Salute 17 Novembre 2020 09:35

HappyAgeing: «Contro i virus non servono antibiotici. Puntare su vaccinazioni contro influenza e pneumococco per over 65»

Michele Conversano, presidente CTS HappyAgeing: «Un uso eccessivo ed errato degli antibiotici aumenta il rischio di sviluppare antibioticoresistenza: è un fenomeno che rende più deboli e porta a lunghi ricoveri, da evitare #Oggipiùchemai»

Domani si celebra la Giornata europea sull’uso consapevole degli antibiotici, una questione di sanità pubblica che potrebbe passare in sordina durante la pandemia e che invece deve essere attenzionata, poiché va ad impattare fortemente sulla stessa fascia di popolazione a maggior rischio: le persone con malattie croniche e gli over 65.

Per questo si leva il monito di HappyAgeing-Alleanza Italiana per l’Invecchiamento Attivo, a parlare è Michele Conversano, presidente del Comitato Tecnico-Scientifico: «La pandemia sta mettendo in seria crisi il nostro sistema sanitario – dice – abbiamo difficoltà a fermare il virus, ma possiamo contenere lo sviluppo di altre problematiche che solitamente congestionano gli ospedali e indeboliscono gli anziani: l’influenza stagionale, lo pneumococco, i ricoveri per herpes zoster – che possono essere evitati con i vaccini a disposizione – e anche le lunghe ospedalizzazioni causate dal fenomeno dell’antibioticoresistenza. Usare troppo spesso o male gli antibiotici, soprattutto quando non servono – come in caso di infezioni virali – non è solo inutile, è estremamente pericoloso per la salute e dannoso per il sistema sanitario poiché richiede procedure più impegnative e degenze prolungate, che in questo momento poi sono assolutamente da evitare».

Secondo i dati riportati dall’Istituto Superiore di Sanità, in Europa si registrano ogni anno 33mila decessi per infezioni causate da batteri resistenti agli antibiotici: oltre 10mila avvengono in Italia. «Gli Over 65 e gli anziani con cronicità sono i soggetti più minacciati dalla pandemia – aggiunge Conversano – poiché non abbiamo un vaccino per proteggerli dobbiamo rafforzarli su altri fronti: bisogna puntare sulle quattro vaccinazioni raccomandate dal Ministero della Salute ed evitare che siano inermi, a causa dell’antibioticoresistenza, di fronte ad eventuali infezioni batteriche». Un messaggio, quest’ultimo, che dovrebbe essere maggiormente veicolato attraverso campagne educative rivolte sia al personale sanitario che alla popolazione in generale, così come stabilito dall’Organizzazione Mondiale della Sanità nel 2015 e recepito successivamente dall’Unione europea e dall’Italia con il Piano Nazionale di Contrasto dell’Antimicrobico-Resistenza (PNCAR) 2017-2020. Ma questo è lo scopo anche della Settimana mondiale per la sensibilizzazione sull’uso consapevole degli antimicrobici che si svolge quest’anno dal 18 al 24 novembre.

«Raccomandiamo alcune semplici strategie da seguire – conclude Conversano – che possono aiutare anche a prevenire il fenomeno dell’antibioticoresistenza: innanzitutto un utilizzo prudente degli antibiotici che, ricordiamo, hanno efficacia nel trattamento e prevenzione di infezioni batteriche e poi l’attuazione di buone pratiche di controllo delle infezioni come l’igiene delle mani e l’utilizzo delle mascherine, fondamentali in questo periodo anche per combattere la diffusione del coronavirus. È opportuno, inoltre, ricorrere allo screening e all’isolamento dei pazienti infetti negli ospedali e promuovere lo sviluppo di nuovi farmaci che agiscono diversamente in quanto la resistenza agli antibiotici si sviluppa inevitabilmente nel tempo».

Le richieste di puntare sulle vaccinazioni e sulle strategie attive di promozione e somministrazione non sono nuove per HappyAgeing, che le ha messe nero su bianco nel position paper presentato ad ottobre sulle ‘Vaccinazioni dell’adulto/anziano nella stagione 2020/2021’: un documento che contiene otto precise richieste, supportate da dati scientifici e bibliografici, indirizzate al Ministero, alle Regioni e alle ASL sull’organizzazione del sistema.

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
Epatiti misteriose, il microbiologo: «Adenovirus resta indiziato numero 1, non si esclude correlazione con Sars-CoV-2»
Il responsabile di Microbiologia del Bambino Gesù sulle epatiti virali acute nei bambini: «Lockdown e mascherine potrebbero aver scatenato un debito immunitario». Quali sono i sintomi da tenere d'occhio
Settimana Immunizzazione: corsie preferenziali per i pazienti oncologici nel post Covid
Dall’incontro al ministero della salute emerge la necessità di imprimere un’accelerazione alla vaccinazione come strumento di salute pubblica per i pazienti fragili, in primis oncologici. Non solo quarta dose per il Covid ma anche tutte le altre somministrazioni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...