Salute 10 Giugno 2021 16:38

AstraZeneca ai più giovani, Speranza: «Discussione in corso in Cts»

Le interrogazioni al ministro della Salute: «Il profilo rischio-beneficio risulta progressivamente più favorevole all’aumentare dell’età. Di queste valutazioni terrà conto il Cts. Tutti i vaccini approvati da Ema e Aifa sono sicuri ed efficaci»

AstraZeneca ai più giovani, Speranza: «Discussione in corso in Cts»

In risposta all’interrogazione della senatrice Elena Fattori (Misto) Speranza ha parlato dell’opportunità di somministrare il vaccino AstraZeneca ai soggetti dai 18 anni in su, dopo alcuni casi di trombosi rare verificatisi in giovani donne. Il Comitato tecnico scientifico dovrebbe esprimersi su questo in serata: si parla di introdurre un limite di fattibilità sotto i 30 o i 40 anni.

«Il comitato per la farmacovigilanza dell’Ema ha rivelato un primo segnale di eventi tromboembolici a seguito del vaccino AstraZeneca a marzo 2021 concludendo che i benefici restavano complessivamente superiori ai rischi», ha ricordato Speranza. L’Ema ha inserito «gli eventi trombotici associati a livelli bassi di piastrine negli eventi avversi molto rari». Il ministro ha ribadito che il 7 aprile 2021 il ministero della Salute, su parere dell’Aifa, ha emesso una circolare vigente che raccomanda l’uso preferenziale del vaccino negli over 60.

«Il profilo rischio-beneficio di AstraZeneca risulta più favorevole all’aumentare dell’età»

«A fine aprile l’Ema ha analizzato i rischi e benefici del vaccino nelle diverse fasce d’età e in diversi scenari epidemiologici – ha aggiunto Speranza -. L’esito ha dimostrato che i benefici della vaccinazione aumentano con l’aumentare dell’età e il livello di circolazione del virus. L’Aifa – ha evidenziato – ha affermato che il profilo rischio-beneficio su AstraZeneca risulta progressivamente più favorevole all’aumentare dell’età. Di queste valutazioni terrà conto il Comitato tecnico-scientifico».

«Vaccini vera arma, sono tutti efficaci e sicuri»

Poi, un accenno alla campagna di vaccinazione, con 40 milioni di dosi somministrate. «Un risultato molto incoraggiante che sta producendo un esito positivo in termini di riduzione dei contagi, della mortalità e della pressione sui nostri servizi sanitari – ha specificato Speranza -. Voglio ricordare sempre che i vaccini sono la vera arma di cui disponiamo per chiudere questa stagione così difficile e che tutti quelli approvati da Ema e Aifa sono sicuri ed efficaci» ha aggiunto.

Pandemia e prestazioni sanitarie arretrate

«Nel 2020 c’è stata una riduzione di 1,3 milioni di prestazioni a causa della pandemia rispetto al 2019. È indispensabile mettere in atto tutte le strategie di riprogrammazione dell’attività ospedaliera e ambulatoriale alla luce del miglioramento delle condizioni e delle coperture vaccinali». Questa la risposta del Ministro all’interrogazione del senatore Francesco Zaffini (Fratelli D’Italia) sull’arretrato di prestazioni sanitarie causato dall’emergenza Covid-19.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Immigrazione, Aodi (Amsi): «Solo il 7% di 800.000 persone senza tessera sanitaria ha il green pass»
Solo in 13 regioni su 21 si possono effettuare vaccini per irregolari, ribadisce Aodi (AMSI) e denuncia i ritardi nelle vaccinazioni nei paesi più poveri
Il vaccino anti-Covid può causare infertilità?
Una delle preoccupazioni alla base della resistenza di molte persone alla vaccinazione anti-Covid riguarda le presunte ricadute sulla fertilità maschile. Uno studio del dipartimento di Urologia della University of Miami Miller School of Medicine prova a dare una risposta
Medicina di Genere, Ferro (SitI): «Necessario investire su formazione, comunicazione e ricerca»
Il webinar della Società Italiana di Igiene fa il punto sulla questione e indica tre vie per promuovere l’argomento
Covid, Gimbe: «Scende ancora il numero di nuovi vaccinati, a rilento le terze dosi»
Il monitoraggio Gimbe, nella settimana 29 settembre-5 ottobre, conferma tutti i numeri in calo, anche se in cinque regioni si registra un lieve incremento di nuovi casi. Quasi 2,6 milioni di over 50 rimangono senza alcuna copertura
Vaccini anti-Covid, EMA: «Su terza dose decidono Stati». E su richiamo J&J: «Stiamo valutando»
Cavaleri (Responsabile Vaccini e Prodotti terapeutici per Covid-19): «La nostra non è una raccomandazione forte ma un via libera a uso, se ritenuto appropriato»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 15 ottobre, sono 239.611.288 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.882.126 i decessi. Ad oggi, oltre 6,57 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Formazione

Punteggi anonimi per il test di Medicina 2021, a qualcuno non tornano i conti

Si confrontano i punteggi anonimi del test di Medicina 2021 e si fanno le prime previsioni sulla soglia minima per entrare, che oscilla tra due cifre. Intanto in molti lamentano di non aver ricevuto i...