Salute 11 Maggio 2020

Covid-19, l’epidemiologo: «Virus più debole grazie al lockdown, ma non meno pericoloso»

«Il fatto che il virus sia mutato non significa che la malattia sia più lieve. Questo è un virus nuovo, di cui sappiamo ancora pochissimo. Non dobbiamo mollare la presa o i contagi riprenderanno a salire». Facciamo chiarezza con il professor Massimo Ciccozzi del Campus Bio-Medico di Roma

Immagine articolo

Il coronavirus SARS-CoV-2 è un virus a RNA, e come tale «nell’80% del suo corredo genetico è sempre uguale, ma nel 20% fa le sue mutazioni che a volte lo favoriscono, a volte lo danneggiano». Ma la conseguenza di queste mutazioni potrebbe essere la minore aggressività del virus? Non ne è affatto sicuro il professor Massimo Ciccozzi, responsabile dell’Unità di statistica medica ed epidemiologia molecolare dell’Università Campus Bio-Medico di Roma. Per l’epidemiologo, infatti, la minore circolazione del virus è in primo luogo effetto dei dispositivi di protezione e delle misure di contenimento e distanziamento sociale adottate dal Governo negli ultimi due mesi.

Ed è per questo che nella fase 2 «non dobbiamo abbandonare cautela e prudenza e continuare a rispettare le regole»: distanza di sicurezza, divieto di assembramento, obbligo di mascherina nei luoghi chiusi e all’aperto se si parla con qualcuno. I controlli ci sono, ma autocontrollo e responsabilità sono affidate ai singoli cittadini.

LEGGI ANCHE: TANTI ASINTOMATICI E VIRUS GIÀ PRESENTE IN AUTUNNO. DA RADIOGRAFIE E TEST NUOVE IPOTESI SUL COVID

Professore, durante l’audizione in commissione Igiene e Sanità al Senato, lei ha un po’ ricostruito l’evoluzione della pandemia di Covid-19. Ma secondo lei, perché il contagio al Centro-Sud è stato minore?

«È difficile dirlo, il virus è lo stesso. Probabilmente ha avuto meno possibilità di contagiare le persone, perché erano già più attente visto che a gennaio c’era stata la coppia di cinesi ricoverata a Roma all’ospedale Spallanzani».

È vero che il virus sta perdendo potenza, che è più debole?

«Sì, possiamo dire che il virus si sta indebolendo perché noi siamo stati bravi a mettere guanti, mascherine e mantenere le distanze. Lui fa le mutazioni perché è a RNA. Tutti i virus a RNA mutano, ma il grosso del lavoro lo abbiamo fatto noi e non dobbiamo abbassare la guardia: tra la fase 1 e 2 non cambia nulla».

Di recente, anche il direttore dell’Istituto di ricerche farmacologiche Mario Negri Giuseppe Remuzzi ha parlato di malati diversi, meno gravi rispetto a quelli delle scorse settimane in tutta Italia. Qual è il motivo secondo lei?

«Io non sono un clinico e non vedo i pazienti ma questa è un’ottima notizia. Il motivo ancora non lo conosciamo: il fatto che il virus sia mutato non significa che la malattia sia più lieve. Questo è un virus nuovo, di cui sappiamo ancora pochissimo».

Il caldo può aiutare per rallentare la diffusione del coronavirus SARS-CoV-2?

«Il caldo aiuta a mantenere la distanza sociale e ci spinge a vivere all’aperto. Non uccide il virus, anche se sicuramente predilige i mesi autunnali e invernali come tutti i virus respiratori».

In questa prima settimana di riapertura abbiamo visto tanta gente in giro soprattutto in gruppo nei parchi: quali sono i rischi?

«Questo è un guaio. Dobbiamo assolutamente mantenere comportamenti sociali responsabili, gli stessi della prima fase. Il virus fa il suo lavoro: infettarci. Non dobbiamo dargli questa possibilità, non dobbiamo prestare il fianco al virus. Se molliamo la presa, i contagi riprenderanno a salire. E questo significa buttare tutto il lavoro di questi mesi che ci ha portato ad avere R0 inferiore a 1 e a controllare l’epidemia. E allora, il messaggio deve arrivare forte e chiaro: si possono vedere i congiunti, certo, ma con le mascherine e a debita distanza, almeno un metro e mezzo. La mascherina chirurgica se portata da tutte e due le persone che si incontrano va bene. E niente abbracci».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
«Misure anti-Covid fino al 31 luglio». Le comunicazioni del ministro Speranza in Parlamento
«Nessuna decisione presa sulla proroga dello stato di emergenza. Verrà coinvolto il Parlamento. Ora non abbassare la guardia, l'Italia ha alle spalle la tempesta ma non è ancora in un porto sicuro»
Coronavirus, l’immunità dura solo pochi mesi? I guariti di nuovo positivi
Dallo studio del King’s College di Londra emerge un calo dell'immunità con il trascorrere del tempo: il livello di anticorpi prodotti dal nostro corpo scende dopo alcuni mesi
Il ritorno alla normalità non ci sarà. Parola dell’Oms
Preoccupa più di tutto il "caso Americhe", che da sole registrano il 50% dei nuovi casi giornalieri. Vaccino e ritorno alla normalità sono ancora lontani. Per il dg Oms Ghebreyesus è l'ora dei messaggi chiari da parte dei leader mondiali
«La formazione manageriale come nudge per il SSN e per il post Covid»
Tra gli elementi che la pandemia ha sollecitato vi è anche quello della complessità dei Sistema Sanitario. L’implementazione di competenze diffuse e trasversali è stata indispensabile per proporre risposte organizzative e di gestione dei bisogni di salute anche in periodo Covid. Strumenti tecnici e human skills che sono necessarie a governare i processi verso obiettivi […]
di Marinella D’Innocenzo, Direttore Generale ASL Rieti e coordinatrice del Corso di formazione manageriale Direttori di Struttura complessa Istituto “Arturo Carlo Jemolo”
Francia, il governo concede l’aumento dei salari agli operatori sanitari per 8 miliardi di euro
Dopo mesi di lotte con i sindacati il governo francese ha detto sì all'aumento dei salari per gli attori della lotta al coronavirus. 450 i milioni riservati ai medici del settore pubblico
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 14 luglio, sono 13.106.569 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 573.042 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 14 luglio: nell’ambito de...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Tumori della pelle in aumento, l’allarme di Ascierto: «Paura Covid ha scoraggiato i controlli»

L’esperto: «Una diagnosi precoce consente alti tassi di guarigione, la prevenzione è l’arma più efficace»