una conferma che la cura è efficace, ma per il cardiologo del Sacco non basta. Per uscire dal tunnel della pandemia occorre il comportamento responsabile dei cittadini.

«Purtroppo, alcuni comportamenti sono incomprensibili, come quanto accaduto ieri in Darsena o la scorsa settimana allo stadio San Siro in occasione del derby tra Milan e Inter, o ancora a Bergamo a margine della partita Atalanta Real Madrid dove c’erano centinaia di persone senza mascherine. È importante che passi il concetto che su 100 nuovi casi di infezioni, 99 sono dovuti ad imbecilli che non utilizzano la mascherina. L’equazione da tenere sempre a mente è: mascherina più vaccino, per ritornare ad una vita normale».

Obiettivo 500 mila vaccinazioni al giorno

A preoccupare oggi sono soprattutto le varianti; per il primario di cardiologia dell’ospedale Sacco occorre, però, non fare eccessivi allarmismi. «La gravità è la stessa, forse per quella sudafricana uno dei vaccini in commercio potrebbe non essere efficace – sottolinea Viecca -. Ma è importante non accrescere la paura. Nei giorni scorsi si è detto che al Sacco eravamo pieni di nuovi casi. Non è vero. Oggi l’ospedale è nella stessa situazione di quindici giorni fa, un mese o due mesi fa. Usiamo la scusa delle varianti per non dire che mezzi pubblici, apertura delle scuole e ristoranti hanno fatto risalire un po’ l’indice di contagiosità. Prima si fanno i vaccini e prima si torna alla normalità». Non usa mezzi termini il primario di cardiologia del Sacco, che non risparmia accuse anche all’indirizzo di chi fino ad oggi ha gestito il piano vaccinale. «Siamo abbastanza scandalizzati – rimarca – se non cambia l’organizzazione, finiremo le vaccinazioni a gennaio 2022 e se così fosse, ci sarebbe la necessità di ricominciare il giro ad ottobre dal momento che la copertura è di cinque o sei mesi, con il conseguente caos organizzativo per il reperimento del vaccino. Fa bene il presidente del Consiglio, Draghi, a porre come obiettivo 500 mila vaccinazioni al giorno, ovvero un numero dieci volte superiore a quello attuale. Ma è importante trovare le dosi, per questo dovremmo guardare al vaccino russo, già utilizzato in alcuni paesi europei. Potrebbe essere una soluzione».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Nuovo report Cabina di Regia: «Scende incidenza ma terapie intensive ancora sopra soglia critica»
Brusaferro: «Rt in decrescita. L’occupazione delle terapie intensive è ancora sopra il 41% e quella delle aree mediche è superiore al 44%». Rezza: «Variante inglese non può essere più definita variante: è il nuovo ceppo»
Studio Tsunami, il plasma non riduce rischio di peggioramento o morte dei malati Covid
Intervista al coordinatore dello studio Francesco Menichetti: «Debole segnale di vantaggio solo in pazienti senza grave insufficienza respiratoria»
di Federica Bosco
Covid-19, Draghi: «I vaccini ci sono. Priorità ai più fragili per riaprire tutto»
Locatelli: «Fiducia su AstraZeneca. Eventi avversi estremamente rari»
Terapie domiciliari Covid, Senato approva Odg che impegna governo ad aggiornare protocolli e linee guida
Una mozione della Lega è stata trasformata in Ordine del giorno sottoscritto da tutti i partiti. Previsto anche un tavolo di monitoraggio ministeriale. Soddisfazione da parte di Erich Grimaldi, Presidente del Comitato Terapie Domiciliari
Anticorpi monoclonali, dagli infettivologi appello ai medici di medicina generale per trovare i candidati
Al San Paolo di Milano, uno dei 17 centri della Lombardia autorizzati da Aifa per il trattamento, la professoressa D’Arminio Monforte chiede aiuto ai colleghi di medicina generale per velocizzare i tempi, non affollare il pronto soccorso e attuare la procedura che sta dando ottimi risultati
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 aprile, sono 136.063.656 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.937.096 i decessi. Ad oggi, oltre 773,55 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...