Salute 11 Maggio 2020 16:15

Covid-19, l’epidemiologo: «Virus più debole grazie al lockdown, ma non meno pericoloso»

«Il fatto che il virus sia mutato non significa che la malattia sia più lieve. Questo è un virus nuovo, di cui sappiamo ancora pochissimo. Non dobbiamo mollare la presa o i contagi riprenderanno a salire». Facciamo chiarezza con il professor Massimo Ciccozzi del Campus Bio-Medico di Roma

Covid-19, l’epidemiologo: «Virus più debole grazie al lockdown, ma non meno pericoloso»

Il coronavirus SARS-CoV-2 è un virus a RNA, e come tale «nell’80% del suo corredo genetico è sempre uguale, ma nel 20% fa le sue mutazioni che a volte lo favoriscono, a volte lo danneggiano». Ma la conseguenza di queste mutazioni potrebbe essere la minore aggressività del virus? Non ne è affatto sicuro il professor Massimo Ciccozzi, responsabile dell’Unità di statistica medica ed epidemiologia molecolare dell’Università Campus Bio-Medico di Roma. Per l’epidemiologo, infatti, la minore circolazione del virus è in primo luogo effetto dei dispositivi di protezione e delle misure di contenimento e distanziamento sociale adottate dal Governo negli ultimi due mesi.

Ed è per questo che nella fase 2 «non dobbiamo abbandonare cautela e prudenza e continuare a rispettare le regole»: distanza di sicurezza, divieto di assembramento, obbligo di mascherina nei luoghi chiusi e all’aperto se si parla con qualcuno. I controlli ci sono, ma autocontrollo e responsabilità sono affidate ai singoli cittadini.

LEGGI ANCHE: TANTI ASINTOMATICI E VIRUS GIÀ PRESENTE IN AUTUNNO. DA RADIOGRAFIE E TEST NUOVE IPOTESI SUL COVID

Professore, durante l’audizione in commissione Igiene e Sanità al Senato, lei ha un po’ ricostruito l’evoluzione della pandemia di Covid-19. Ma secondo lei, perché il contagio al Centro-Sud è stato minore?

«È difficile dirlo, il virus è lo stesso. Probabilmente ha avuto meno possibilità di contagiare le persone, perché erano già più attente visto che a gennaio c’era stata la coppia di cinesi ricoverata a Roma all’ospedale Spallanzani».

È vero che il virus sta perdendo potenza, che è più debole?

«Sì, possiamo dire che il virus si sta indebolendo perché noi siamo stati bravi a mettere guanti, mascherine e mantenere le distanze. Lui fa le mutazioni perché è a RNA. Tutti i virus a RNA mutano, ma il grosso del lavoro lo abbiamo fatto noi e non dobbiamo abbassare la guardia: tra la fase 1 e 2 non cambia nulla».

Di recente, anche il direttore dell’Istituto di ricerche farmacologiche Mario Negri Giuseppe Remuzzi ha parlato di malati diversi, meno gravi rispetto a quelli delle scorse settimane in tutta Italia. Qual è il motivo secondo lei?

«Io non sono un clinico e non vedo i pazienti ma questa è un’ottima notizia. Il motivo ancora non lo conosciamo: il fatto che il virus sia mutato non significa che la malattia sia più lieve. Questo è un virus nuovo, di cui sappiamo ancora pochissimo».

Il caldo può aiutare per rallentare la diffusione del coronavirus SARS-CoV-2?

«Il caldo aiuta a mantenere la distanza sociale e ci spinge a vivere all’aperto. Non uccide il virus, anche se sicuramente predilige i mesi autunnali e invernali come tutti i virus respiratori».

In questa prima settimana di riapertura abbiamo visto tanta gente in giro soprattutto in gruppo nei parchi: quali sono i rischi?

«Questo è un guaio. Dobbiamo assolutamente mantenere comportamenti sociali responsabili, gli stessi della prima fase. Il virus fa il suo lavoro: infettarci. Non dobbiamo dargli questa possibilità, non dobbiamo prestare il fianco al virus. Se molliamo la presa, i contagi riprenderanno a salire. E questo significa buttare tutto il lavoro di questi mesi che ci ha portato ad avere R0 inferiore a 1 e a controllare l’epidemia. E allora, il messaggio deve arrivare forte e chiaro: si possono vedere i congiunti, certo, ma con le mascherine e a debita distanza, almeno un metro e mezzo. La mascherina chirurgica se portata da tutte e due le persone che si incontrano va bene. E niente abbracci».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo
Ad oggi, 27 gennaio 2023, sono 669.913.624 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.821.347 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino disponibile (19 gennaio 2023): Oggi in Italia il totale delle persone che hanno contratto il virus è di 25.415.630 (7.053 in più rispetto a ieri). Il […]
Vaiolo delle scimmie: scoperta nuova variante in Congo, potrebbe diventare globale
Nella Repubbica Democratica del Congo si è diffusa una variante pericolosa del vaiolo delle scimmie che, secondo gli esperti, potrebbe diffondersi anche a livello globale
Pubertà precoce femminile, colpa (anche) di smartphone e tablet?
Salerno (SIEDP): «Ancora da stabilire meccanismi di correlazione. Evitare allarmismi ma regolamentare tempistiche d’uso»
Cina: milioni di persone in lockdown senza cibo e medicine
Decine di milioni di persone sono bloccate in Cina a causa di lockdown estesi. I residenti denunciano carenze di beni di prima necessità
Lockdown controproducenti, in alcuni paesi hanno aumentato i contagi
Uno studio dell'Università della Finlandia orientale ha dimostrato che, in alcuni paesi, i lockdown sono stati inutili e controproducenti. In altre parole, i blocchi completi hanno aumentato la diffusione dei contagi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 27 gennaio 2023, sono 669.913.624 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.821.347 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Salute

Kraken, la nuova variante di Omicron dietro il boom di contagi negli Usa

Secondo il Cdc, Kraken ha più che raddoppiato il numero di contagi ogni settimana, passando dal 4% al 41% delle nuove infezioni