Salute 2 Marzo 2021 12:57

Covid, il primario di cardiologia del Sacco: «Nella terza ondata su 100 nuovi casi, 99 per stupidità»

La terapia ideata dal cardiologo a base di eparina e aspirina funziona, ma una sovra infezione da batteri può essere letale. Viecca «Per uscire dal tunnel serve un piano vaccinale efficace e un comportamento più responsabile»

di Federica Bosco
Covid, il primario di cardiologia del Sacco: «Nella terza ondata su 100 nuovi casi, 99 per stupidità»

Fu il primo a capire che non era la polmonite, ma una trombosi ad uccidere i malati di Covid. Maurizio Viecca, primario di cardiologia all’ospedale Sacco di Milano, a undici mesi dalla sua scoperta racconta ai nostri microfoni perché ancora il 40 percento dei pazienti in terapia intensiva non ce la fa.

«La terapia prevede 15 giorni di anticoagulante, cioè l’eparina, associata all’aspirina e ad un altro antiaggregante per un tempo molto lungo. La cura è utilizzata con buoni risultati, ma oggi ancora si muore di Covid perché i pazienti arrivano in ospedale in una fase tardiva e la causa ultima è una sovra infezione. Come se il sistema immunitario ad un certo punto fosse stanco e non più in grado di difendersi dal virus e da tanti altri batteri. Infatti, ad aggravare irrimediabilmente la situazione sono le complicanze batteriologiche resistenti anche agli antibiotici. Il paziente va incontro ad un marasma: non risponde più all’infezione virale e batterica e il danno si propaga in diversi organi, polmoni, reni, intestino, cervello e cuore».

Studio Monzino conferma terapia con aspirina per bloccare complicanze trombotiche

A distanza di un anno dalla scoperta di Viecca, la terapia è oggi diffusa in molti paesi del mondo. «A cominciare dal Perù – puntualizza il primario di cardiologia del Sacco –, ma non abbiamo avuto riscontro dalla Commissione Sanità del Ministero a cui è stata presentata da mesi».  A riprova della terapia messa a punto da Viecca uno studio recente del Centro Cardiologico Monzino e dell’Università Statale, in collaborazione con l’Istituto Auxologico e l’università Bicocca. Ad un campione di 46 pazienti dell’Ospedale San Luca è stato proposto un mix di farmaci in grado di bloccare le complicanze trombotiche da Covid. I risultati sono stati pubblicati sul prestigioso Journal of the American College of Cardiology: Basic to Translational Science. «Nessuna novità rispetto a quanto adottato da noi undici mesi fa – ammette Viecca –. L’aspirina è già annoverata tra gli antiaggreganti della nostra terapia».

Da Milano a Bergamo crescono i contagi

Una conferma che la cura è efficace, ma per il cardiologo del Sacco non basta. Per uscire dal tunnel della pandemia occorre il comportamento responsabile dei cittadini.

«Purtroppo, alcuni comportamenti sono incomprensibili, come quanto accaduto ieri in Darsena o la scorsa settimana allo stadio San Siro in occasione del derby tra Milan e Inter, o ancora a Bergamo a margine della partita Atalanta Real Madrid dove c’erano centinaia di persone senza mascherine. È importante che passi il concetto che su 100 nuovi casi di infezioni, 99 sono dovuti ad imbecilli che non utilizzano la mascherina. L’equazione da tenere sempre a mente è: mascherina più vaccino, per ritornare ad una vita normale».

Obiettivo 500 mila vaccinazioni al giorno

A preoccupare oggi sono soprattutto le varianti; per il primario di cardiologia dell’ospedale Sacco occorre, però, non fare eccessivi allarmismi. «La gravità è la stessa, forse per quella sudafricana uno dei vaccini in commercio potrebbe non essere efficace – sottolinea Viecca -. Ma è importante non accrescere la paura. Nei giorni scorsi si è detto che al Sacco eravamo pieni di nuovi casi. Non è vero. Oggi l’ospedale è nella stessa situazione di quindici giorni fa, un mese o due mesi fa. Usiamo la scusa delle varianti per non dire che mezzi pubblici, apertura delle scuole e ristoranti hanno fatto risalire un po’ l’indice di contagiosità. Prima si fanno i vaccini e prima si torna alla normalità». Non usa mezzi termini il primario di cardiologia del Sacco, che non risparmia accuse anche all’indirizzo di chi fino ad oggi ha gestito il piano vaccinale. «Siamo abbastanza scandalizzati – rimarca – se non cambia l’organizzazione, finiremo le vaccinazioni a gennaio 2022 e se così fosse, ci sarebbe la necessità di ricominciare il giro ad ottobre dal momento che la copertura è di cinque o sei mesi, con il conseguente caos organizzativo per il reperimento del vaccino. Fa bene il presidente del Consiglio, Draghi, a porre come obiettivo 500 mila vaccinazioni al giorno, ovvero un numero dieci volte superiore a quello attuale. Ma è importante trovare le dosi, per questo dovremmo guardare al vaccino russo, già utilizzato in alcuni paesi europei. Potrebbe essere una soluzione».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
La vaccinazione nei bambini è raccomandabile o meno? Le considerazioni della Simedet
L'opinione di Alberto Ferrando del Comitato Scientifico della Società Italiana di Medicina Diagnostica e Terapeutica
Covid e bambini, la denuncia dei TNPEE: «Aumentano casi di disagio e di disturbi dell’apprendimento, lavorare su variabili ambientali»
Molte regioni stanno implementando la figura del Terapista della Neuro e Psicomotricità dell’Età Evolutiva. Il Presidente Bonifacio: «Intercettare rapidamente disagio prima che possa svilupparsi una difficoltà più grave». La teleriabilitazione, esplosa con il Covid, sempre più essenziale nella trasformazione della professione
di Francesco Torre
Dopo il Covid-19, la pneumologia guarda al futuro
Parte la “Next generation. Pneumologi di domani a confronto” nell’Aula Magna dell’Università La Sapienza a Roma. Fino a domenica 5 dicembre i lavori in presenza e online del convegno SIP/IRS a cura di Francesco Lombardi e Carlo Vancheri
Dati ISS: Rt a 1,20 e incidenza in salita. Forte aumento casi non associati a catene già note
Ancora in salita Rt e incidenza sul territorio nazionale. Diminuiscono i casi rilevati tramite tracciamento contatti e anche l'Rt ospedaliero, che arriva a 1,09
Omicron, Cavaleri (Ema): «Servono due settimane per capire se evade l’immunità dei vaccini. Presto nuove autorizzazioni»
Il direttore della strategia vaccinale dell’Agenzia europea del farmaco elenca le prossime scadenze e i progetti in cantiere
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 dicembre, sono 266.517.100 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.263.777 i decessi. Ad oggi, oltre 8,22 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...